[PREVIEW] Concordia

Giochi

Pietro Cremona ci offre una ricca e dettagliata anteprima del nuovo titolo di Marc Gerdts che si chiamerà Concordia (o forse, dato che è incerto, ma l'importante è che esca!)

Basato su più di 50 partite di playtest che Pietro e il gruppo della TdG di Forlì-Cesena hanno tenuto, in parte con lo stesso autore.


 CONCORDIA

CONCORDIA Dovrebbe essere il nome definitivo del nuovo gioco di Walther "Mac" Gerdts che sarà presentato a Essen 2013 : dico "dovrebbe" perché il titolo vero lo sapremo solo ad Essen e neppure io ne sono ancora al corrente, anche se sono stato uno dei playtesters fin dal primo minuto, insieme agli amici della TdG di Forlì-Cesena, e nonostante sia in corrispondenza costante col buon Mac.


Pietro Cremona ci offre una ricca e dettagliata anteprima del nuovo titolo di Marc Gerdts che si chiamerà Concordia (o forse, dato che è incerto, ma l'importante è che esca!)

Basato su più di 50 partite di playtest che Pietro e il gruppo della TdG di Forlì-Cesena hanno tenuto, in parte con lo stesso autore.


 CONCORDIA

CONCORDIA Dovrebbe essere il nome definitivo del nuovo gioco di Walther "Mac" Gerdts che sarà presentato a Essen 2013 : dico "dovrebbe" perché il titolo vero lo sapremo solo ad Essen e neppure io ne sono ancora al corrente, anche se sono stato uno dei playtesters fin dal primo minuto, insieme agli amici della TdG di Forlì-Cesena, e nonostante sia in corrispondenza costante col buon Mac.



Il gioco fu presentato per al prima volta a PLAY 2012 con il nome di "Populus Romanus", ma in seguito fu ribattezzato "Roma Caput Mundi" (Maggio 2012), poi "Oppida" (Novembre 2012) e "Concordia" nel Febbraio 2013 (Con alzata di scudi di TUTTI i playtesters italiani che hanno sconsigliato questo nome perché non può esserci nulla di più lontano dall'effettivo gioco). In Aprile 2013 Mac sembrava voler rinominare il gioco "HADRIAN" ma ... francamente è così importante ?

Vediamo piuttosto se il gioco vale la ... candela ! Rispondo subito SI , soprattutto dopo le numerose modifiche che ha subito negli ultimi 12-15 mesi : Mac Gerdts è un ideatore piuttosto pignolo e ritorna mille volte su ogni dettaglio prima di renderlo definitivo ... ed anche allora non si sa se verrà modificato all'ultimo minuto. Sono ormai mitiche le litigate che Mac e il suo amico ed editore Peter Dorsam (la "P" e la "D" della casa editrice PD Verlag che pubblica tutti i giochi di Mac) hanno fatto qui a casa mia durante una lunga discussione sul Regolamento : Peter voleva avere tutto pronto per la stampa al più presto ma Mac voleva riservarsi ancora qualche MESE per riflettere sulla efficacia delle carte ....

Ovviamente non ho ancora in mano al versione definitiva e quindi le foto ed i commenti che seguono sono basati sulle copie per Play test che mi consegnò Mac a suo tempo.



foto 1



La mappa (vedere foto 1)  ci mostra il Mare Mediterraneo, le otto Provincie che si affacciano sulle sue sponde (Italia, Gallia , Spagna, Grecia, Africa, Libia, Egitto, Fenicia, Asia Minore) più Britannia e Germania : ogni Paese contiene 2 o 3 città, salvo l'Italia che ne ha quattro se si conta anche Roma (ma che non si utilizzerà per le conquiste). Scopo del gioco è porre delle "basi" (o centri commerciali, o come preferite chiamarli) in queste Città per guadagnare Risorse o Talenti (o Denari) d'ora da impiegare per acquistare Cariche o Funzioni da sfruttare per espandersi maggiormente, ecc.

