[Editoriale] MOTU

Autore: 
Categoria Articolo: 
Argomento Articolo: 

Se non conoscete l'acronimo, vi meritate la passeggiata di Cersei dal Tempio di Balor alla Fortezza Rossa al grido di "shame on you" :)

Lo so, non sono giochi da tavolo. Ma quando Antonio Ferrara (Stay Away) ha postato su Facebook la foto del castello di Grayskull della “nuova” edizione, si è risvegliato qualcosa. 

Qualcosa che corrisponde non solo allo spirito del Natale, ma a tutto quello che lo esaltava e lo rendeva così speciale. Lo spirito del bambino che è in noi, o forse, più in profondità e più precisamente, lo spirito del “gioco fine a se stesso”. 

Giocare per giocare, perchè il gioco ha un valore intrinseco che supera il divertimento, la sfida, il brivido, la socialità. Riunisce tutte queste cose, le centrifuga, le esalta e le supera, come un piatto d'alta cucina trascende i singoli ingredienti e diventa qualcosa di unico. 

Ognuno di noi ha un ricordo d'infanzia legato a un giocattolo particolarmente caro. Il mio, più di HeroQuest, più dei G.I.-Joe, dei Mask, dei Cavalieri dello Zodiaco, delle Lego, sono i Masters

Ricordo perfettamente l'accurata scelta prefestiva che veniva effettuata sul nuovo catalogo annuale, perché a me i regali arrivavano solo alle feste comandate, mica come ora che ogni giorno è un regalo. E quindi dovevo compiere scelte importanti, su quel catalogo, che mi presentava una decina di nuovi personaggi, sapendo che me ne sarebbero arrivati 3 per Natale, 3 per il compleanno e poi basta fino all'anno dopo. La scelta rendeva ancora più unica l'esperienza, l'attesa più esaltante la sorpresa. 

Le storie create con quei personaggi sono forse il ricordo più vivido e piacevole della mia infanzia. Tanto che i Masters sono sopravvissuti a tutti gli altri giochi – regalati, prestati, buttati – in un angolo della cantina. 

Non gioco più con i Masters, ma quando ho visto quel castello, confesso di aver fatto un giro su e-bay, così per curiosità... e penso che solo i prezzi esorbitanti mi abbiano fermato dall'ordinare qualcosa che ancora mancava, in quel polveroso angolo di cantina, qualcosa lasciato in sospeso su quel vecchio catalogo. Ho ripiegato quindi su due semplici ed economiche magliette col testone di Skeletor...

Non gioco più con i Masters ma continuo a giocare per il gusto di farlo e quando mi siedo al tavolo da gioco, mi sento in fondo un po' ancora quel bambino.

Condividete anche voi un ricordo di questo genere? Qual è il giocattolo della vostra infanzia che vi è rimasto più dentro? 

Ma soprattutto, la domanda fondamentale e più importante è: tra i difensori di Eternia capitanati da He-Man, i cattivi di Skeletor, l'Orda Infernale di Hordak e gli Uomini Serpente di King Hiss, per chi parteggiavate? :D



 

Commenti

matteonarde Lun, 11 Gen 2016 - 09:30

She-ra, devo ammetterlo... avevo un debole per lei.
E sì che per un po' avevo iniziato anche ad ipotizzare un gdt a tema sui masters, spero che qualcuno lo inventi prima o poi!

m@

La perfezione nel design si ottiene non quando non c'è nient'altro da aggiungere, bensì quando non c'è più niente da togliere (A Saint-Exupéry)

Ritratto di pennuto77 pennuto77 Lun, 11 Gen 2016 - 09:44

Quanto li ho amati! E quanti ne avevo, anche per me erano un regalo praticamente obbligato per i primi anni della mi infanzia ed il castello l'ho consumato!

Ritratto di TheTaliesin TheTaliesin Lun, 11 Gen 2016 - 19:06

...o come cavolo si scrive: era lui il mio baffone hi-tech preferito :-)

E poi vogliamo mettere l'innovazione delle camminate in entrata ed in uscita dall'inquadratura,
alla c**o? Oblique al massimo peggio della peggiore camera di Alone in the Dark ....e ho detto tutto!!!! :-P

In diretta dal paese delle streghe!

Ritratto di Jones Jones Mar, 12 Gen 2016 - 08:28

>> Ognuno di noi ha un ricordo d'infanzia legato a un giocattolo particolarmente caro. Il mio, più di HeroQuest, più dei G.I.-Joe, dei Mask, dei Cavalieri dello Zodiaco, delle Lego, sono i Masters.

Perfettamente d'accordo!

L'importante non è vincere: è far perdere gli altri!

Ritratto di dobermann dobermann Mar, 12 Gen 2016 - 08:46

I miei preferiti erano i "mostri" ovviamente. Nella mio cuore hanno un posto speciale: Skeletor, Mer-Man e Beast-Man.

Igon il tuo mocho...
http://www.escapestudios.net
http://ferraraantonio.wordpress.com/

sid_raphael Mar, 12 Gen 2016 - 09:20

Un articolo riguardante dei possibili GdR sui MOTU lo trovate qui:
http://www.gdrzine.com/2013/02/04/he-man-e-i-dominatori-delluniverso/
Il tono dell'articolo è leggero e scanzonato, proprio come lo era la serie animata degli anni '80.

\/\/\/!!==o
Kriss
Mi chiamo Papi. Cristian Papi. Ma perché suona così poco epico?

Ritratto di Maxwell Maxwell Mar, 12 Gen 2016 - 17:57

li avevo quasi tutti , compreso il PlaySet Eternia .
il top erano i MiniComic di Alfredo Alcala ,
e la serie animata del 2.002 .
adoro gli Snake Men ,
e odio la seria Filmation ,
Principe mAdamE in primis .
è vergognoso che Mattel non abbia mai fatto GDR e GDT moderni x rilanciarli.

il mio mercatino scambio\cerco 2015 :

http://www.goblins.net/content/modena-play-scambio-gdrgdtminiature

mathan Gio, 14 Gen 2016 - 10:04

Dio, quante action figures avevo, sia delle serie più vecchie che delle nuove!
Per non parlare delle fortezze e dei mezzi!
Niente e nessuno potrà portarmi via i ricordi legati allo starship eternia, alla fortezza del serpente, il castello di greyskull...
Avevo anche un'altra tana, non ricordo il nome, con un drago tipo marionetta che usciva da un foro!
Il mio personaggio preferito della vecchia serie era Morduk, delle nuove avventure invece il grandissimo Lizorr!!

Ritratto di Maxwell Maxwell Gio, 14 Gen 2016 - 16:43

se aveva l ' albero stritolatore e la gabbia centrale ,
era la Fright Zone degli Horde ( l ' Orda Infernale) .

il mio mercatino scambio\cerco 2015 :

http://www.goblins.net/content/modena-play-scambio-gdrgdtminiature