Giochi Uniti: campagna di solidarietà alle vittime del terremoto in Abruzzo

Autore: 
Argomento Articolo: 

Dal 10 al 17 aprile, la società di distribuzione devolverà in beneficenza 10 euro ogni 50 euro di ordini ricevuti sul sito www.ituoigiochi.it a un fondo in favore delle famiglie colpite dal terremoto

La società di distribuzione Giochi Uniti ha deciso di dare un proprio contributo di solidarietà alle vittime del terremoto in Abruzzo. Così, dalle ore 0:00 del 10 Aprile alle ore 24:00 del 17 aprile, devolverà 10 euro, per ogni 50 euro di ordini ricevuti attraverso il proprio sito di e-commerce www.ituoigiochi.it, a favore delle vittime e in aiuto alla ricostruzione dei danni causati dal recente terremoto in Abruzzo.

L'iniziativa è supportata dagli editori distribuiti da Giochi Uniti: DaVinci Games, Faro, Nexus Editrice, NG International, Stupor Mundi, Tenki Games, Rose & Poison, Unicopli e Venice Connection.

Per trasparenza ecco cosa aggiunge Roberto Di Meglio:
Nei limiti della normativa sulla privacy,  pubblicheremo alla fine della campagna sul sito di GU e degli editori i dati delle vendite effettuate e le modalita' con cui l'importo verrà devoluto.
Al momento prevediamo che l'elenco sarà della forma:

Giorno della transazione - iniziale nome - iniziale cognome - Località - Importo dell'acquisto
(es. 09/04/2009 R.D. - Camaiore (LU) - € 65,00 )

Sarà quindi possibile, per tutti quelli che hanno effettuato acquisti, verificare che l'importo della loro transazione e' stato conteggiato nell'ambito della campagna.
Per quanto riguarda il "punto di arrivo"
Abbiamo già contatti con due piccole associazioni de L'Aquila che operano sul territorio, in modo che l'importo arrivi in modo 'diretto' e vicino agli interessati nel limite del possibile.
Una volta effettuata l'erogazione all'associazione, resterà ovviamente prova della medesima a disposizione di chiunque la voglia visionare.

Sono comunque benvenuti consigli per migliorare la 'trasparenza' dell'operazione, se si valuta insufficiente quanto sopra, dal momento che e' la prima volta che tentiamo una iniziativa di questo tipo."