[Crowdfunding] Valeria: Card Kingdoms

Autore: 
Categoria Articolo: 
Argomento Articolo: 
Autore: 
Categoria del gioco: 

 

Scheda Tecnica:

n° di giocatori: 2-4(5) (Il quinto giocatore sarà sbloccato nel caso in cui si supererà l'apposito stretch goal)
Durata:  30-45 min
Tematica: Fantasy
Tematiche trattate:  Pesca carte, costruzione mazzo, lancio di dadi, gestione risorse.
Dipendenza dal linguaggio: scarsa, ma comunque presente.
Localizzazione: Inglese (ho intenzione di tradurre il regolamento in italiano quando uscirà la versione finale).

 

Per Valeria... e anche per il Re!

Un saluto a voi nobili avventurieri.. e benvenuti nel magico mondo di Valeria! Siete pronti a porre le basi per dare vita al vostro regno?  Potrete costruire grandi castelli.. reclutare nuovi servitori.. combattere orrendi mostri..  e compiacere i vostri nobili.. dando loro la possibilità di mettersi in luce davanti ai vostri occhi.

 

Panoramica generale:

Valeria: Card Kingdoms è un gioco di carte semplice da giocare e dalla durata contenuta.  Durante la partita accrescerete il vostro regno acquistando carte, combattendo mostri e perseguendo il vostro obiettivo segreto. A differenza di molti altri giochi di carte, tutte le informazioni (eccetto una) sono pubbliche. Le carte sono divise in tre tipi:  personaggi, territori e mostri. A completare il tutto ci sono due dadi a sei facce e tanti gettoni risorsa divisi in tre tipologie (forza, oro, mana). La forza serve per uccidere i mostri, l'oro per acquistare nuove carte; il mana infine è un jolly da spendere in combinazione con le altre rirorse. Durante il vostro turno, lancerete i due dadi e attiverete i personaggi del vostro regno in base ai risultati ottenuti, attivando eventuali modificatori indicati dai territori che avete acquisito. Dopo aver ottenuto le risorse (che si sommano a quelle che avete risparmiato nei turni precedenti) potrete svolgere due azioni diverse (tipicamente: assumere un personaggio, acquisire un territorio, uccidere un mostro, acquisire una risorsa). dopodiché passerete la mano al giocatore successivo. Fate attenzione però, perché i risultati che attivano i vostri personaggi attivano anche quelli dei vostri avversari (con potere depotenziato...). Il gioco finisce quando si esauriscono 4 mazzi sul tavolo di gioco o quando non ci sono più mostri da sconfiggere.

 

Setup:

Ogni giocatore comincia la partita piazzando di fronte a sé una carta Paesano (valore 5), una carta Cavaliere (valore 6),  due monete e 1 mana. Infine, ogni giocatore pesca due carte obiettivo segreto: ne tiene una e scarta l'altra. Questa è l'unica informazione segreta in tutto il gioco (oltre ai mostri uccisi).
In mezzo al tavolo si crea la riserva di carte, formata da 10 mazzi personaggio (un mazzetto di valore 1, un mazzetto di valore 2 e così a seguire fino agli ultimi due: un mazzetto di valore 9/10 e un mazzetto di valore 11/12). Ognuno di questi mazzetti è formato da carte identiche. Sopra i mazzi personaggio si posizionano cinque mazzetti mostro, dove ogni mazzetto è diviso per tipologia. I mazzi mostro sono a difficoltà incrementale: i mostri in cima alla pila sono facilmente battibili, mentre il mostro finale risulta particolarmente difficile da battere. Per uccidere un mostro bisogna spendere tanti punti forza quanta è la vita del mostro. A  concludere ci sono i territori: questi ultimi sono divisi in 5 mazzetti creati casualmente, ogni territorio conferisce particolari bonus che si attiveranno durante il turno del giocatore.

 

 

Svolgimento del turno:

Durante il proprio turno, un giocatore tira i due dadi da 6, dopodiché attiva tutti i personaggi il cui valore corrisponde al risultato ottenuto da ogni singolo dado, più quelli il cui valore corrisponde alla somma dei due risultati. Anche gli avversari fanno la stessa cosa, attivando i personaggi che hanno di fronte e ricevendo i relativi bonus. I bonus di un personaggio si dividono in attivi e passivi. I bonus attivi sono quelli conferiti ai giocatori di mano, mentre quelli passivi sono conferiti ai giocatori che attualmente sono fuori turno. I bonus attivi sono sempre migliori di quelli passivi.  Dopo aver ricevuto i bonus indicati dai propri personaggi (che si sommano a quelli eventualmente risparmiati nei turni precedenti), il giocatore di turno svolge due azioni in qualsiasi ordine, e con la possibilità di ripetere la stessa azione due volte:

* Acquistare un personaggio: si spende l'oro indicato dalla carta che si vuole acquistare.  Il costo è pari al numero di monete richieste + 1 moneta per ciascun personaggio identico che si possiede.  (Es: acquistare il primo mercenario costa 3 monete, acquistarne un'altro costa 4, ecc.). Ogni personaggio rientra in una determinata tipologia di persone (es: il peone è un lavoratore, il cavaliere è un soldato, ecc.) . Queste tipologie servono per soddisfare i requisiti per acquistare un territorio e anche per riscuotere dei punti bonus durante la partita.

