Intervista a Spartaco Albertarelli

Autore: 
Argomento Articolo: 

Cosa si intende per Game Design? Quale sarà il futuro dei giochi in scatola? Come si conciliano i nuovi supporti elettronici con i classici board game? Di questi ed altri interessanti argomenti parleremo oggi ad Idee Ludiche con Spartaco Albertarelli, uno tra gli Autori italiano più apprezzati e prolifici, che vanta centinaia di giochi pubblicati ed una brillante carriera che lo vede da oltre trent’anni cavalcare l’onda del successo!

Spartaco, raccontaci come è nata in te la passione per il gioco da tavola.

La passione è nata come nasce a tutti. Ho iniziato a frequentare circoli di giocatori che giocavano cose poco “commerciali”, ho scoperto i giochi di simulazione, poi i giochi di ruolo e da lì sono andato avanti. Ho sempre avuto un interesse per il gioco, non solo per mio divertimento, ma anche per la sua storia, l'evoluzione che ha avuto nel corso dei millenni, le implicazioni magico/religiose che aveva nell'antichità, la forza simbolica riscontrabile anche nei giochi più semplici, gli aspetti matematici. Insomma ho sempre visto il gioco come qualcosa di particolare.


Cos’è per te il GAME DESIGN?

E' una professione, qualcosa di diverso dal “semplice” processo creativo che porta alla creazione di un gioco, infatti, parlando di me stesso, non uso quasi mai il termine “autore”. Per me progettare un gioco è un esercizio più completo che non quello della sola creazione delle regole. Game design significa mettere in pratica competenze tecniche, conoscenze psicologiche, capacità di sintesi, gusto artistico e tutta una serie di altre conoscenze che maturano nel tempo. Significa studiare prima di tutto i giocatori e non semplicemente dare sfogo alla propria creatività.


Qual è il gioco che hai creato a cui sei più affezionato?

Domandona. Ce ne sono tanti che hanno avuto un significato particolare. SPQRisiKo, per esempio, è l'ultimo gioco che ho potuto progettare insieme al responsabile EG della produzione, Riccardo Mazzoletti, che non è stato solo un collega e un amico, ma anche la persona che mi ha completato da un punto di vista professionale, insegnandomi tutti i trucchi del mestiere per quanto riguarda una serie di aspetti tecnici che pochi autori di giochi conoscono. La sua morte ha lasciato un vuoto veramente incolmabile e quel gioco me lo ricorda ogni volta. Poi, naturalmente, c'è Kaleidos che è il gioco che mi ha dato, probabilmente, la maggiore celebrità a livello internazionale, entrando nella lista dei tre finalisti per lo Spiel des Jahres (era il 1995, l'anno dei Coloni di Catan...). A distanza di tanti anni quel titolo è diventato il nome della mia società (KaleidosGames) e il gioco continua a vendere bene oltre a consentirmi di lavorare con artisti di grande spessore. Ma la lista potrebbe andare avanti a lungo, anche perchè fare il game designer è il lavoro più bello del mondo e ogni titolo mi ricorda soprattutto questo.


Esiste un gioco che, per un motivo o per l’altro, avresti voluto ideare tu?

Uno dei vantaggi del fare il lavoro più bello del mondo, essendo consapevole della fortuna che ti è capitata, consiste nel fatto che difficilmente puoi provare invidia per qualcosa o per qualcuno, però se proprio dovessi dire un titolo, penso che direi Diplomacy.


Tu rappresenti un esempio per moltissimi aspiranti autori, hai qualche consiglio da dare loro per imboccare la giusta via del game design?

Non ci sono formule magiche, ma bisogna avere una grande curiosità e soprattutto un grande rispetto per i giochi e per i giocatori, senza distinzioni e senza preferenze. Quello che dico sempre è che un vero creativo, di fronte a una fila di persone che stanno ammirando un quadro, non si mette in fila a sua volta magari per criticare il quadro, ma inizia ad osservare quelle persone per capire che cosa attragga così tanto la loro attenzione.


Che futuro vedi per il mondo del gioco in scatola?

I giochi hanno da sempre la capacità di rinnovarsi e cambiare, seguendo l'evoluzione del genere umano e hanno ben più di sette vite. In quasi trent'anni di carriera ho sentito molte volte pronunciare il de profundis per questa tipologia di gioco, che avrebbe dovuto essere spazzata via dai PC, dalle Consolle, dall'online, ma poi alla fine ci sono più giochi oggi di quanti ce ne fossero anni fa. Io penso che il futuro sia assolutamente positivo e sono molto contento che in questi anni si sia sviluppata una scuola italiana che ha dato prova di non essere inferiore a quelle “storiche”, con autori sempre più apprezzati.


Ti va di parlarci di KaleidosGames, “The games in Mind” e dei progetti futuri che hai in cantiere?

KaleidosGames è in realtà il marchio dell'area giochi di una società di nome KaleidosPublishing, che ho fondato insieme a mia moglie, grande esperta di cucina e che ha come obiettivo anche l'editoria elettronica. Il “ramo d'azienda” (oggi mi piace darmi delle arie) che più ci riguarda ha come obiettivo quello di essere e possibilmente restare una indie-company con interessi non solo nel mondo del boardgame, ma anche in quello dei videogiochi, con particolare attenzione a iPad e affini. Per questo ho voluto mettere come “pay-off” (l'ho già detto che oggi mi va di darmi delle arie?) “The Games in Mind”, perché nella mia testa, alla fine, ci sono sempre i giochi, nella loro completezza. Strumenti come l'iPad sono straordinariamente interessanti per chi fa il game designer come me, proprio perché ti consentono di sviluppare concetti di gioco del tutto diversi da quelli che potresti ideare su carta, ma al tempo stesso non così distanti come molti pensano. Ovviamente, non ci occuperemo mai di videogiochi nel senso più esteso del termine, perché quelle sono cose da grandi software-house, ma ci concentreremo su piccole idee, progettate come fossero giochi da tavolo, ma su un “tablet”. Tutto questo, naturalmente, senza mai dimenticare il primo amore, quindi alla fiera di Essen saremo presenti con la nostra bella scatolina piena di dadi e carte. Il primo gioco ad essere pubblicato sarà infatti un'edizione riveduta e corretta di DiceRun, un titolo uscito per la prima volta circa 10 anni fa. Contemporaneamente, speriamo di poter presentare la versione per iPad di Kaleidos: in pratica un gioco da tavolo, che usa l'iPad come strumento di gioco. Se verrai a trovarci al nostro stand a Essen ne vedrai letteralmente delle belle!


Grazie mille Spartaco per il garbo e la disponibilità con la quale hai risposto alle nostre domande!

Idee Ludiche si augura di poterti “ospitare” nuovamente tra le sue pagine, per parlare magari dei futuri successi che, siamo sicuri, saprai raccogliere già dalla prossima Essen!