[News] Monopoly Italia: Genova sarà Parco della Vittoria

Notizie
Giochi

Con circa un milione di voti in appena un mese, giunge al termine il referendum popolare su Monopolyitalia.it, dove capeggia già la classifica definitiva. Genova si aggiudica la sfida tra i capoluoghi di regione, seguita da Potenza e Trento. Tra gli 8mila comuni in gara dominano indisturbati Albissola Marina e Cosenza, i nuovi Vicolo Stretto e Vicolo Corto.

Con circa un milione di voti in appena un mese, giunge al termine il referendum popolare su Monopolyitalia.it, dove capeggia già la classifica definitiva. Genova si aggiudica la sfida tra i capoluoghi di regione, seguita da Potenza e Trento. Tra gli 8mila comuni in gara dominano indisturbati Albissola Marina e Cosenza, i nuovi Vicolo Stretto e Vicolo Corto.

Milano, giugno 2016 – Più di 960mila voti in appena un mese, 20 capoluoghi di regione in gara e ben 8mila comuni pronti a dar battaglia pur di accaparrarsi una casella del mitico tabellone in versione tricolore. Il primo gradino del podio va a Genova con le sue oltre 200mila preferenze, al secondo posto Potenza (vicinissima ai 100mila voti) che ha doppiato Trento, terza classificata con 44mila voti. Ed è così che il capoluogo ligure conquista l’ambitissimo Parco della Vittoria: sarà la casella/città più costosa in assoluto (400 M$) nel tabellone del nuovo Monopoly Italia, disponibile da aprile 2017. Sarà un vero viaggio attraverso lo Stivale, da Palermo (ultima classificata con appena 5.555 voti) ad Aosta (settima con oltre 20mila preferenze), passando per Roma e Napoli (rispettivamente al 14° e 15° posto). Per scoprire il resto della classifica finale bastano pochi click su Monopolyitalia.it.

La divertente competizione è stata seguita con passione da circa un milione fan, tutti intenti a votare, consultare la classifica aggiornata in tempo reale e approfittare dei tantissimi suggerimenti per sostenere la propria città del cuore. La Liguria è stata la regione che in assoluto ha raggiunto il miglior risultato: con Genova e Albissola Marina, che con più di 224mila voti ha conquistato Vicolo Stretto e battuto la concorrenza di ben 8mila comuni, ha conquistato ben due caselle del nuovo tabellone tricolore. Anche la Calabria può andar fiera del doppio risultato ottenuto: il 12° posto di Catanzaro gli ha permesso di conquistare Piazza Dante, mentre Cosenza, con più di 142mila voti, sarà Vicolo Corto.

Da indiscusso leader mondiale nella creazione e distribuzione di giochi in scatola, Hasbro dedica così al Belpaese una nuova edizione nazionale del Monopoly. Il gioco in scatola dei record, il più venduto e giocato al mondo, verrà del tutto personalizzato in base ai risultati della votazione, ma senza perdere il suo spirito originale: tra Imprevisti e Probabilità, lo scopo sarà sempre quello di comprare terreni, farli fruttare al meglio, edificare case e alberghi per diventare un magnate di successo. La grande novità del Monopoly Italia sarà proprio il Tabellone, che conserverà il “Via”, la Prigione o la temibile Tassa di lusso, ma al posto di Corso Raffaello o Via Accademia, ci saranno le 22 città più votate raffigurate dai monumenti che le rappresentano al meglio. Proprio come le Pedine, che ritrarranno gli elementi più simbolici del nostro Paese.

Oltre all’Italia, anche Francia, Spagna, Olanda, Stati Uniti, Messico (e non solo) possono vantare una versione patriottica del Monopoly. Per scoprire con esattezza la classifica finale e i punteggi delle 22 città che potranno tenere alto il loro gonfalone sulla plancia del gioco da tavolo per eccellenza bastano pochi click su Monopolyitalia.it, il centro nevralgico dell’iniziativa, e su Hasbrogaming.it, il ritrovo online per tutti gli appassionati di giochi in scatola.

L’appuntamento con il nuovo Monopoly Italia è quindi fissato per aprile 2017, quando i risultati di questo divertentissimo referendum popolare diventeranno realtà trasformandosi nel gioco in scatola più coinvolgente di sempre.

Commenti

Wow.... adesso corro a comprarmi la nuova edizione del monopoli... -.-

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare