Luca Kunz Schopfengoblin e la GobCon

Argomento Articolo: 

Bello, bello, bello!

Un sacco di gente, un sacco di giochi, un sacco di birra e dei bicchieri di acqua tonica davvero giganti. Che mi sono divertito è poco, ho provato molti giochi nuovi e ho anche imparato come fare degli autografi assolutamente illegibili! Non c'è che dire, l'emozione è stata tale che sostenuta da i forti quantitativi di fesseria e dalla meraviglia per la marea di giochi provabili e la presenza di così tanti giocatori..

Qualcosa nel mio cuore ha fatto ciock! E al momento della prima dimostrazione del gioco ero lìllì per dare di stomaco alla mia destra, all'indirizzo delle ginocchia del buon Papini Mario, dott. che a pranzo mi aveva pure omaggiato di un cioccolatino davvero delizioso.

A quel punto ricordo apertamente di aver invocato pietà e aiuto più volte, all'indirizzo del saggio Voicu, preoccupato per la mia pressione, a molte divinità del pantheon egizio e anche al vuoto siderale. Ringrazio tutti i presenti per aver pazientemente pazientato ai pazzeschi borbottii e chiacchiericci che vagamente hanno rassomigliato alle regole di un certo gioco chiamato Oriente.

Effettivamente avrò perso qualche pezzo qui e là, un braccio, due molari e ad un certo punto (ma stavo giocando a Ticchèt tu Raid) mi si è svitato un calcagno e ho rimestato un po' sotto il tavolo, con il buon Andrès che era indeciso ad indignarsi (uomo di cuore) per il fatto che stessi barando o perchè convinto di oscuri e goffi tentativi di sottrarlo alle sue giuste e future nozze.

E' stato un massacro (annunciato) come promesso ho sbagliato tavolo, regole, giorno e numero civico del locale, e molti testimoni possono comprovarlo. Gli stessi che mi hanno visto felice, gongolante e zompettante distribuire sorrisi, pacche sulle spalle, baci e per carità fermiamoci.. ma non taralli!

Mi ha fatto piacere in particolare l'ospitalità politropica dei Goblin tutti con i quali ho diviso pranzi, cene e discussioni sulle forme indeterminate zero alla zero. Io sostengo che se devo farmi curare per l'ansia o l'inautografia microspastica, c'è anche qualcuno che deve accettare che la matematica non è un campo di guerra.

Il primo da ringaziare fino alla morte è certamente SdP i suoi meriti meritano una trilogia magari illustrata malamente (lui sa perchè, lui sa chi è, lui sa com'è) dico solo due cose: anellini alla siciliana e bontà. Lobo lo ringrazio tra l'altro per avermi accompagnato a casa, me e il mio monitor 14 pollici (mai andare in giro senza). Il Goblin mi ha fermato in un angolo mentre stavo dimostrando, mi ha squadrato, ci siamo scambiati due parole e poi ricordo solo un furioso turbinio di: "Grazie a te", "ma no, figurati grazie a te", "scusa me", "no, qui se c'è uno che.." non ne sono sicuro, ma credo di aver perso, proverò a chiederglielo. 

Ho fatto e/o sancito conoscenze e amicizie, tutte notevoli, a partire da Noctua, lo spirito guida civetta che ha ascoltato le mie aspirazioni in campo ludico, i progetti, le frignate autolesionisiche e che di sovrappiù mi ha illuminato (parlando velocissimo, che fatica di pazzi!) la strada per la conquista del mondo (sentirete di grossi eventi in campania tra qualche mese).
...

Vabbè, ciao Richard. (al solito un uomo di codino e di rispetto) 

Mario Papini, dalle cui ginocchia sacre come un feudo, ha sopportato strenuamente quella dimostrazione che orami ricorderò con letizia e una punta d'imbarazzo.

Già la seconda dimostrazione è andata meglio e alla terza non avevo più i conati dall'emozione, il mio italiano era quasi meglio di quello di Totti, si lo so, devo allenarmi, dovrei provarmi con lo yoga, forse riuscirei a non dimenticare nemmeno una regola.

Ringrazio il gruppo Acchittocca uno e trino e il gioco del quale mi sono innamorato da un'anno e mezzo Inventori ed Invenzioni (lo so il titolo è sbagliato).

Andrea Angiolino, che appare negli applausi, porta sempre buone notizie e mannaggia che non sono riuscito a provare WoW, e i risultati del mio mancato esercizio nel Watch my Back si dovrebbero vedere nelle foto.

Ovviamente ringrazio mamma daVinci nella persona di Voicu Andrès (TM) ben accompagnato dalla dolce Paola, e gli spettri invisibili che gli aleggiano attorno, che da essa promanano e che in essa si fondono, DDG, Corbelli, Jelerak(nella sua forma fisica barbierofoba), Sciarra e Sorrentino. Mi hanno consentito di festeggiare la pubblicazione di Oriente, una delle cose che desideravo di più. Il tutto al modico prezzo di metà della mia anima e  una piccola ipoteca sull'auto (senza dimenticare tutto il  loro sangue e sudore).

Dimentico un sacco di gente, lo so, dimentico un sacco di cose che sono capitate (in sala c'erano poche ragazze, eppure i premi della riffa sono andati solo a ragazze. mah?)(le bestemmie di Lobo nel prepararmi la tessera associativa alla Tana: il mio nick). Ci riproverò nel post per ricordare l'evento.

Luca Kunz Schopfengoblin