La guerra al terrore? Solo un gioco di menzogne e tradimenti...

Autore: 
Argomento Articolo: 

Da: Peacelink
Due indymediattivisti di Cambridge creano il gioco di societa` The War on Terror. Il gioco fa satira sull'atteggiamento dell'occidente nei confronti del "terrorismo" e critica la nostra politica estera. Notevole il successo, e sui giornali conservatori non si risparmiano le critiche.
Un nuovo gioco di societa`, "The War on Terror", ironizza sulla guerra al terrorismo, e subito gli alfieri della decenza levano le loro armi in nome del buongusto, ma poco importa: qualcuno e` riuscito a far satira in maniera nuova. Il gioco e` stato ufficialmente lanciato il 30 novembre al Front Line Club di Londra. Gli autori, Andy Tompkins e Andrew Sheerin, raccontano come e` nata l'idea: "Tre anni fa, nel 2003, eravamo a casa a urlare contro la televisione. Non eravamo ubriachi, eravamo solo increduli e furiosi. Era evidente che la parola terrorismo era solo un'etichetta per assicurarsi l'appoggio di altre nazioni. Dal giorno alla notte alleati si trasformarono in nemici. Un macabro gioco in cui doppiezza, menzogna e immoralita` erano gli strumenti piu` usati." Perche' non ridicolizzare tutto questo, esorcizzare attraverso la satira una tragedia di dimensioni colossali?

Nasce cosi` "The War on Terror -- the Board Game"[1]. Andy Tompkins, co-autore del gioco insieme a Andrew Sheerin, racconta che in tre anni ci sono state almeno settanta versioni. Subito dopo aver avuto l'idea, i due, sviluppatori web, han deciso di muoversi nella direzione del gioco di societa` e non del videogioco. "Primo, ci vogliono investimenti enormi per produrre un videogioco, secondo, il nostro intento non era meramente satirico. Un videogioco viene normalmente giocato da una unica persona, e quando si e` piu` di uno i contatti sono virtuali. Noi volevamo qualcosa che potesse far pensare la gente --giocando. Non c'e` bianco e nero, buoni e cattivi. Si inizia tutti come imperi [del bene...] e durante il gioco si puo` passare dalla parte dell'asse del male o diventare un terrorista. C'e` menzogna, tradimento, si possono inviare messaggi segreti... Speriamo che giocando la gente si renda conto di come l'altra parte, quella che fa la guerra vera, giochi. Attorno un tavolo e interagendo con gli altri".

Poco piu` che trentenni, i due autori sono stati ispirati dai due giochi cult della loro (e nostra) generazione: Monopoli e Risiko. Si inizia pacifici, tutti piccoli imperi, e la guerra e` vietata, al meno al primo turno. Si costruiscono case, si accumulano armi, si compra qualche carta-impero. Ma non appena si scopre un po' di petrolio, si scatena la guerra per la conquista delle risorse, per ingrandire il proprio impero. Una trottola puo` inserire un impero nell'asse del male, qualcuno ha deciso di giocare una delle sue carte-terrorismo, inizia la guerra al terrore. Patti segreti, tradimenti, compravendita di messaggi segreti, il mondo diventa... quello che e`. Con diverse possibili fini: vince un impero che e` rimasto "buono", vince l'asse del male, guerra o pace perpetua (raramente). Da notare che un impero "buono" puo` allearsi segretamente con un impero terrorista.

Le reazioni sui giornali sono tra le piu` varie. Il background dei due autori non lascia dubbi sull'intento critico del gioco --sono entrambi Indymedia-attivisti e hanno lavorato alla versione britannica del sito-- ma e` proprio la "critica nei confronti dei nostri ragazzi che sono in Iraq a rischiare la vita" che accende gli animi dei giornalisti del Sun e del Daily Mail (definibili, con tipico understatment britannico, giornali conservatori): un gioco malato, insensibile, pericoloso, dannoso, offensivo independentemente dalla parte della barricata in cui ci si trova, interviste a sopravvissuti all'attacco a Londra del 7 luglio 2005, un gioco che "incoraggia un atteggiamento sbagliato nei confronti del terrorismo, qualcosa che non possiamo permetterci". E cosi` via. In un paese in cui la legge sul terrorismo[2] rende illegale glorificare o giustificare il terrorismo, un gioco del genere e` veramente pericoloso. Fanno notare i due autori: "giustificare non significa difendere; vuol dire ragionare e cercare la causa di qualcosa. Meno critico Gulf News (Dubai) e decisamente divertito Forbes, lo stesso che stila le classifiche dei personaggi piu` ricchi dell'anno.

Al di la` della critica, della satira, i due si sono divertiti a costruire il gioco, e hanno lavorato seriamente su qualcosa in cui credevano. Hanno messo su una piccola societa`, han cercato di distribuire il loro prodotto in grandi magazzini, presentarlo a fiere --per vedersi sbattere sempre la porta in faccia. Eppure non si puo` parlare certo di fallimento, dal punto di vista imprenditoriale: 1800 versioni vendute in 26 paesi in poco piu` di un mese attraverso il loro sito Internet. Una copia sola e` stata venduta in Italia, dove si aspetta l'uscita del gioco di societa` "Il magnate".

Note: