Lettera aperta a tutti produttori, distributori, uffici PR e negozianti italiani

Autore: 
Argomento Articolo: 
In risposta a d alcune polemiche che si sono sviluppate nei giorni scorsi, la Tana dei Goblin pubblica una Lettera aperta a tutti produttori, distributori, uffici PR e negozianti italiani
Vi invitiamo a collaborare con noi, per la diffusione del gioco in Italia, offrendo i nostri canali e la nostra professionalita'.
 
 

 

Lettera aperta a tutti produttori, distributori, uffici PR e negozianti italiani



Premessa

Su Internet esiste una Mail List denominata KILI che raccoglie molti addetti ai lavori del mondo ludico, affinche' possano condividere informazioni ed esperienze utili nel settore.

Pochi giorni fa, su KILI, si sono susseguiti numerosi messaggi (centinaia) riguardanti la scarsa diffusione del gioco in Italia. Dai negozianti ai distributori ed ai produttori, alla fine tutti hanno chiamato in gioco il ruolo delle associazioni, in molti casi male considerate come si può leggere nella seguenti citazioni:

PURTROPPO esistono associazioni che continuano a fare i loro interessi.

Associazioni (anche grosse di cui non voglio fare nomi qua) che ci hanno detto, testuali parole: "O CI REGALI 3 COPIE DEL PRODOTTO E CI DAI UN CONTOVENDITA O UNA PERCENTUALE DI SCONTO VERSO I NOSTRI AFFILIATI OPPURE NOI NON FACCIAMO GIOCARE NELLE NOSTRE SEDI IL TUO GIOCO, E COME BEN SAI SE NON LO DIVULGHIAMO NOI NELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE CI GIOCHERANNO IN POCHI".

Oppure cose del tipo: "EHI CARO EDITORE ORGANIZZIAMO UN BELL’EVENTO DOVE PUOI VENIRE CON I TUOI E FAR GIOCARE AI TUOI GIOCHI AL MERO SCOPO PUBBLICITARIO E DI ANIMAZIONE MA PER FARE QUESTO TI CHIEDIAMO 500 € E DI REGALARE UN PO' DI GIOCHI TANTO PER COPRIRE LE SPESE": due tendoni in mezzo ad una piazza (500 € !!!).... Insomma questi discorsi fanno un po' schifo no?
O sbaglio?

Per non cadere in cose ancora peggiori... Che ci sono state. E queste voglio ribadire non da associazioni piccole ma da GRANDI associazioni, nomi che si fanno sentire in giro... Altre associazioni che sono un tripudio di unione tra il commerciale e l'amore per il gioco, in modo da poter dire (quando gli pare) ma questo non è un lavoro, mentre quando gli torna bene: ma io ci devo campare!

oppure nelle seguenti:

Per i BUONI e  i CATTIVI intendevo quanto scritto in varie mail precedenti.... BUONE sono quelle associazioni che prendono il gioco ed effettivamente lo spingono con giochi/tornei/dimostrazioni in negozio/eventi ecc. CATTIVE sono quelle associazioni che prendono il gioco per andare a casa e dire ai loro amici: "WE! Ho guadagnato un gioco gratis! Ora ci giochiamo tutti insieme! Guardate come sono figo, non ho fatto spendere i soldi all'associazione :)", che quindi dal punto di vista degli editori non sono poi così interessanti, converrete....

O forse si ha paura che una lista "BUONI" e "CATTIVI" faccia si che alla fine tutte le associazioni ricadano in "CATTIVE"? :)

Le considerazioni sopra riportate, chiaramente provocatorie e citate letteralmente e probabilmente non riferite direttamente o indirettamente a La Tana dei Goblin, la dicono lunga su quello che i produttori pensano delle associazioni e riteniamo opportuna qualche precisazione a beneficio di tutti.



Fatti e considerazioni

La Tana dei Goblin ha proposto a suo tempo di poter acquistare i giochi che servivano per i tornei a prezzo di costo.

Alcuni hanno accettato dandoci i giochi a prezzo di costo , altri ci hanno dato alcuni giochi a prezzo di distributore.

Molti non hanno mai risposto, altri hanno storto il naso, altri ancora hanno proposto invece uno sconto del 20% sul prezzo di copertina.

Altri ancora, infine, hanno risposto negativamente perché "loro lo sanno che fine fanno i giochi dati alle associazioni"...

Noi siamo soliti andare per la nostra strada, e visto che paradossalmente siamo più conosciuti o considerati all'estero, i giochi che ci occorrono per organizzare i tornei come in particolare il TdG Italian Masters (qualifica per gli europei di Boardgame che La Tana dei Goblin gestisce ormai già da due anni) li compriamo a prezzo di costo direttamente in Francia, in Germania e negli USA, con maggiore difficolta' in Italia.

(Ecco i nomi di chi ha partecipato alle nostre iniziative: daVinci, WIYG?, mind your move, KDS, Venice Connection, Nexus, e Tilsit, ma anche 2F spiele, Hans im Gluck, Amigo, Adlung, Ystari, Eggert e spero di non essermi scordato nessuno!)

