Primo report da GenCon (Indianapolis)

Autore: 
Argomento Articolo: 

Ciao a tutti!

Sono alla GenCon, a Indianapolis, manifestazione molto orientata al
gioco di ruolo e alla simulazione, ma anche con una presenza notevole
di giochi da tavolo. C'e' un grosso padiglione con stand di
espositori, un paio di enormi sale di tavoli dimostrativi ufficiali
delle ditte, molto gioco libero, una gran bella ludoteca, eccetera.
Non mancano giochi giganti: due enormi Coloni di Catan, un
impressionante Starfleet Battles e vari altri. Concorsi, cacce al
tesoro, eccetera riguardano soprattutto il settore giocodiruolistico.

Ho bighellonato qua e la', ma un po' di cose le ho notate. Vari
editori, grandi e piccoli, con parecchi giochini da tavolo e
soprattutto di carte. Notevole una serie con un gioco sul management,
in cui un giocatore accumula progetti e per scaricarli al vicino deve
giocare un totale di scuse per lo stesso valore. Chi si trova con
troppi progetti diventa manager e perde. Stesso meccanismo per un
gioco sul matrimonio, in cui si giocano "impegni" e si rischia di
diventare "tipo da sposare", essere sposati e per l'appunto perdere.

Ho conosciuto Lou Zocchi, autore di "Luftwaffe" (Avalon Hill) e di
molti altri giochi aerei non giunti da noi. E' l'inventore del dado a
cento facce. Mi ha regalato vari altri dei suoi brevetti: il dado a
tre facce, quello a 5, quello a 16, quello a 24. Ovviamente non
platonici. Dalla Koplov, su suggerimento di Silvio della Tana dei
Goblin, ho comprato un dado a dieci facce grosso, trasparente, con uno
piccolo trosso dentro. Cosi' in un tiro solo ho decine ed unita' di un
dado percentuale.

Da Steve Jackson mi ha colpito Beer Money, espansione indipendente per
Lunch Money. Belle foto, testi crudeli. Uno stand ha un sacco di
magliette con le foto delle carte.

La Mayfair ha Ostrakon e Tuchulcha in bella vista, piu' tavoli
dimostrativi permanenti di Bang e di Viva il re. Bang si vede in molti
stand. Ho sentito di belle iniziative per Bang per fine anno... Tutto
bene per DaVinci al di qua dell'oceano, insomma.

Mario Basrvati della 0one ha avuto due nomination per i sui accessori
da giochi di ruolo, a proposito.

La Fantasy Flight Games ha parecchie novita': ho provato un curioso
Senator, ambientato nell'antica Roma, per la serie dei giochini
piccoli, e ho visto un Doom dalle notevolissime miniaturone di
plastica. Grande successo per l'edizione americana del Signore degli
Anelli, finalmente in vendita, e acclamazioni per il trio Di
Meglo/Maggi/Nepitello. Io sarei qui per promuovere Wings of War e lo
faccio volentieri, anche con la mia copia gigante, ma il gioco in
fiera non c'e': la prima tiratura americana e' ormai esaurita, la
seconda e' in un bastimento che sta per sbarcare qui in USA ma e'
comunque esaurita anche lei in prenotazioni dei negozi, la terza
partira' tra qualche giorno.

La Avalanche mi ha intenerito. Fanno boardgame su mappa esagonata a
tema storico e supplementi di giochi di ruolo con pupe semisvestitre
in copertina. Un bel flash nostalgico da anni '70 - '80, ma con la
computergrafica!

Ora vi lascio. Passo il computer dell'albergo a un noto illustratore
italiano in tournee da queste parti...

Ciao a tutti!

Angiolillo