Ancora su BattleLore

Autore: 
Argomento Articolo: 

Eric Hautemont su BattleLore

Il prodotto più ambizioso della Days of Wonder

11 Settembre 2006



L’Amministratore Delegato della Days of Wonder, Eric
Hautemont, intervistato da ICv2
racconta
i retroscena di BattleLore, che lui stesso definisce la produzione
più ambiziosa di sempre per la Days of Wonder,  e
che sarà realizzata per la fine di Novembre per I mercati
Europei e Nord Americani, in Inglese, Francese e Tedesco per un prezzo
al pubblico suggerito in €70 o $70 rispettivamente.

ICv2:
Le miniature di BattleLore sono già dipinte?




Eric Hautemont: No, non sono dipinte. Sono in plastica e le persone
potranno dipingerle a loro piacimento. Comunque ci sarà un
componente chiave ne gioco, le bandiere, attaccate alle miniature
chiave del gioco, che saranno completamente colorate ed incollate ai
portabandiera. L’effetto che ne deriva (dal mix bandiera e
miniature non colorate) è di sicuro effetto. In futuro non
è da escludere una versione colorata delle miniature.



Quanto
sono alte le miniature?




EH:  Alcune creature, come il Gigante di Montagna, la
miniatura promozionale che sarà presto disponibile nei
negozi specializzati, sono alte da 25 a 30 mm, ma queste sono da
considerarsi creature uniche nel gioco, le unità normali che
costituiranno le armate dei giocatori saranno comprese tra la misura
delle miniature di Memoir '44, 20 mm, e 25 mm. Ricordati, avrete 200
miniature dalla vostra, fare un paragone anche solo visuale con altri
giochi in commercio è difficile, perché questo
è un gioco basato sui combattimenti di massa,
così stiamo cercando di dargli un look che si sposi con il
fatto di avere tante miniature, piuttosto che verso uno basato sulle
squadriglie o le singole unità.



Parlaci
delle bandiere.




EH:  Saranno 58…..

…..Le bandiere si legano a diverse cose. La forma della
bandiera, per esempio – ci saranno due tipologie, una sembra
si appesa, l’altra sembra mossa dal vento
–darà l’idea di quale accampamento
l’unità sia o a quale schieramento appartenga. Poi
devi considerare lo sfondo delle bandiere, in diversi colori
corrispondenti a diverse truppe. Così, la bandiera verde
rappresenterà le truppe “giovani”,
quello non appropriatamente addestrate, la bandiera blu
indicherà le truppe regolari, l’ossatura di ogni
schieramento e le bandiere rosse rappresenteranno le unità
di elite. Sulle bandiere troverete anche altre informazioni, tra cui la
più importante sarà il simbolo
dell’arma, che fornirà informazioni sul tipo di
combattimento proprio di quelle truppe, quindi per esempio, una
unità di balestrieri si batterà in maniera
diversa da una di arcieri. In questo modo potremo garantire tutta
quella varietà di unità che la gente si aspetta
in un gioco fantasy, usando qualcosa di accattivante visivamente
parlando e molto semplice da interpretare dai giocatori. Non vogliamo
che i nostri giocatori debbano prendere sempre nuove miniature, e
cercare di capire dai dettagli delle stesse o da reference books cosa
stanno affrontando



Cosa
significa che BattleLore ha una meccanica "card-driven"?




EH:  Questo gioco rappresenta un’interessante via di
mezzo tra un gioco da tavolo tradizionale, come per esempio Memoir '44,
e un gioco di miniature cui assomiglia da un punto di vista estetico e
di dimensioni, ma il modo in cui potrete attivare le miniature
sarà guidato da carte, cosa più vicina ai giochi
da tavolo. Ciò significa che ci sarà un set di
carte comuni che saranno pescate da un mazzo dai giocatori, carte che
focalizzeranno l’attenzione su una parte del campo di
battaglia. Quindi usare una carta riferita al tuo fianco sinistro,
significherà poter muovere e far combattere truppe
posizionate alla propria sinistra e così via. Se giocherete
una carta che vi permetterà di mandare una unità
dietro le linee nemiche, le carte comuni indicheranno da quale parte
queste unità si muoveranno. Il numero di carte che avrete in
mano stabiliranno il vostro numero di possibili scelte e il modo in cui
potrete reagire ai movimenti dell’avversario. Questo
è quello che definiamo un sistema
“card-driven” – il cuore del gioco
è un set di carte che avrete in mano, che dovrete utilizzare
al meglio in modo da riuscire nei vostri piani di battaglia.



E’
questo ciò a cui ti riferisci quando definisci BattleLore un
"foundation game" (capostipite): avrete una fitto programma di
produzione?




EH:  Sicuramente, il nostro programma comincia già
a Marzo del prossimo anno, con la realizzazione mensile di un paio di
nuovi pezzi al mese, non di più per evitare un eccessivo
appesantimento anche per i negozianti e i giocatori. Oltre a queste
figure di “elite”, abbiamo pianificato due grandi
espansioni all’anno – a Giugno del prossimo anno,
abbiamo in programma un box contente un nuovo esercito. In
più, al fine di mantenere alta l’attenzione sul
prodotto, stiamo per realizzare un paio di piccole cose, miniature
speciali che manderanno in visibilio i giocatori.



Quindi
I giocatori potranno creare i loro eserciti – potranno due
giocatori in possesso della scatola base, schierare le loro armate una
contro l’altra?


 

EH: Sì, e non solo, potrete ingrandire il campo di battaglia
– il retro del piano di gioco è una
metà di un piano di grandezza maggiore che potrà
essere combinato con quello di un altro set base –
così si potrà ottenere un piano di grandezza
doppia. Stiamo già preparando molti scenari e campagne varie
definendo “epiche” quelle basate su piani doppi.