[Anteprima] SeaFall

Anteprime
Giochi

 Scheda BGG: https://www.boardgamegeek.com/boardgame/148261/seafall

Preorder alla PHG: http://www.plaidhatgames.com/store/5476

Presentazione e Regolamento: http://www.plaidhatgames.com/games/seafall

Attesissimo questo gioco di Rob Daviau, edito dalla pionieristica Plaid Hat Games che, dopo Dead of Winter, pare intenzionata a mettere a segno un altro colpaccio editoriale. 

Attesissimo perché, dopo Risk Legacy e Pandemic Legacy, questo è il primo gioco nato e sviluppato appositamente attorno al sistema Legacy. 

Scheda BGG: https://www.boardgamegeek.com/boardgame/148261/seafall

Preorder alla PHG: http://www.plaidhatgames.com/store/5476

Presentazione e Regolamento: http://www.plaidhatgames.com/games/seafall

Attesissimo questo gioco di Rob Daviau, edito dalla pionieristica Plaid Hat Games che, dopo Dead of Winter, pare intenzionata a mettere a segno un altro colpaccio editoriale. 

Attesissimo perché, dopo Risk Legacy e Pandemic Legacy, questo è il primo gioco nato e sviluppato appositamente attorno al sistema Legacy. 

COS'È IL LEGACY

È un sistema di gioco per il quale una serie di partite vengono collegate in una struttura a campagna non ripetibile. La non ripetibilità è la chiave che differenzia il Legacy dalle normali campagne di gioco. Per com'è nato il sistema, questa non ripetibilità è data da due fattori:

1) Alterazione permanente. dei componenti di gioco (adesivi, carte strappate, scatole sigillate aperte, ecc).

2) Spoiler della storia generale che devono cogliere di sorpresa il giocatore e una volta rivelati rendono irripetibile l'esperienza di gioco, dato che si avrebbe una conoscenza pregressa degli avvenimenti.

SEAFALL

Un 4X a tema navale. Explore, expand, exploit, exterminate. Leggendo il regolamento, troviamo tutte queste caratteristiche.

I giocatori hanno una provincia di partenza, molto dettagliata e con parecchi slot riempibili da migliorie e due navi, anche queste potenziabili. 

Il tabellone è una mappa esagonata, con molti spazi di mare vuoti e alcune isole. Su queste isole è possibile esplorare, commerciare, razziare. Si cercherà così di espandere il proprio dominio, potenziare il proprio regno e, all'occorrenza, attaccare direttamente gli insediamenti avversari, scendendo in guerra contro gli altri giocatori. 

Ogni partita (ne sono previste 15 per la campagna completa), prevede il raggiungimento di un certo ammontare di punti gloria (PG) per vincere. I PG si sommano di partita in partita, determinando alla fine il vincitore della campagna. 

La singola partita si articola in “anni” e ogni anno di gioco è composto da: 

- Inverno, in cui c'è un reset di alcune carte, segnalini e miglioramenti disponibili.

- Sei round di gioco, nel corso dei quali ogni giocatore svolge un singolo turno.

Al proprio turno si eseguono nell'ordine le seguenti fasi: 

1) Reclutare un Consigliere (una carta che dà bonus per il turno) o comprare un Tesoro (PG).

2) Attivare uno dei propri Consiglieri.

3) Usare una Gilda. Ogni gilda fornisce 3 azioni possibili e il giocatore ne può fare 2. Un'azione è sempre navigare, quindi spostare la navi sulla plancia, una richiede la presenza di una delle proprie navi nel luogo in cui si vuole svolgere l'azione, la terza non ha bisogno della nave. Nello specifico:

- Gilda dei Mercanti: navigare, comprare merci, vendere merci.

- Gilda dei Costruttori: navigare, costruire, riparare/migliorare.

- Gilda degli Esploratori: navigare, esplorare una nuova terra sulla mappa, scoprire migliorie.

- Gilda dei Soldati: navigare, razziare, tassare.

4) Reclamare una milestone (sono carte con requisiti da ottemperare per ottenere PG).

5) Esaurire il Consigliere usato in quel turno.

Da notare la presenza di un Libro del Capitano, con diversi paragrafi da leggere di volta in volta, immagino con una componente anche narrativa. 

PRIME IMPRESSIONI

La paura più grossa era che il gioco di base potesse essere blando o poco sviluppato. In Pandemic Legacy, Daviau aveva una solida e collaudata base su cui appoggiarsi. In SeaFall, ha dovuto fare tutto da zero.

L'impressione è più che positiva, con un 4X verosimile e articolato, con una forte dose di interazione diretta e molte possibilità. Tante azioni, come esplorare o combattere, sono risolte tramite il dado, a volte mitigato spendendo segnalini fortuna. Pare buono anche l'equilibrio tra esplorazione e potenziamento e ho apprezzato la rosa di azioni che ogni gilda fornisce, ponendo l'accento sulle navi e sulla topografia del tabellone, ma allo stesso tempo lasciando un'azione sempre disponibile anche senza la presenza fisica della nave.

I molti spazi lasciati nel regolamento per le regole addizionali lasciano intendere che parecchie novità e sorprese verranno introdotte durante la campagna, per mettere alla prova l'adattamento dei giocatori e sviluppare una storia, forte anche del Libro del Capitano.

Si accenna a portali magici, a tombe, templi e quindi c'è da supporre che il gioco non riserverà solo altre isole e commercio...

Come pesantezza siamo decisamente sopra a Pandemic Legacy, con un gioco più strutturato già in partenza e orientato ai gamers.

In fondo al manuale ci sono alcune regole per chi si inserisce a campagna iniziata, per chi la abbandona definitivamente o per chi salta una  partita. Naturalmente il consiglio, anche dell'autore, è in questo caso di partire e finire assieme, con un gruppo fisso di giocatori.

Insomma, questo SeaFall si preannuncia come la prova del fuoco per Daviau e per il Legacy in generale. Dalla lettura del regolamento, le premesse per un nuovo successo paiono esserci tutte.

Autore: 
Agzaroth

Commenti

linx

Dopo la lettura delle regole intriga anche me. Non so ancora se mi lascerò attrarre perché... non mi ha suscitato la voglia di prenderlo per provare qualcosa in particolare che propone. Alla fine, pensandoci, al momento ci sono solo cose banali da fare risolte in maniera convenzionale, dove a ispirarmi in effetti è quasi solo in concetto di upgrade.. che è stato comunque sviluppato, per quanto visto, con un sistema di semplici miglioramenti di punteggi: +1 di qua, +1 di là... bah

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".