Le città sono collegate fra loro da strade (di colore rosso) o rotte marittime (di colore blu) : sulle strade possono muovere solo le Legioni, per mare vanno ovviamente solo le Flotte. Il movimento NON E' da città a città, ma da strada a strada o da rotta a rotta : per esempio una legione che parte da Roma e fa un solo movimento può fermarsi sulla strada che va a Novara oppure su quella per Siracusa o infine su quella per Aquileia, MA NON sulla rotta per Cartagine, utilizzabile solo dalle flotte.

L'ultima versione del gioco in mio possesso oltre alla mappa contiene :

- 6 Tessere "Grandi Città" (Da piazzare a Aquileia - Novara - Marsiglia - Valentia - Cartagine - Siracusa ovvero sulle sei città direttamente collegate a Roma)
- 25 Tessere "Città" (da piazzare sulle restanti città della mappa)
- 40 Carte "Iniziali" da distribuire ai giocatori (8 carte ciascuno)
- 30 Carte "Mercato" che i giocatori acquisteranno durante il gioco
- 5 Schede Double Face "Magazzino (una per giocatore)
- 5 Carte "Riassuntive (una per giocatore)
- 21 Tessere "Bonus" per le Province
- 1 Carta Prefetto

NOTA : ogni tessera città (come potete vedere dalle foto) ha sul retro il simbolo di una delle sei "risorse" disponibili (Oro-Vino-Tessuti-Ferro-Mattoni e Cibo).

A questa dotazione ho dovuto aggiungere :

- 30 Legioni (6 per giocatore)
- 30 Flotte (6 per giocatore)
- 80 Dischetti o Casette (16 per giocatore)
- 100 cubetti colorati (per le varie merci : 20 Oro, 15 Vino, 15 Tessuto, 15 Ferro, 20 Mattoni e 15 Cibo)
- 50 Monete

Ho saccheggiato le dotazioni di ANTIKE (Segnalini), NAVEGADOR (Monete) e RAILROAD TYCOON (cubetti) per estrarre questi materiali ma ... ovviamente il gioco definitivo comprenderà tutto il necessario (e sarà dunque piuttosto RICCO)

Da notare che questo gioco NON utilizza la famosa "ruota" di MacGerdts !




foto 2


LA PREPARAZIONE INIZIALE
- Si mescolano le tessere "Grandi Città" (vedere Foto 2) e si piazzano a caso sulla mappa nelle città collegate a Roma, poi si fa altrettanto con le altre tessere "Città" e si scoprono tutte sul lato "Risorsa"
- I giocatori ricevono il Magazzino sul lato da 8 merci (vedere Foto 3) e vi piazzano un cubetto merce per tipo
- Ciascuno poi riceve tutti i suoi segnalini colorati e piazza 1 Legione ed 1 Flotta a Roma
- Ogni giocatore prende inoltre le 8 carte iniziali del suo colore (Verde per Aemilius, Grigio per Cornelius, Giallo per Claudius, Blu per Fabius e Rosso per Valerius) e 5 Denari.



foto 3


Dopo aver sorteggiato il "primo giocatore" si consegna la carta Praefectus all'ultimo giocatore e si piazzano sul tabellone le prime SEI carte del mazzo, disponibili per l'acquisto.



foto 4


Infine si piazzano i gettoni "Bonus" (vedere Foto 4) sulle Province (mettendole negli appositi spazi sul tabellone) in base alla risorsa più costosa che è stata piazzata in ognuna di esse. (Se, per esempio, la Gallia ha ricevuto Oro, Ferro e Tessuto si piazzerà un Bonus "oro" sullo spazio relativo)

Il GIOCO
A turno ogni giocatore gioca une delle sue carte ed esegue la relativa azione : le carte giocate restano sul tavolo e sono "coperte" dalle carte successive, in modo però che sia sempre perfettamente visibile l'ultima carta giocata.



