Maratona di Mille Miglia in TdG Lodi!

Ho giocato a...
La Tana dei Goblin Lodi
Una delle caratteristiche de La Tana dei Goblin Lodi è quella di avere uno zoccolo duro di appassionati di giochi di corse. Da macchine, a motoscafi passando per canoe e bighe se si corre il gioco passa sicuramente sui tavoli degli "Unni".
Quindi dopo aver intavolato tornei di Formula D, Rallyman e Rush 'n' Crush era il momento di "Legend - la storia delle Mille Miglia" e quale occasione migliore di una Maratona Ludica per una gara che ha avuto come fulcro la resistenza di macchine e piloti?
Il weekend dedicato alla Maratona Ludica (36 ore di gioco consecutivo!) era tutto pronto: 7 piloti, 1 interna notte e bibite e spuntini...
 
Sulla griglia di partenza si sono schierati:

 
Dimo con la Bugatti Type 43
- Jones con la Maserati 26 Mille Miglia
- MaxDrago con la Alfa Romeo 1750 Gran Sport
- Mirillior con la Alfa Romeo 2300 8 Cilindri
- Pollonet con la Alfa Romeo 1760 Touring
- Stranger con la Alfa 1750 Sport
- Zanx con la Mercedes SSKL 7000
C'è anche un "aggiunto" Dionitros che però lascerà subito dopo la prima tappa giudicando la corsa non nelle sue corde.
 
 
Sono le 22.30 e si parte!
 
Il clima comincia subito facendo capire ai corridori che sarà una gara tormentata: pioggia alla prima tappa. Al termine abbiamo Zanx in testa con un 1h 0m 50s e Mirillior in coda a 8 minuti. 
 
Sole alla seconda tappa e parlando di turni l'apripista è Jones grazie anche al ritiro immediato del suddetto Dionitros. La tappa si conclude proprio con lui in testa a 1h 51m 6s, solo 43 secondi più veloce di MaxDrago.
Jones farà l'apripista per praticamente tutta la Mille Miglia, ma già dalla fine della terza tappa MaxDrago sale in cima con 3h 6m 20s
Il primo ritiro sarà Stranger, subito dopo la tappa Roma - Terni, per malessere del pilota. Un ritiro davvero doloroso poiché in quel momento Stranger era terzo in classifica, a solo 4 minuti dal secondo. Tre tappe più tardi,nella Gubbio - Tolentino, sarà la volta di Mirillior finito fuori pista dopo aver completamente consumato i pneumatici, anche qui un vero peccato poiché stava recuperando terreno ed aveva appena effettuato il record di tappa nella precedente.
 
Una Mille Miglia combattuta, che ha visto molti recuperi e sorpassi (la Poggibonsi - Roma è stata una tappa di sportellate indimenticabili!), ma anche un incredibile sfortuna nella resistenza delle vetture. Tra carrozzerie ammaccate e candele rotte il gruppo dei piloti si è diviso fra chi aveva gomme in fibra di titanio arrivate perfette fino a praticamente metà gara (MaxDrago e Zanx, per esempio) a chi invece aveva montato le gomme da cancellare (morbide... molto morbide stile gomma pane!!) marchiando ogni curva con metri di battistrada (Dimo e Jones).
 
Quando ormai si pensava che i giochi fossero fatti ecco che nelle ultime tre tappe succede di tutto: Dimo, a soli 5m da Jones, viene letteralmente tagliato in una curva da Zanx che tenta a tutti i costi il recupero. Purtroppo la mossa, legale ma molto cattiva, impedirà a Dimo di prendersi il secondo posto in classifica ma farà sì che Zanx gli rubi il suo terzo di due minuti alla fine della terzultima tappa.
Più indietro Pollonet, tranquillo e docile per tutta la gara, decide che è il momento di tirare fuori le unghie e si mette a duellare con MaxDrago arrivando addirittura a sportellarlo fuori dalla pista mentre questo era fermo per il cambio gomme...
 
Niente di questo ha però impedito a MaxDrago, in testa dalla terza tappa, di andare a chiudere al primo posto, seguito sul podio da Jones e Zanx.

Che dire di questa vittoria di un pilota alla sua prima Mille Miglia e quindi di un effettivo principiante? Macchina potente? Indubbiamente il 3 di frenata della sua "Alfa Romeo 1750 Gran Sport" ha fatto la differenza rispetto a Jones e Zanx. Fortuna? Di quest'ultima parecchia, come spiegato sopra, ma anche un ottima preparazione nella scelta dei pezzi di ricambio giusti e tanta abilità di guida. Partendo molto indietro ha abilmente fatto tesoro di tutte le traiettorie altrui ed è stato molto attento a non forzare mai. Mentre altri piloti spingevano e prendevano rischi per recuperare il più possibile MaxDrago si è concentrato su una gara conservativa, pulitissima e precisa nelle corde che gli ha fatto totalizzare ben 8 record di tappe su 15!
 
Un grande applauso quindi al vincitore, MaxDrago, e a tutti gli altri piloti che hanno gareggiato, combattuto, imprecato, esultato e soprattutto riso di cuore per ben 15h e mezzo consecutive di Mille Miglia!!
 
Tutti i dati:
Partenza: ore 22.30 in tempo reale, ore 08.00 in tempo di gara.
Arrivo a Roma: ore 3.30 circa in tempo reale, ore 14.16 in tempo di gara (basato sul tempo di MaxDrago)
Ritorno a Brescia: ore 14.00 circa in tempo reale, ore 01.42 in tempo di gara (basato sul tempo di MaxDrago)
Tempo totale di gioco: 15h e 30m ed ecco tutti i tempi dei piloti:

 
 
1. MaxDrago - 17h 42m 7s
2. Jones - 18h 5m 58s
3. Zanx - 18h 14m 34s
5. Dimo - 18h 21m 19s
5. Pollonet - 18h 46m 14s
6. Mirillior - RITIRO durante Gubbio - Tolentino dopo 9h 45m 15s 
7. Stranger - RITIRO prima di Terni - Spoleto dopo 7h 45m 52s

 

 

Commenti

tika

Mamma mia quanto mi piacerebbe partecipare a una cosa simileeeeeee.
Grandissimi, troppo epico!
Anche se forse chi ha dovuto ritirarsi è stato quasi contento HAHAHAHA!