[Dalla parte delle Goblinesse] Gli unicorni rosa lo fanno a casa

Articoli
Giocatori

Se in un hobby già di per sé di nicchia una donna che si lasci coinvolgere da amici compagni e mariti giocatori costituisce una fortunata eccezione, non v’è dubbio che una donna appassionata è a tutti gli effetti un Unicorno Rosa

 *

“Ho riscoperto una seconda giovinezza” mi ha cinguettato con occhi raggianti e con l’entusiasmo di una cinquenne ben reso dall’andatura saltellante con cui mi veniva incontro, una signora sulla cinquantina a cui avevo dato appuntamento per venderle un vecchio gioco.

Regalo per i figli?

No.

Regalo per lei.

Rimango sempre colpita dall’entusiasmo fanciullesco degli adulti per i giochi da tavolo. L’attitudine dell’essere umano a disimparare l’arte del gioco è talmente consolidata che quel ritorno all’età perduta riesce ogni volta a stupirmi… ai limiti della commozione. crying

Se in un hobby già di per sé di nicchia una donna che si lasci coinvolgere da amici compagni e mariti giocatori costituisce una fortunata eccezione, non v’è dubbio che una donna appassionata è a tutti gli effetti un Unicorno Rosa. 

Nella mia piccola esperienza di giocatrice e, da poco frequentatrice di eventi ludici, non posso che confermare le percentuali della ben nota partecipazione femminile, inequivocabilmente da codice binario (1 quando mi siedo al tavolo, 0 quando mi alzo). frown

La grande assenza delle donne dal tavolo mi porta spesso a riflettere sulla loro attitudine (specie se con prole) alla razionalizzazione, anche fino all’esclusione, delle attività che non coinvolgano direttamente altri membri della famiglia. Luogo, questo, che la donna elegge come microcosmo quasi assoluto di doveri e piaceri, e nel quale non di rado dovere e piacere si sovrappongono fino alla sinonimia: non è un caso che si è soliti regalare più utensili da cucina alle mamme che chiavi inglesi ai papà.

Una parte di questa realtà, in quanto donna, la comprendo ed ammetto di rivedermici con tutte le scarpe e le scatole (una trentina ad oggi) e sono sicura che molte delle donne (sposate e impegnate) che frequentano la Tana dei Goblin, converranno con me:  a noi piace tanto giocare. yes

Ma proprio tanto.

Lo dico col cuore e tutti i meeples del mio Carcassonne in mano. Però tutte giochiamo finché c’è un compagno o figlio disposto a farlo insieme a noi. Insomma, è proprio vero che per noi donne il concetto di famiglia come “cuore delle nostre attività” è Centrale. Che piacere c’è a scartare un nuovo gioco senza poter condividere l’adrenalina da spacchettamento con qualcuno che amiamo? Quale forza ci spingerebbe a leggere i regolamenti se non ci fosse vicino a noi una persona appassionata con cui pregustare l’esperienza di gioco che avverrà? Voi, ce la vedete una Giullaressa giocare senza il suo Giullare? O una MickyLo imboccare l’autostrada per andare a giocare a casa di un’amica lontana lasciando bimbi e marito a casa? Io no. Così come non riesco a immaginare me stessa coltivare questa passione senza la mia compagna o la signora cinquantenne, a cui ho dato appuntamento, spostare i trenini di Ticket to Ride senza  il marito, suo principale partner ludico… toh!

Con la signora ci eravamo lasciate con la promessa di una partita, a qualsiasi cosa. Ma in fondo sapevo che non  avremmo mai organizzato niente, perché niente è più effimero di una promessa ludica di una donna ludicamente impegnata.  

