[PREVIEW] Cornish Smuggler

Autore: 
Argomento Articolo: 

ATTENZIONE! La seguente anteprima è ricavata dalle impressioni successive alla sola lettura del regolamento senza prova su strada del gioco

CORNISH SMUGGLER

Cercate un'ambientazione insolita? In questo caso siete contrabbandieri del 1700...


Cornish Smuggler ci mette nei panni di contrabbandieri inglesi del 1700. Lo scopo del gioco è accumulare ricchezza e fama tramite il commercio illecito e la costruzione di una propria rete di influenze conoscenze. Per 2-5 giocatori assidui, sulle 2 ore di durata, si basa essenzialmente sulla meccanica di pick.up & deliver. La ricostruzione del periodo storico è molto accurata, quasi simulativa.<?xml:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-com:office:office" />

 

Il tabellone rappresenta la Cornovaglia con le sue cittadine collegate da strade e il mare che la circonda, con le varie rotte commerciali.

All'inizio di ogni turno vengono scoperte nuove carte personaggio e ogni giocatore riceve gettoni influenza pari alla propria reputazione. L'influenza e l'oro sono le monete del gioco: serviranno entrambe per compiere azioni e espandere il proprio commercio. In senso orario, dal primo giocatore, ciascuno compie una azione, finché tutti hanno passato. Alcune azioni costano solo oro o solo influenza, altre entrambe, ma per la maggior parte è possibile pagare scegliendo tra le due risorse.

 

Le azioni, senza entrare nel dettaglio, data la loro quantità e complessità, consentono di muovere le proprie navi e commerciare i beni contrabbandati; comprare e vendere merci; sistemare le merci nelle stive (ogni nave ha una stiva quadrettata di forma diversa e le merci vi si incastrano tipo tetris); affittare magazzini; prendere al proprio servizio personaggi dai più disparati poteri; comprare reputazione con l'oro; lavorare onestamente e scambiare influenza per oro; riciclare i propri soldi in attività pulite; truffare personaggi neutrali.
Tutto il sistema è ben collegato e amalgamato, in un continuo ricircolo e ottimizzazione delle risorse oro e influenza.

 

Vince il gioco chi ha fatto più soldi e reputazione.

 

PRIME IMPRESSIONI

Tutto il sistema è molto curato e verosimile, includendo aspetti come il rischio di navigazione e altro. La grafica rispecchia il periodo, un po' scialba e “antica”, sembra quasi di sfogliare un vecchio libro di illustrazioni storiche. Non mi è piaciuta molto, anche se il regolamento e i materiali che ho visionato io non sono quelli definitivi.

Il sistema non è affatto semplice ed è pieno di piccolezze ed eccezioni, dedicato quindi solo ai giocatori assidui. Già nel regolamento (peraltro non molto organico e scritto maluccio) è inclusa una pagina di FAQ e un esempio esteso di gioco per spiegare meglio la dinamica. Può però essere stato un limite mio quello di trovare poco intuitiva la spiegazione.

 

Onestamente non c'è nessun aspetto che mi ha colpito in modo particolare, né per l'originalità, né per il risultato finale. Mi pare un po' uno di quei titoli molto pesanti in cui le regole prevalgono sul gioco, non restituendo in proporzione a quanto chiedono. Forse anche complice l'ambientazione, non mi ha lasciato molta voglia di provarlo. Però, sotto questa superficie un po' ostica, si vede che c'è un gioco con una certa logica e complessità, in cui tutti i pezzi si incastrano in qualcosa di organico. Se vi piace il tema e non avete paura di titoli con un certo spessore, dategli un'occasione.

 Scheda su Boardgamegeek| Regolamento