[Biografie] La Tana dei Goblin: chi siamo - Danyjey

Articoli
Giocatori
 Daniele "Danyjey" Giraldi
Nasco nel 74 in quel di Torino, e che la passione per il gioco facesse parte di me a livelli incontrollabili era già chiaro fin dall'infanzia: ero completamente "ingestibile" nei mercati non appena si arrivava davanti al banco dei giocattoli oppure quando si passava davanti alle vetrine piene di giochi.
 Daniele "Danyjey" Giraldi
Nasco nel 74 in quel di Torino, e che la passione per il gioco facesse parte di me a livelli incontrollabili era già chiaro fin dall'infanzia: ero completamente "ingestibile" nei mercati non appena si arrivava davanti al banco dei giocattoli oppure quando si passava davanti alle vetrine piene di giochi.
Di fatto i miei abbandonarono ogni speranza facendo la spesa a turno... io non potevo entrare!
Purtroppo le possibilità erano quelle che erano, e non ho mai avuto la casa piena di giochi... ma ho avuto quanto basta per sbizzarrirmi alla grande comunque.
 
Sono cresciuto tra robot e macchinine... fino al "salto di qualità" con i Lego (impazzivo per quelli medioevali).
Poi si comincia a diventare più grandi, si passa al Commodore 64... si gioca e si gioca tantissimo (soprattutto con mio fratello), e poi la svolta: al liceo apprendo dal mio vicino di banco dell'esistenza dei Giochi di Ruolo... entro nel mondo di Dungeons&Dragons e me ne innamoro completamente.
 
Comincio poi ad inventare avventure e a fare il Dungeon Master, grazie all'Amiga 500 mi immergo nella splendida saga di Eye of the Beholder... e poi con il PC mi avventuro in Baldur's Gate... insomma, il mio mondo sono i castelli, spade ed armature, maghi e draghi e via dicendo.
 
Scopro tardi dell'esistenza dei Giochi da Tavolo "alternativi" alle solite proposte commerciali, e grazie ad un collega di lavoro provo per la prima volta Puerto Rico... che vado a comprare subito il giorno dopo.
Una volta entrato, mi sono chiuso dentro e ho buttato via la chiave... non voglio assolutamente più uscirne!
Col passare del tempo ho imparato a conoscere bene i miei gusti, andando incontro a quelli dei miei compagni di gioco e arricchendo man mano lo scaffale.
Dopo varie "scremature" oggi la mia collezione non conta più di quaranta titoli, tutti Giochi ai quali sono molto affezionato e dai quali non vorrei mai separarmi.
 
Gioco e giochiamo principalmente a Giochi di tipo "American"... la nostra filosofia è: dove c'é dado c'é divertimento... e il più delle volte è così.
Buon gioco a tutti!