10 domande a... Ignacy Trzeviczek

Interviste
Giochi

Oggi per voi le 10 domande le abbiamo fatte ad Ignacy Trzeviczek (Robinson Crusoe, 51st State, Stronghold, Imperial Settlers). 

La traduzione è opera dei Giullari, in fondo il testo originale ininglese. 

1. Qual è la corretta pronuncia del tuo cognome? :)
E’ facilissimo!  E’ “Tschevicheck” :)
 
2. Molti dei tuoi giochi sviluppano una forte ambientazione usando meccaniche di altri generi (giochi german). E’ una coincidenza o è un tuo preciso intento mescolare questo genere di cose? Continua ad avere senso distinguere tra giochi american/german o dobiamo aspettarci una progressiva contaminazione dei due?
Io amo i giochi american per la loro ambientazione e allo stesso tempo, non mi piacciono per via dello loro regole abbastanza semplici e alle volte troppo casuali. D’altro canto mi piacciono le regole eleganti dei giochi german, ma odio l’ambientazione noiosa che non è mai inerente alle meccaniche di gioco. Ecco perché mi sforzo di fondere questi due mondi  usando ambientazioni ricche e coinvolgenti e allo stesso tempo costruirle su meccaniche interessanti e solde. Credo che sempre più giochi di questo tipo verranno pubblicati in futuro. 
 
3. Sembra che tu abbia una predilezione per l’uso delle carte nei tuoi giochi. E’ un preciso intento o solo una conseguenza emersa durante lo sviluppo del gioco?
Le mie radici affondano nei giochi di carte. Alle scuole superiori ho giocato tantissimo a DoomTrooper CCG, poi quando ero al college ho giocato ad altri giochi di carte collezionabili come Il Trono di Spade CCG, Doomtown CCG ed altri. Io amo le carte, costruire delle combo, creare interazione tra le carte e costruire un motore. Questo è quel che più amo ed ecco perché molti dei miei giochi sono card driven.
 
4. Abbiamo notato una piacevole “invasione” di giochi provenienti dall’est Europa. Come sono i giocatori ed il mercato dei boardgame in Polonia, Russia e via dicendo? Noti una crescente passione tra i giocatori e gli autori?
Si, la passione per I boardgame in Polonia sta crescendo in modo pazzesco. Proprio oggi un giornale molto serio dedicato all’economia ha pubblicato un articolo sull’industria del gioco da tavolo in Polonia. Negli ultimi anni l’industria del gioco da tavolo ha avuto una crescita del 25-30% annuo. Abbiamo più giochi, più negozi di giochi, più editori e, ciò che è più importante, abbiamo sempre più giocatori. I boardgame sono di tendenza in Polonia, sono presentati dai mass media e questo è un grande momento per questo hobby in Polonia.
 
5. Che tipologia di giochi, giochi di solito? Dicci qualcuno dei giochi (di altri autori) che ami.
Gioco letteralmente ad ogni tipo di gioco. Amo I party games, amo I giochi di Guerra, mi piacciono gli euro game, i giochi di carte… Non c’è genere o tipo di gioco a cui non gioco. Non sono un grande fan dei giochi con “insalata di punti”, gli euro troppo asciutti, ma tutti gli altri, li amo tutti!
 
6. Guardando alle tue passate produzioni, c’è un gioco che vorresti cambiare in modo significativo? Un gioco per cui tu abbia dei rimpianti? Qualcosa per cui dici “se avessi fatto così, questo gioco sarebbe stato apprezzato di più, o meglio?
Ogni gioco che pubblico sarebbe migliore se lo pubblicassi adesso. Sto imparando nuove cose circa il game design ogni giorno e vorrei rifare ciascuno dei miei giochi. Per fortuna è impossibile. Se fosse possibile mi fermerei su un unico gioco e lo migliorerei per anni. 
 
7. Domanda inversa: quale dei tuoi giochi ti ha dato più soddisfazione? Intendo in termini di puro design, non la risposta del pubblico/vendite.
Credo che Pret-a-Porter è un gioco molto ben fatto, un gioco economico molto buono. Credo che anche Robinson è un gioco molto buono. In effetti mi piacciono tutti e sono molto orgoglioso di tutti i miei giochi.
 
8. Quanto tempo richiede un gioco come Robinson Crusoe per essere sviluppato e playtestato? Mesi? Anni? Quanto è cambiato dall’inizio alla fine?
Ne ho parlato sul mio blog, Boardgames That Tell Stories (Giochi da tavolo che raccontano storie N.d.T.), ci sono un paio di articoli dedicati a Robinson. Di base c’è un anno di lavoro, 12 mesi tra sviluppo e playtest. E’ un enorme quantità di lavoro ma ti ripaga quando vedi tutti i giocatori che si divertono col gioco.
 