* Acquisire un territorio: si spende l'oro indicato dalla carta, oltre a questo il giocatore deve accertarsi di soddisfare il requisito indicato dalla carta stessa (es. avere di fronte a sé almeno 3 lavoratori e 1 guerriero). Una volta acquistato, il territorio viene posizionato di fronte al giocatore. Da quel momento il bonus indicato è attivo e potrà essere sfruttato durante il turno stesso e in tutti quelli seguenti.

* Uccidere un mostro: si sceglie il mostro in cima ad una pila, dopodiché si spendono i punti forza richiesti per eliminarlo. Il mostro eliminato conferisce un premio immediato. La carta viene quindi posizionata a  faccia in giù di fronte al giocatore. A fine partita ogni mostro vale un determinato numero di punti.

* Ottenere una risorsa:  azione disperata per chi non sa davvero dove sbattere la testa: si ottiene 1 oro o un punto forza o un mana.

 

 

Termine partita:

Il gioco prosegue in questo modo fino a quando non viene dichiarata la fine della partita. La partita può finire in tre modi diversi:

* Tutti  i mostri sono stati uccisi
* Tutti i territori sono stati acquisiti
* Sono terminati un numero di mazzetti pari al doppio rispetto al numero dei giocatori.

A questo punto ogni giocatore somma:

* I punti vittoria ottenuti dai mostri
* I punti vittoria ottenuti dai territori
* I punti vittoria ottenuti dall'obiettivo segreto
* I punti vittoria ottenuti dalle risorse restanti (si somma oro, forza e mana e la si divide per tre).

 

Pregi e Difetti di Valeria: Card Kingdoms - Opinioni dopo aver provato la versione Print & Play:

Potremmo definire questo gioco un enorme mix di due giochi molto famosi attualmente sul mercato: Coloni di Catan (per il sistema di attivazione delle carte) e Dominion (per la composizione del tavolo di gioco). Altra similitudine è quella con Machi Koro, gioco edito da Uplay in lingua italiana.

Come avrete intuito, questo Valeria non può considerarsi un gioco innovativo nelle idee e totalmente originale.

Ma poco importa.

Perché questo gioco funziona perfettamente, è divertente e appassionante.. con relativamente pochi tempi morti. Io sono dell'idea che un gioco non è per forza bello se è originale, e non deve essere per forza brutto se "scopiazza" da altri titoli più famosi. 

Personalmente trovo ottima l'idea dei poteri passivi.. in questo modo tutti i giocatori sono occupati a raccogliere risorse anche fuori dal loro turno. Trovo ottima anche l'idea di inserire la meccanica di gestione delle risorse, con relativa differenziazione delle risorse stesse.. in questo modo il gioco ne guadagna di spessore e complessità.

Parlando poi del comparto grafico.. è una gioia per gli occhi. Le illustrazioni sono a dir poco splendide. Secondo me è un pregio non da poco, perché anche l'occhio vuole la sua parte.

Da valutare l'impatto degli obiettivi segreti nel corso del gioco. Secondo me l'idea di inserirli è stata buona: in questo modo è possibile creare un minimo di strategia a lungo termine e c'è una maggiore longevità.

Capitolo interazione: questa è sicuramente la nota più dolente di questo gioco. Io per ora ho giocato una sola partita con i mazzi base, ma la sensazione è quella di giocare ognuno a coltivare il proprio orticello. Le occasioni per "attaccare" gli altri ci sono, ma gran parte del tempo la passeremo a fare i nostri ragionamenti senza il rischio di dover temere interferenze esterne.

Longevità: direi abbastanza buona.. grazie ad una campagna Kickstarter che procede a gonfie vele sono stati sbloccati diversi mazzi addizionali che dovrebbero aumentare la longevità del gioco.

Casualità: ovviamente l'alea è presente, visto che si tratta di un gioco di dadi e carte. Personalmente sono più orientato verso giochi deterministici.. tuttavia è anche vero che giocando anche nei turni negli altri è difficile rimanere totalmente a bocca asciutta. Insomma, a me la presenza del dado non ha dato assolutamente fastidio, anzi l'ho trovata divertente.. visto che c'è sempre la sensazione di "aver vinto qualcosa".

Prezzo: direi buono, facendo finta che 1€ = 1$ siamo sui 41 euro comprese le spese di spedizione. Più o meno lo stesso prezzo di Dominion, tanto per fare un paragone.

 

Commenti finali:

Personalmente promuovo questo Valeria: Card Kingdoms a pieni voti. Il gioco è davvero divertente, ha ottimi componenti, è coloratissimo, splendidamente illustrato, veloce da giocare. Consigliato tantissimo agli amanti dei deck-building light. Ovviamente bisogna prendere questo gioco per quello che è: poco di più di un filler e con casualità presente per via del lancio del dado. Consiglio l'astensione da parte degli ultra-german gamers e da coloro che cercano l'interazione tra giocatori ad ogni costo.

Come ho accennato in precedenza, la campagna Kickstarter sta procedendo spedita: sono stati sbloccati diversi bonus che hanno reso questo gioco sempre più interessante.

Per maggiori informazioni, potete visitare la pagina del forum della tana dei goblin dedicata al gioco:

http://www.goblins.net/phpBB3/viewtopic.php?f=195&t=81609

La pagina del progetto Kickstarter è la seguente:

https://www.kickstarter.com/projects/dailymagic/valeria-card-kingdoms/description

Commenti