Giochi Uniti

Autore: 
Argomento Articolo: 


Nasce una nuova società di distribuzione specializzata in giochi da tabolo.
Alcuni dei principali produttori italiani decidono di unire le proprie esperienze in una nuova operazione volta a consolidare il mercato nazionale dei giochi da tavolo...

Negli ultimi anni, il mercato italiano del gioco da tavolo si è allargato e la produzione italiana ha innalzato la propria qualità, diventando mcompetitiva anche all'estero. Ma, a detta di molti, questi giochi non raggiungono ancora tutta la loro clientela potenziale in Italia. Davanti a questo scenario, alcune delle aziende più attive nel settore hanno deciso di sommare le proprie esperienze e creare una nuova struttura distributiva in grado di proporre un catalogo di qualità, con giochi da tavolo scelti tra i più importanti della produzione nazionale ed internazionale, a una clientela ampliata rispetto al tradizionale ambito specializzato. Così, sta per nascere la Giochi Uniti Distribuzione, con inizio delle operazioni previsto per la prossima primavera.

Giochi Uniti dovrà inizialmente dedicarsi alla distribuzione dei giochi di alcuni dei principali editori italiani, tra cui daVinci, Nexus Editrice, Venice Connection e la neonata Stupor Mundi (società fondata sull'esperienza del gruppo che ha gestito Tilsit Italia). La somma dei prodotti di questi editori costituisce un catalogo di tutto rispetto, che comprende best-seller internazionali che hanno venduto milioni di copie in tutto il mondo: Bang!, La Guerra dell'Anello, Carcassone, oltre a Coloni di Catan, oggetto del primo accordo di licenza negoziato per la nuova società con la Kosmos.

I fondatori di Giochi Uniti ritengono che ci siano ampi margini di sviluppo nel mercato nazionale di questi prodotti, e l'obiettivo è quello di portare l'Italia più vicina alla media europea: a oggi la vendita di giochi da tavolo nel nostro paese è molto inferiore a nazioni come Francia, Germania, e persino all'Olanda.

La prospettiva di Giochi Uniti è che la società si svilupperà, nell'arco dei prossimi due anni, in modo da raggiungere una clientela che può essere stimata in circa 1000 punti vendita di tipologie diverse, tra negozi specializzati in giochi e fumetti, negozi di giocattoli, rivendite miste, librerie e alcune catene. La struttura avrà inizialmente due sedi: una a Camaiore (LU), che funzionerà anche da polo logistico, e l'altra a Napoli.