[PREVIEW] LOST LEGENDS

Autore: 
Argomento Articolo: 

ATTENZIONE! La seguente anteprima è ricavata dalle impressioni successive alla sola lettura del regolamento senza prova su strada del gioco

LOST LEGENDS

Da kickstarter: un gioco a meta' tra il fantasy e 7 Wonders


Gioco competitivo ad ambientazione Fantasy per 3-5 giocatori, finanziato su Kickstarter, sfrutta la meccanica del drafting con le carte per far massacrare poveri mostri dai soliti spietati eroi. Chi massacra meglio, vince.<?xml:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-com:office:office" />

 

Ogni giocatore sceglie un eroe e sistema la corrisponde plancia in questo modo: un cubo nero sullo zero dei PX (punti esperienza); un segnalino vita con sopra un cubo verde al livello indicato del tracciato vita; stessa cosa col segnalino e il cubo mana (di colore blu), sul corrispondente tracciato; le monete iniziali per il suo personaggio nello spazio “zaino”. La scheda è poi strutturata con dei bordi sagomati in modo tale da alloggiare le carte equipaggiamento di vario tipo in slot prestabiliti (tipo l'arma in alto a sinistra, gli artefatti in basso a destra e così via...). Vicino a questi slot compaiono a volte dei simboli (una spada, uno scudo...) che indicano quanto, di base, sia alta l'abilità di quel personaggio ad usare quel tipo di equipaggiamento.

 

Le carte sono divise in 3 livelli e ci sono 2 pile di carte per livello: mostri ed equipaggiamenti.

Per ogni livello il giocatore deve preparare il proprio equipaggiamento e, si spera, sconfiggere il mostro. Quindi ogni livello di gioco consiste in due fasi: preparazione e combattimento.

Viene rivelato un mostro per ogni personaggio e assegnato davanti alla sua scheda. Poi viene scoperto un ulteriore mostro che rimane, per così dire, in riserva.

 

Fase di Preparazione:

Ogni carta equipaggiamento riporta nome, figura, tipo, costo ed effetto/i dell'oggetto in questione. Ogni giocatore ne riceve 6, ne tiene una per il suo eroe e passa le restanti in senso orario. La carta selezionata può essere utilizzata in due modi: o per aumentare le proprie abilità o comprandola ed equipaggiandola a tutti gli effetti. Nel rpimo modo la carta viene rivoltata e posta sotto la scheda, in modo che ne sporga solo la parte terminale, in cui è stampato il simbolo per quella tipologia di oggetti. Questo simbolo va a sommarsi a quelli eventualmente già presenti sulla scheda de personaggio, aumentando quella specifica abilità, fornendo soldi e anche uno sconto per equipaggiamenti della stessa famiglia. Per ogni slot (armi, armature, incantesimi, artefatti) un personaggio può alloggiare massimo 3 carte e tutte diverse.

La carte vengono scelte con questo drafting per 5 volte, la sesta è scartata automaticamente.

 

Fase di Combattimento:

Le carte mostro riportano immagine, nome, tipo, danni, difese, vita, abilità e ricompense ottenute in caso di vittoria dell'eroe.

Qui viene anche la particolarità del gioco, che lo rende un po' più interattivo di un semplice multi-solitario come poteva apparire finora. È possibile infatti sia scegliere di attaccare il proprio mostro che passarlo a chi non ne ha più davanti (perchè magari ha già ucciso il suo). Se non si hanno mostri davanti si deve prendere quello rivelato in riserva o pescare il primo coperto sulla pila dei mostri. Dopo ogni attacco il mostro reagisce (se ancora vivo) e attacca a sua volta.

Il gioco prosegue in questo modo finchè non è esaurita la pila dei mostri (cene sono 3 per eroe).

 

Per i mostri sconfitti gli eroi ricevono ricompense in soldi e fama. È previsto un sistema di indebolimento per cui chi viene sconfitto da un mostro non è eliminato dal gioco ma semplicemente indebolito in una abilità. L'equipaggiamento si conserva e si aumenta di livello (mana, vita) per la prossima sfida.

Alla fine del gioco chi ha ottenuto più fama vince.

 

Il combattimento è deterministico, gestito con un sistema di icone a informazione completa. Ci sono ovviamente potenziamenti, sensibilità, immunità e così via, per cui occorre fare qualche calcolo e valutazione. Questo è però necessario e importante per capire se è il caso di passare il mostro a un altro oppure no.

 

PRIME IMPRESSIONI

Pur sembrando la versione fantasy di 7 Wonders, il gioco se ne discosta presto non solo come tema, ma anche come dinamiche, fermo restando la meccanica base comune del drafting.

 

Ci sarà da verificare il livello di difficoltà e ho l'impressione che il trucco dello sbolognare mostri sgraditi darà vita a parecchie bastardate.

 

Il tutto sembra ben implementato ed ha anche un certo livello di complessità, viste tutte le icone, le combinazione e gli effetti speciali contemplati. La durata, indicata in 70 minuti, non lo classifica come filler, lasciandolo un po' a metà strada tra questa categoria e i giochi più impegnativi. Può essere effettivamente una soluzione sufficientemente ambientata e divertente per chi cerca una via dimezzo tra un filler e un gioco più corposo, tra un titolo di breve durata e uno lungo.

 

 

Scheda su Boardgamegeek | Link al regolamento