 

*logo realizzato da Micenea

Commenti

Tristemente vero. Secondo me il problema nasce anche da prima, se vado in associazione ad esempio in linea di massima vedo poche ragazze che giocano e solo a seguito dei rispettivi morosi che nel 99% dei casi le hanno introdotte. E quando parliamo di una ragazza parliamo di un soggetto che non è ancora vincolato (inchiodato?) dai cosiddetti doveri coniugali e della casa da tirare avanti. Probabilmente il boardgame è visto come un passatempo principalmente maschile e già questo costituisce un freno in partenza.

L'irriverenza conduce alla sconsideratezza V. von Croy
//cf.geekdo-images.com/images/pic1189807_t.jpg)

Però mickylo me la vedo abbandonare marito e figli per giocare...

Un giullare è un essere multiplo; è un musico, un poeta, un attore, un saltimbanco; è una sorta di addetto ai piaceri alla corte del re e principi; è un vagabondo che vaga per le strade e dà spettacolo nei villaggi...

Effettivamente hai ragione, per una donna con famiglia è più semplice coltivare la propria passione se sei spalleggiata da almeno un altro membro del nucleo familiare, perciò io, in qualità di moglie di un NON giocatore, ho fatto in modo che i miei due figli amassero i giochi da tavolo...e, comunque, anch'io ce la vedo MichyLo ad abbandonare i figli e marito per andare a giocare... :)

Ultimamente ho giocato a:
//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=arwen67&numitems=10&header=1&text=none&images=small&show=recentplays&imagepos=center&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

e ottimo spunto di riflessione!
io temo che per vedere reali cambiamenti ci vorrà una nuova generazione di goblinesse..
ah, w gli unicorni rosa :)

RòmeNdil (goblin chierico), ultimamente ho giocato a:
//goo.gl/163wiY)
"L'importante non è né vincere, né partecipare: è divertirsi, davvero!"

Per ora sono riuscita ad abbandonare marito e una figlia… l'altro è venuto con me! :)
Non so se sentirmi una madre/moglie degenere o una goblinessa coi fiocchi! :D

Bell'articolo!

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=MichyLo&numitems=10&text=none&images=small&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=center&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

spesso vero...
e concordo con Romendil, ci vuole la nuova generazione di goblinesse: Benedetta, Viola, le 2 Morgane... :)))

Quando smetti di giocare non sei adulta. Sei spenta

...sono proprio io. Mi ci ritrovo tantissimo! Come ragazza di un non giocatore non posso che confermare e applaudire MichyLo, assolutamente goblinessa coi fiocchi e controfiocchi!!! :-D

Si sta come alla tana
sui tavoli i puzzilli

..... " non posso che confermare le percentuali della ben nota partecipazione femminile, inequivocabilmente da codice binario (1 quando mi siedo al tavolo, 0 quando mi alzo) " .....

Quanta verità in questa stupenda frase che ha fatto sbellicare dalle risate sia me che mia moglie.

Complimenti per l' acutezza e la leggerezza con cui hai saputo trattare l'argomento.

Anche mia moglie, che non e' una giocatrice, conferma: "non organizzerei una partita, pero' se tu e nostro figlio giocate potrei unirmi a voi" . +1

:-)

Siver
_________________
"When playing a game, the goal is to win, but it is the goal that is important, not the winning."
Reiner Knizia

Sentir parlare donne di giochi da tavolo con questa enfasi mi scioglie il cuore di gioia da una parte, ma mi rattrista dall'altra, perchè parlando per esperienza personale, non avere una donna giocatrice accanto è tipo una condanna.
Non essere mai riuscito ad inculcarle questa mia passione ed essendo questa, molto spesso motivo di battaglie e litigate, mi porta spesso a pensare che, o lascio lei per salvaguardare me, o smetto di giocare per salvaguardare la storia. In entrambi i casi ne uscirei sconfitto...

"Quando all'Inferno non ci sarà più posto, i morti camminerano sulla Terra."

Meno male che son riuscito a convincere mia moglie...ora giachiamo senza problemi un pò a tutto.
I figli invece sono ancora troppo piccoli. :D

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare