Bando Premio Chiosso 2011

Autore: 
Argomento Articolo: 

Dopo la positiva esperienza dello scorso anno Murderparty ha deciso di riproporre anche quest’anno il Premio Remo Chiosso, il modo migliore per continuare a ricordare chi, più di ogni altro, ha contribuito alla diffusione dei murder party in Italia.

IL BANDO DEL PREMIO CHIOSSO 2011

1. Partecipazione al Premio

E' bandito il Premio Chiosso Edizione 2011. La partecipazione al Premio è gratuita e aperta a tutti, esclusi i membri di giuria e gli organizzatori.

2. Le Sezioni del Premio

A) Sezione "giallo e letteratura"

Sono ammessi alla partecipazione in questa sezione gialli letterari con tematica poliziesca o "gialla".

- murder party

- gialli teatrali

- racconti gialli o "noir"

I murder party devono essere scritti in un format da gioco di società.

Per esempio "classico" (o all'inglese) o "serata in giallo". Non saranno invece presi in considerazione format che prevedono la presenza di attori professionisti.

I gialli teatrali devono avere una lunghezza massima di 50 cartelle (orientativamente 30 righe per 60 battute).

I racconti devono avere una lunghezza massima di 10 cartelle (orientativamente 30 righe per 60 battute).

I partecipanti nella sezione "giallo e letteratura" devono sottoscrivere in calce alla loro opera la seguente dichiarazione:

"Contestualmente all'invio della mia opera [inserire nome dell'opera], [inserire nome e cognome dell'autore] dichiara che il testo è inedito, di esserne l'autore, di non averne ceduto a terzi i diritti di distribuzione o altri diritti legati al copyright e di poterne disporre in piena e assoluta libertà. L'autore autorizza inoltre la Murderparty, titolare del Premio Chiosso e limitatamente agli scopi del concorso in oggetto, al trattamento dei propri dati personali, ai sensi del D.L.196/2003 e successive modifiche e integrazioni.

Autorizzo la Murderparty a inserire l'opera nella antologia delle migliori opere ricevute nella sezione "giallo e letteratura" nel corso del Premio Chiosso 2011, e dichiaro di rinunciare - limitatamente all'opera antologica - ai proventi per i diritti d'autore, che restano peraltro di mia esclusiva proprietà. Intendo in tal modo sostenere le attività della Murderparty per la diffusione del giallo come attività letteraria, formativa e ludica."

B) Sezione "giallo e gioco"

Sono ammessi alla partecipazione in questa sezione, giochi di carte inediti con tematica poliziesca o "gialla".

Gli autori dei giochi di carte partecipanti al Premio devono sottoscrivere in calce al regolamento della loro opera la seguente dichiarazione:

"Contestualmente all'invio del mio gioco [inserire nome dell'opera], il sottoscritto [inserire nome e cognome dell'autore] dichiara che il gioco è inedito, di esserne l'autore, di non averne ceduto a terzi i diritti di distribuzione o altri diritti legati al copyright e di poterne disporre in piena e assoluta libertà. L'autore autorizza la Murderparty, titolare del Premio Chiosso e limitatamente agli scopi del concorso in oggetto, al trattamento dei propri dati personali, ai sensi del D.L.196/2003 e successive modifiche e integrazioni,.

L'autore accorda alla Murderparty un diritto di prelazione sulla eventuale pubblicazione del gioco. [firma]

3. Limiti e lingua di partecipazione

Ogni partecipante potrà presentare anche più di un'opera ma solo una per ciascuna sezione. Le opere della sezione A) Giallo e letteratura devono essere inviate in lingua italiana. Le opere della sezione B) Giallo e gioco, possono essere presentate in lingua italiana o inglese.

4. Invii e termine di consegna

Sezione A) Giallo e Letteratura

Le opere dovranno essere inviate obbligatoriamente nei due formati: digitale e cartaceo.

Inviare all'indirizzo di posta elettronica premiochiosso@murderparty.it e specificando nel campo "oggetto" la sezione ed eventualmente la sottosezione alla quale concorrono (Sezione A) Murder party; Sezione A) Gialli teatrali; Sezione A) Racconti; sezione B) giallo e gioco):

il file contenente l'opera. Saranno accettati SOLO i file inviati nei formati digitali .rft; .txt; .doc; .pdf; .odt. Il file dell'opera non dovrà contenere indicazioni del nome dell'autore.

In altro file dovranno essere chiaramente indicati: titolo dell'opera, nome e cognome dell'autore, telefono e indirizzo email, nonché la dichiarazione di cui al punto 2a) via posta ordinaria all'indirizzo Associazione Murderparty c/o MBE 600 - Vicolo Savelli, 10 - 00186 Roma :

Una copia dell'opera con in calce nome e cognome dell'autore, telefono e indirizzo email, nonché la dichiarazione di cui al punto 2a); Tre copie anonime (solo titolo opera e testo senza indicazione nome autore)

Sezione B) Giallo e gioco

Inviare:

all'indirizzo di posta elettronica premiochiosso@murderparty.it: una copia del regolamento completo di dichiarazione di cui al punto 2.b una breve scheda di presentazione del gioco: titolo; argomento; numero di giocatori; durata; fascia di età dei giocatori cui è diretto; una breve presentazione dell'autore completa di telefono e email. le carte stampabili in formato .pdf;

via posta ordinaria all'indirizzo Associazione Murderparty c/o MBE 600

- Vicolo Savelli, 10 - 00186 Roma :

2 copie di un prototipo completo di tutti i componenti del gioco e del regolamento in italiano con la dichiarazione indicata al punto 2.b; una breve scheda di presentazione del gioco: titolo; argomento; numero di giocatori; durata; fascia di età dei giocatori cui è diretto; una breve presentazione dell'autore completa di telefono e email.

Tutte le opere devono pervenire entro il 31 gennaio 2011 e non saranno restituite per nessun motivo.

5. Dati personali

Gli autori possono partecipare al Premio sotto pseudonimo a condizione che nel file di invio del racconto siano indicati con chiarezza anche il nome e cognome dell'autore, un indirizzo valido per il contatto e l'autorizzazione al trattamento dei dati personali, oltre allo pseudonimo. In caso contrario, il racconto sarà escluso dal Premio.

6.  Motivi di esclusione

I testi contenenti incitazioni alla discriminazione razziale, sessuale, religiosa, alla violenza o altri temi considerati illeciti a discrezione degli esaminatori della Murderparty, saranno esclusi dal Premio.

Saranno esclusi dal premio anche le opere non corredate dagli elementi elencati nel punto 4).

7. Giuria e vincitori

La giuria provvederà, secondo criteri predefiniti e a proprio insindacabile giudizio, a stilare la graduatoria di merito finale tra le opere selezionate e a nominare un vincitore per ogni sezione del Premio. La proclamazione dei vincitori sarà fatta entro aprile 2011.

Nota: se la giuria, a suo insindacabile giudizio, riterrà che in una o entrambe le sezioni, nessuno dei testi pervenuti sia meritevole del premio, dichiarerà non assegnato il Premio Chiosso 2011 per quella sezione e/o sottosezione.

9. Premi

Sezione A

Saranno assegnati il Premio per il "migliore racconto giallo"; quello per il "miglior murder party" e quello per il "miglior giallo teatrale".

Il premio consisterà nella pubblicazione in una antologia che raccoglierà le migliori opere ricevute nel corso di questo e delle edizioni precedenti del Premio Chiosso.

Sezione B

Oltre alla menzione "Premio Remo Chiosso per il miglior gioco di carte", la Murderparty valuterà la possibilità di pubblicare direttamente l'opera vincitrice o presentarla a case editrici con le quali ha canali comunicativi preferenziali. La presentazione dell'opera non ne garantisce la pubblicazione.

10. Accettazione del regolamento

Il regolare invio di un' opera al Premio implica la piena accettazione delle condizioni di partecipazione indicate nel regolamento stesso.

________________________________

REMO CHIOSSO

Fondatore, assieme ad Antonello Lotronto di Murderparty.it, è stato uno dei "pionieri" dei murder parties, forse il primo ad introdurli e a farli conoscere in Italia.

Ha scritto numerosi murder parties, tra i suoi titoli più famosi

ricordiamo:  "Solo più sette ore", "18 frimaio". E' anche autore di testi teatrali interattivi quali "L'idolo scomparso", "Una piroga in fumo".

È stato l'unico autore italiano che abbia scritto un saggio sul murder party (che contiene numerosi esempi giocabili), dal titolo "Murder party ovvero crimini divertenti".

Con spirito innovativo, ha compreso che i murder parties con l'ausilio di attori e modalità teatrali sarebbero diventati degli strumenti ideali per l'apprendimento e la formazione aziendale. Ha così realizzato un'attività parallela di traning volto in particolar modo al problem solving e al team building.

Oltre ad essere stato intervistato numerose volte in radio e televisione, nell'ambito di programmi anche molto popolari, ha scritto diversi articoli e ha tenuto un Corso all'Università di Salerno (2003) sui murder parties.

Ha svolto una instancabile attività divulgativa nelle pricipali Conventions dedicate al gioco e ha partecipato a molti dei Festival del giallo che si svolgono nella nostra penisola, in particolare a quelli di Bassiano e di Brescia.

Remo Chiosso ci ha lasciati l'8 febbraio del 2007.

________________________________

Che cos'è un murder party?

Un murder party è un gioco di interpretazione nei quali il compito preminente del giocatore è appunto quello di calarsi nei panni di un personaggio di un "giallo" e di recitarne la parte. Originari dei paesi anglosassoni, i murder party si sono poi diffusi in tutto il mondo. La formula è sempre la stessa: in base ai personaggi del giallo, l'organizzatore convoca al "party con delitto" degli amici e, al loro arrivo, assegna i copioni dove è descritto il profilo del personaggio interpretato con gli obiettivi da raggiungere (oltre quello principale, che è per tutti quello di risolvere il "caso"). Il gioco si svolge attraverso l'interazione diretta tra i giocatori (interrogatori, intrighi, scambi di favori, ecc.) che cercheranno di risolvere il "caso" anche sulla base degli indizi che verranno loro forniti.

www.murderparty.it