[Anteprima Essen 2015] Isle of Skye: From Chieftain to King

Anteprima
Giochi

Scheda Bgg: https://boardgamegeek.com/boardgame/176494/isle-skye-chieftain-king

INTRODUZIONE

“Isle of Skye: from chieftain to King” è il gioco di Andreas Pelikan e Alexander Pfistzer presentato dalla Lookout Games a questa Essen anche se il gioco è già stato presentato oltreoceano alla GenCon. Il gioco è per 2-5 giocatori della durata massima di 60 minuti.

Nel gioco vestiremo i panni di uno dei cinque capiclan impegnati nella battagli per il predominio dell’isola di Skye e solo chi riuscirà a sviluppare al meglio il proprio territorio potrà essere nominato re dell’isola. Per farlo si sfrutteranno meccaniche d’asta e piazzamento tessere e chi otterrà il maggior numero di punti vittoria nei sei round di gioco sarà proclamato vincitore.

 

Scheda Bgg: https://boardgamegeek.com/boardgame/176494/isle-skye-chieftain-king

INTRODUZIONE

Isle of Skye: from chieftain to King è il gioco di Andreas Pelikan e Alexander Pfistzer presentato dalla Lookout Games a questa Essen anche se il gioco è già stato presentato oltreoceano alla GenCon. Il gioco è per 2-5 giocatori della durata massima di 60 minuti.

Nel gioco vestiremo i panni di uno dei cinque capiclan impegnati nella battagli per il predominio dell’isola di Skye e solo chi riuscirà a sviluppare al meglio il proprio territorio potrà essere nominato re dell’isola. Per farlo si sfrutteranno meccaniche d’asta e piazzamento tessere e chi otterrà il maggior numero di punti vittoria nei sei round di gioco sarà proclamato vincitore.

IL GIOCO

Durante il corso del gioco ogni giocatore costruirà il proprio territorio posizionando le tessere acquistate a partire dalla tessera iniziale raffigurante il proprio castello. Come in Carcassonne gli elementi di paesaggio (montagna, pascolo, acqua) devono combaciare per poter posizionare la tessera, mentre non è necessario che le strade proseguano tra le tessere.

Il gioco si svolge su 6 round (5 in una partita a 5 giocatori) composti da 6 fasi:

1.      Entrate

Ogni giocatore riceve 5 monete più 1 per ogni tessera raffigurante una botte di whisky collegata tramite strade al castello. Inoltre, a partire dal terzo round, si ottengono ulteriori soldi per ogni giocatore con più punti vittoria.

2.      Pescare tessere e assegnare i prezzi

Ogni giocatore pesca tre tessere a caso dal sacchetto e le posiziona scoperte davanti al proprio schermo. Segretamente assegna ad una delle tre tessere il token “scarto” e alle altre due tessere un’offerta di almeno una moneta.

3.      Scartare una tessera

Quando tutti hanno terminato la fase 2 si rimuovono gli schermi e si rimette nel sacchetto la tessera che si è scelto di scartare

4.      Comprare una tessera

Partendo dal primo giocatore si può comprare una sola tessera da un altro giocatore pagando al giocatore le monete assegnate a quella tessera. Chi vende riceve sia le monete dell’altro giocatore che quelle che aveva assegnato a quella tessera. Dopo che tutti hanno comprato (o passato) si ricevono anche le tessere ancora di fronte a sé, spendendo la somma assegnata.

5.      Costruire

Ogni giocatore deve ora posizionare le tessere che ha ricevuto al proprio territorio rispettando le regole di posizionamento. Se una tessera non può essere piazzata, ritorna nel sacchetto.

6.      Fine round e punteggi

Alla fine del round tutti i giocatori ricevono i punti vittoria dati dalla tessera punteggio relativa al turno in corso. Ognuna delle 4 tessere punteggio verrà conteggiata tre volte durante la partita.

Alla fine della partita ogni giocatore riceve i punti vittoria dati dalle tessere raffiguranti una pergamena (doppi se la tessera si trova in un elemento di paesaggio “chiuso”) e 1 punto ogni 5 ori avanzati. Chi ha collezionato più punti vittoria vince.

PRIME IMPRESSIONI

Isle of Skye non brilla certo per originalità nel panorama del piazzamento tessere, per quanto la meccanica dell’assegnare le offerte alle tessere pescate, dovendo gestire in modo oculato il denaro da spendere e il denaro da conservare per acquistare tessere dà un twist al gioco che lo fa entrare nella lista dei giochi da provare

Questa meccanica, è giusto sottolinearlo, ci ha ricordato quella vista in “The Castles of Mad King Ludwig”, anche se in questo gioco ci sembra sia più dipendente dal numero di giocatori. Potrebbe capitare a qualche giocatore in alcuni turni di non poter aggiungere nessuna tessera e ad altri di poterne aggiungere addirittura tre, ma questo solo in una partita con almeno 3 giocatori.

La scalabilità ci lascia qualche dubbio. Il numero di tessere nel sacchetto è sempre lo stesso in base al numero di giocatori e, giocando in due giocatori, si vedranno molte meno tessere rendendo il gioco probabilmente meno avvincente, anche nella fase delle offerte. Ci incuriosisce invece il metodo di punteggio e la rigiocabilità sembra essere assicurata proprio dalle tessere punteggio che andranno a delineare una diversa partita ogni volta.

Autore: 
IGiullari