foto 5


Per capire come si gioca bisogna dunque conoscere le carte. Partiamo da quelle "Iniziali", uguali per tutti (vedere Foto 5) :
- COLONO : permette di muovere Legioni e Flotte e di popolare le città che saranno adiacenti ai propri "pezzi" alla fine del movimento. Ogni giocatore ha a disposizione un numero di Punti Movimento (PM) pari al numero di Unità che ha sulla mappa. All'inizio dunque tutti i giocatori hanno 2 PM che possono usare per muovere di uno spazio sia la Flotta che la Legione, oppure di due spazi uno solo dei due pezzi. Per popolare una città è sufficiente pagare il costo di costruzione che varia in base alla risorsa che la città poi darà : per esempio una città che produce "oro" costa 5 Denari + 1 Mattone + 1 Tessuto (combinazioni "strane", ne convengo, e non è detto che il buon Mac non faccia qualche modifica ...); una che produce "cibo" costerà invece 1 solo Denaro ed 1 Mattone, ecc.
ATTENZIONE : se la città è già occupata da uno o più gettoni avversari il nuovo arrivato dovrà pagare lo stesso prezzo a TUTTI, quindi ... è sempre bene arrivare per primi nei posti chiave per la propria strategia.

- OPERAIO : ogni giocatore ha DUE carte di questo tipo. Giocando un Operaio si ha diritto ad indicare una Provincia che "produrrà tutte le sue risorse (consegnando quindi un cubetto di ogni tipo ad ogni giocatore che ha dischetti in quella Provincia). Inoltre se è la prima volta che essa produce il giocatore incamera anche un cubetto della risorsa Bonus relativa a quella Provincia (e la tessera viene rovesciata sul lato Denaro).

- CENTURIONE : giocando questa carta è possibile costruire nuove Legioni e/o Flotte. Basta pagare 1 risorsa "Ferro" per unità : Roma e tutte le città con "Ferro" possono ricevere al max 1 nuova unità militare. Se non si costruiscono Unità è possibile raccogliere le Tasse incassando 2 Denari per ogni Legione o Flotta che si hanno in campo.

- MERCANTE : questa carta permette di incassare 3 Denari e di scambiare 2 tipi di merce (un qualsiasi numero di risorse ma di DUE soli tipi)

- DIPLOMATICO : permette di utilizzare una carta giocata da un avversario (si può scegliere una qualsiasi delle carte scoperte) ed eseguire la relativa azione.

- SENATORE : il giocatore può acquistare fino a TRE carte fra quelle scoperte sul tabellone, il cui costo è dato dalla somma delle risorse richieste dalle singole carte più un "extra" variabile in base alla posizione che occupa. La prima carta a sinistra non richiede extra, la seconda e terza richiedono una risorsa a scelta, la quarta e la quinta un "Tessuto" e la sesta un "Tessuto" più un'altra risorsa a scelta. Le carte acquistate vengono prese subito in mano e sono già giocabili a partire dal prossimo turno del giocatore.

- TRIBUNO : permette di riprendere in mano TUTTE le carte giocate fino a quel momento. Inoltre si incassa un Denaro per ogni carta ripresa in mano ... a partire dalla quarta o, in alternativa, si gira la scheda Magazzino sul lato con 12 caselle.



foto 6



Le CARTE IN VENDITA sul tabellone (vedere Foto 6) sono divise in tre epoche (I-II-III da giocare in successione) di 10 carte ciascuna e sono simili a quelle in possesso dei giocatori, solitamente con qualche beneficio extra. Tutte hanno un costo in risorse sulla parte bassa : un Senatore, per esempio, costa una risorsa "Oro" ; un Colono costa un "Ferro"; ecc.
Vi sono però alcune carte "nuove", come il Console (riduce il costo di acquisto delle carte), l'Imperatore (che confisca i Bonus di tre Province) e le carte dei mestieri (Villico, Muratore, Fabbro, Tessitore, Orafo) che permettono di produrre la loro specifica in TUTTE le province (anziché in una sola).

Al termine del turno di un giocatore che ha acquistato una o più carte tutte quelle rimaste vengono compattate a sinistra e si riempiono i vuoti con nuove carte prese dal mazzo.

La partita di CONCORDIA termina quando sono state acquistate TUTTE le carte.