9. Alcuni dei tuoi giochi appaiono poco pratici. Questo dipende dal fatto che tu voglia trasmettere un grande realismo, o una grande profondità, o cos’altro? E a proposito dei regolamenti? A volte sono – lasciami cercare una parafrasi educata ;-) - non così chiari e precisi…
I miei regolamenti fanno schifo, diciamo la verità ma questa è storia, c’era un tempo in cui li scrivevo io. Ora ho assunto una persona il cui lavoro è scrivere regolamenti e fa un lavoro eccezionale. Da che ha iniziato a lavorare alla Portal Games, non ci sono reclami riguardo i regolamenti!  Per quanto riguarda la scarsa praticità, è il caso di Robinson, ma… Non potevo costruire una storia avvincente e un gioco coinvolgente senza aggiungere token, dadi e molte carte. Questa è compensazione – tema ricco = molti componenti poco pratici. Se guardate Convoy o Zombiaki, avete giochi che hanno unicamente un mazzo di carte e qualche token. Ma questa è una diversa progettazione e un diverso tipo di gioco. 
 
10.  Progetti per il futuro. Nuove razze per Imperial Sellers? Un nuovo grande gioco? Raccontaci qualcosa sui tuoi giochi future che non sappiamo ancora.
Ho appena pubblicato una nuova espansione per Imperial Settlers, lavoro su una seconda espansione, lavoro su una nuova edizione di Stronghold, lavoro su nuovi scenari per Robinson, lavoro su un nuovo gioco per due giocatori… e ho tantissimi prototipi da testare! 
 
 
TESTO ORIGINALE:
1) What's the exact diction of your surname? :-)
It's dead simple! ;) It is "Tschevicheck"
 
2) A lot of your games develop a strong theme by using other genres' mechanics (german games). Is it a coincidence or is it your precise intent to mix these kind of things? Does it still make sense distinguishing between american/german games or are we attending to a progressive medley of the two's?
I love american games for their theme and at the same time, I don't like them because of rather simple and in many cases very random rules. On the other hand I like elegant German rules in games, but I hate this boring theme that is never true to the engine of the game. That is why I try so hard to merge these two worlds and to use rich, entertaining themes and at the same time build them on solid, interesting mechanisms. I believe more and more such games will be published in the future. 
 
3) You seem having a particular love for cards in your games. Is this a precise mechanic intent or just a consequence emerging during a game design?
I have roots in card games. In high school I played lot of DoomTrooper CCG, then when I was at college I played other CCG like Game of Thrones CCG, Doomtown CCG and other. I love cards, building combos, creating some interactions between cards and building engines. That is what I really love and that is so many of my designs is card driven.
 
4) We see a pleasing “invasion” of boardgames coming from estern Europe. How are the boardgames market and players in Poland, Russia and so on? Do you see a rising passion by players and designers?
Yes, board games hobby in Poland is growing like crazy. Just today very serious newspaper dedicated to business published an article about board games industry in Poland. For the past few years the industry was growing 25-30% per year. We have more games, more game stores, more publishers  and what is most important, we have more gamers. Board games are trendy in Poland, they are presented in mass media and this is a great time for this hobby in Poland.
 
5) What kind of games do you usually play? Tell us some games (made by other designers) you love.
I literally play all types of games. I love party games, I love war games, I love good euro games, card games... There is no genre or type of games I don't play. I am not a big fan of 'point salad' games, dry euros, but all other - I love them all! ;)
 
6) Looking at your past production, is there any game that you would like to change significantly? A game you have some regrets about? Something you say “if i did this way, this game would have been better and more appreciated”?
Every game I published would be better if I publish it now. I am learning, I learn new things about game design every day and each of my games I'd love to redesign.
Fortunately, it is impossible. If this is possible I would sit on one game and improve it for years ;)
 
7) Opposite question: what's the game you did that get you more satisfacted? I mean in terms of pure game design, not selling/public response.
I think that Pret-a-Porter is a very good design, very good economy game. I believe Robinson is a very good game too. I like them all in a fact and I am very proud of all my games. 
 
8) How long does it take a game such as Robinson Crusoe to be developed and playtested? Months? Years? How much does it change from beginnning to the end?
I wrote about it at my blog, Boardgames That Tell Stories, there is couple of articles dedicated to Robinson. Basically this is a year of work, 12 months of design and playtesting. It is a huge amount of work but it pays off when you see all gamers having fun and enjoying the game. 
 
9) Some of your games appear a bit fiddly. Is that beacause you like to convey a greater realism, or a greater deepness, or what else? And what about game rules? Sometimes they are – let me search for a polite paraphrase :-) – not so clear and precise...
My rulebooks sucked, let's face it but this is a history - that was a time when I wrote them. Now I hire a person who's job is to write rulebooks and he does amazing job. Since he workd at Portal Games, no complains about rulebooks! :)
According to fiddleness it is a case of Robinson, but well... I couldn't build an engaging story and engaging game without adding tokens, dice and many cards. That's compensation - rich theme = many fiddly components. If you look at Convoy or Zombiaki, you have a game that consist of one deck of cards and few tokens. But this is different design and different type of game. 
 
10) Projects for the future. New races for Imperial Settlers? A new big game? Tell us something about your future games we don't know yet.
i just published new expansion for Imperial Settlers, I work on second expansion, I work on new edition of Stronghold, I work on new scenarios for Robinson, I work on new board game for two players... I have plenty of prototypes to test :)
 
 

Commenti

Black-Meeple

gli vorrei chiedere perché ha fatto le scritte di Imperial Settlers così piccole...