Ci sarebbe piaciuta una maggiore collaborazione da parte dei produttori, specie per la promozione del gioco.



Proposte

Gestiamo tutti gli anni la ludoteca di ModCon e di altre manifestazioni, fino ad ora con giochi che vengono dalle ludoteche private dei nostri utenti che generosamente ce li prestano per l'occasione. Giochi che, a dispetto di quanto si dice o si pensa, sono stati acquistati con fondi propri di singoli che li mettono a disposizione con tutti i rischi del caso, dimostrando di credere e contribuire alla diffusione della cultura del gioco più di quanto non facciano tanti operatori del settore che avrebbero ben altre capacità e disponibilità.

Ci piacerebbe avere per gli eventi una ludoteca propria dell'associazione, visto che la sempre minor selettività dei partecipanti agli eventi ludici, anche quelli più rinomati, rende purtroppo sempre più frequenti episodi di danneggiamento o addirittura di furto dei giochi.

Crediamo quindi che questa sia l'occasione giusta per dimostrare che quanto è stato detto, anche se riferito a episodi reali (che comunque costituiscono dei casi ma non la regola), non vuole essere un processo sommario nei confronti delle associazioni, ma che anzi se viene fatta una proposta seria essa viene valutata e accettata più che volentieri.

La Tana dei Goblin compra i giochi, organizza eventi e fa giocare la gente.

Report, foto e risultati sono sotto gli occhi di tutti e se sono significativi per l’estero, a maggior ragione dovrebbero esserlo in Italia.

Apriteci una “linea di credito” intesa come la possibilità di acquistare ogni anno ed a *PREZZO DI COSTO* un certo quantitativo di giochi (facilmente misurabile in euro) e noi la utilizzeremo. Se avete timore che si possa acquistare troppi giochi e far giocare troppa gente, potete scegliere un limite più o meno elevato, La Tana dei Goblin pagherà in ogni caso tramite rimessa bancaria a fine mese, dopo il ricevimento della merce.

Il prezzo di costo garantisce il produttore da una remissione completa (anche se rimette sui costi di magazzino e gestione) a fronte della pubblicità che il prodotto ottiene dall'utilizzo che ne viene fatto in pubblico e gratuitamente da parte de La Tana dei Goblin, rendendo l'accordo mutuamente conveniente per ambo le parti.

Il limite di spesa garantisce al produttore che non si abusi della particolare linea di acquisto concessa e, viceversa, garantisce a La Tana dei Goblin che il produttore non cambi idea a metà dell’anno con ovvie ripercussioni sull’organizzazione degli eventi già pianificati.

I giochi possono essere acquisiti secondo tre diverse modalita':

- in prestito ed a fine evento vengono restituiti (rotture e furti permettendo)

- a prezzo di costo

- a prezzo particolare. In questo caso, come ad esempio esplicitamente consentito dall'accordo che TdG aveva con i produttori nel caso del TdG Italian Masters, la TdG puo' anche rivendere i giochi ad un prezzo politico (faceva parte anche questo dell'accordo) alla fine dell'evento, in genere ai partecipanti o su altri canali (Forum ed EBay, per esempio)

La Tana dei Goblin e' ora una Fondazione, con il bilancio certificato da un revisore contabile iscritto all'albo, i giochi vengono inseriti nell'inventario della Fondazione e sono rintracciabili in ogni istante quindi potete stare sicuri che non li rubiamo per fargli fare bella mostra di se sui nostri scaffali.

In aggiunta a quanto sopra, che può avvenire anche su base saltuaria e periodica, La Tana dei Goblin già da tempo gestisce anche rapporti di più lunga durata con il mondo del commercio, sotto forma di Convenzioni che proprio in questo periodo ci accingiamo a rinnovare. Con la stipula di convenzioni a condizioni minime e sostenibili (sconto del 10% e spedizione gratuita per importi di 100 euro o superiori), riteniamo di contribuire alla diffusione del gioco in Italia sia favorendo da un lato i nostri associati, sia dando opportuna visibilità agli esercizi commerciali del settore attraverso un’apposita pagina dedicata alle convenzioni.

In tale contesto, siamo comunque disponibili a valutare anche proposte di convenzione basate su condizioni migliorative rispetto alle condizioni minimali, in funzione delle quali il Consiglio Direttivo potrà riservarsi di dare maggior visibilità in qualità di sponsor a quelle ritenute di maggior rilievo, anche mediante esposizione del logo in rotazione in homepage sul nostro sito.

Aspettiamo i vostri consensi e le vostre adesioni.

ModCon e' alle porte, la Ludoteca attende i vostri giochi, ma anche Lucca Comics & Games, Giocaroma, PisaCon, Mucca games e 6 (o più) GobCon in altrettanti weekend di gioco fanno parte dei nostri appuntamenti annuali.

Silvio de Pecher
Guido Ceccarelli
Valerio Salvi