Il calcolo dei punti è un po' ... laborioso ma è importante capire come funziona PRIMA ANCORA di cominciare a giocare, dato che si basa soprattutto sui BENEFICI dati dalle carte. Ogni di esse ha infatti, in basso, un numero ed una breve spiegazione : il "numero" indica i Punti Vittoria (PV) che si riceveranno alla fine della partita PER OGNI CARTA di quel tipo e la "spiegazione"specifica le condizioni per segnare quei PV. Per esempio i COLONI assegnano 1 PV per ogni dischetto/casetta piazzato sulla mappa; i SENATORI assegnano 1 PV per ogni carta acquistata (quindi escludendo le 8 iniziali); l'Orafo assegna 5 PV per ogni città "Oro" in cui si hanno propri coloni; il Diplomatico regala 2 PV per ogni Flotta e/o Legione che il giocatore ha in campo; ecc.

E il PREFETTO , direte voi ?

E' un antico "vezzo" di Mac (che odia giocare per ultimo in una partita, fosse anche la briscola !) e quindi cerca di rimediare dando un piccolo bonus extra (vedi Navegador e Imperial, per esempio) : nel caso di CONCORDIA chi ha il Prefetto (vedere Foto 3) lo può giocare durante il suo turno per raddoppiare il Bonus dell'OPERAIO. Una volta usata la carta viene passate al vicino di destra.

Che dire in chiusura ?

Ho fatto almeno una cinquantina di partite, fino ad oggi, di cui una ventina insieme l'autore e l'evoluzione del gioco ha mostrato quanto Mac Gerdts tenga ai play test. Nel 2012, insieme ai ragazzi della TdG di Forlì-Cesena ed ai miei abituali compagni di gioco nelle serate qui a casa mia, feci una lista di oltre 30 osservazioni, critiche e suggerimenti : in particolare il gioco durava immancabilmente oltre 3 ore, anche fra giocatori già esperti, ed era pieno di regolette antipatiche che rallentavano il gioco ed erano persino difficili da ricordare. Nella primavera 2013 i playtest non hanno mai passato le 2 ore ed il gioco si è dimostrato finalmente fluido : poche regole da studiare e massima concentrazione sulla strategia. Restava qualche sbavatura qua e la (i "bonus" delle province difficili da segnalare, qualche carta troppo "potente", ecc.) che l'autore ha provveduto immancabilmente a sistemare. Francamente le ultime due partite giocate non hanno suscitato alcuna domanda o dubbio (salvo la generale avversione al titolo "Concordia" per un gioco dove l'aggressività è fondamentale !).

Si tratta comunque di un gioco abbastanza impegnativo e dunque per giocatori esperti : essendo un mix di "Piazzamento" (le colonie), "Deck Building" (l'acquisto delle carte per fare sempre più azioni) e Maggioranze (nelle Province) è assolutamente indispensabile un buon bilanciamento fra le due fasi della partita : nella prima infatti bisogna soprattutto badare ad espandersi nel maggior numero di città e con risorse ben variate. Poi, acquisita una certa "tranquillità" economica, ci si deve dedicare al'acquisto delle carte facendo bene attenzione a non "disperdersi" troppo alla ricerca di vari bonus in PV. La seconda fase infatti vedrà sparire le carte ad una velocità sempre più elevata, con i giocatori che allargheranno le loro colonie (potendo pagare i costi extra ai giocatori già presenti) in base alle carte in loro possesso.

Il mio consiglio : se amate i giochi di strategia alla tedesca, dove il caso è praticamente nullo, comprate tranquillamente CONCORDIA (o come diavolo si chiamerà alla fine) e sicuramente ne resterete soddisfatti.


SOMMARIO

Ideatore : Mac Gerdts
Artista : Mac Gerdts + ???
Editore : PD Verlag
Anno : 2013 (Essen)

Giocatori : 5
Età : 12+
Tempo : 120 minuti

VALUTAZIONE FINALE : 8/10

COMMENTI : Piacerà a chi predilige i giochi di strategia con fortuna al minimo e necessità di far funzionare al massimo i neuroni


 

Scheda su Boardgamegeek