Quelli che... a Essen non si può! Asterion Game Show

Autore: 
Categoria Articolo: 
Argomento Articolo: 
Gioco: 
Casa editrice: 

Quelli che... a Essen non si può! Asterion Game Show

A Essen non ci puoi andare? O non riesci a trattenere la voglia?
Spero per te che tu non ti sia perso l'asterion Game Show a Verona!!
Se invece non sei venuto, o anche se ci sei stato, puoi (quasi) rimediare.
Ti racconto come l'ho vissuto io, e chissà che magari non riuscirai a viverlo anche tu un po' con me!
Sei pronto? Si parte!!!!!

Asterion Game Show a Verona, scorpacciata di titoloni, titoletti, belle ragazze e bei giochi!

Lo so che siete come me! Per quanto bello possa essere pensare ad una giornata di giochi, la sveglia alle ore 7 e mezza, di sabato mattina, è come una badilata di testa.
Poco male, una bella tazza di caffé, rigorosamente dalla moka (molti mi uccideranno, ma la mattina il caffé da macchinetta mi è indigesto), qualche appunto sugli ultimi titoli e pronti, si va!


Asterion&Coffee


Immancabile, prima di entrare in modalità Berserk, un ultimo caffettino una volta giunti a Verona dopo un'oretta scarsa di A4, gentilmente offerto dalla genio della lampada al bar "Aladino".
Finalmente  le fatiche degli eroi sono finite, e si giunge all'Asterion Game Show alle nove e mezza!
L'impatto con la sala è decisamente interessante (mi dispiace non avere una foto d'insieme). Numerosissimi titoli, molti dei quali presenti in duplice o più copia! Una vera mecca per noi appassionati. Non manca il bancone iper-fornito per gli acquisti e con qualche offerta veramente succulenta!!!!
Parliamo di Goa e Libertalia a 19 euri (sic!) e biblios - Innovation a 9!!! Grazie Asterion, Libertalia era nella mia wishlist da almeno un anno!!!!
Ma Asterion non è solo un'azienda che produce ottimi giochi, è anche formata da grandi personaggi!


Tdg Trento regna! Tika (Filippo) e Monica in versione "dimostratrice Asterion"


Bando alle ciancie, lo so che a voi tutto ciò interessa poco o niente!!! Parliamo di cosa c'era, di quello che abbiamo provato, dell'impressione che hanno fatto i diversi giochi.


Costruttori Medievali - visione d'insieme


Cominciamo, inevitabilmente, con la grande sorpresa di giornata! La disponibilità di Costruttori Medievali.
Ammetto che il titolo mi interessava molto, ma avevo letto veramente poco riguardo allo stesso... diciamo niente? Quindi discreta Hype... discreta delusione.

Avevo giocato per la prima (e ultima) volta a Splendor giusto una settimanella fa. Gioco molto leggero di collezione carte attraverso l'acquisizione di altre carte. Di fatto, stiamo parlando di una meccanica praticamente identica: collezione carte attraverso l'acquisizione di altre carte. Invece che pietre preziose questa volta i protagonisti del gioco sono dei simpatici operai che come potete notare dalle foto producono una certa dose di materiali (a sinistra nella carta) ma hanno anche un costo per essere mandati al lavoro (in alto a destra).



Operai pronti per il lavoro


Spiegazione in breve

Durante il nostro turno disponiamo di 3 azioni a scelta tra:
a - prendere gratuitamente un operaio tra 5 disponibili
b - selezionare un edificio tra 5 disponibili e gettarne le fondamenta
c - mettere un operaio al lavoro su un edificio pagandone il costo del lavoro in monete (attenzione, se si mette 2 operai al lavoro, questo costa 3 azioni e non 2 azioni).
d - mettere un edificio "macchinario" (cioè una tipologia di edifici che vale pochi o nessun punto vittoria ma a sua volta produce materia prima) sempre per costruire un edificio (anche in questo caso mettere 2 cose a costruire costa 3 azioni, sia che siano operai che macchinari).
e - rinunciare a x azioni per prendere soldi (1=1, 2=3, 3=6).


Ancora uno sguardo alla tavolata


Una volta completati gli edifici danno immediatamente soldi, forniscono punti vittoria a fine partita e alcuni di essi sono, come detto, macchinari.
Il gioco termina quando un giocatore raggiunge 17 punti, a quel punto gli altri giocatori hanno ancora un turno.

Commento

Posso dirlo che mi ha delusino?
Come intuibile quanto a meccanica non siamo lontani da splendor. Introduciamo un elemento di gestione risorse (monete) ma mancano gli obiettivi, che comunque possono stimolare un tentativo di sviluppo strategico nel primo dei due giochi.
Tra i due in quanto meccanica preferirei costruttori, il problema però è che secondo me è poco immediato.
In Splendor è molto facile capire cosa ha il mio avversario, cosa potrebbe fare etc. Qui è complicatissimo. I simboli sono molto piccoli e piuttosto nascosti, inoltre si hanno molte carte in mano che fanno più cose, quindi non posso tenere i miei materiali in ordine. Per carità, si può fare, ma è tutt'altro che immediato rispetto a Splendor. Io stesso facevo quasi fatica a capire cosa avessi e cosa no!
Forse sto solo rosikando perché ho perso di brutto!!!  :D -
Voto 6-

Salutiamo la gentilissima spiegatrice Asterion (e diciamolo, il marketing è fatto da tante cose!) e andiamo avanti!
Altro titolo.... altra collezione carte!!!!!


Una delle copertine di Abyss


In Abyss dovremo questa volta collezionare dei bei nobilotti - signori degli abissi - che oltre a darci punti vittoria saranno dotati di qualche abilità! Si tratta anche questa volta di un collezione carte però piuttosto più corposo e interessante (almeno per me) rispetto ai due sopra-citati. Vediamolo assieme.

Spiegazione in breve



Abyss - La plancia di gioco


Come potete osservare in questo caso abbiamo una vera e propria plancia di gioco.
In alto troviamo il "mercato", a metà plancia uno spazio per le pile degli scarti ed in basso una serie di nobili pescati a caso dal bel ricco mazzetto.
A fianco al mercato abbiamo il mazzetto di carte "alleati", che rappresentano carte appartenenti a 5 fazioni (colori) con valori che vanno da 1 a 5.
Inoltre sono presenti dei "soldi" sotto forma di perle, molto evocative come materiale, le quali vanno stipate all'interno di alcune conchiglie di plastica appositamente presenti per l'uso. (Notare il piacere nel far ruotare le perle all'interno di queste conchiglie dalla forma di mezzo uovo (aho!!! non so come descriverla!)

Durante il proprio turno un giocatore può:

  •  Andare al mercato per procurarsi un alleato. In pratica il giocatore pesca una carta dal mazzo alleati e la pone nel primo spazio del mercato. Poi il giocatore alla sua sinistra può comprarla al giocatore di turno per una perla. Se non lo fa lo può fare quello a sua volta alla sinistra del primo per due perle e così via. Se nessuno compra il giocatore che ha pescato la carta può decidere se prenderla gratis o pescarne un altra. Si va avanti così, finché il giocatore che è di turno non prende una carta.
    Notare che appena un giocatore non di turno compra una carta esce dall'asta, ed il gioco lo considera proprio come non esistente. Quindi se il primo giocatore esce, il secondo dovrà pagare solo 1 così via.
    Se si arriva a girare la sesta carta questa viene assegnata automaticamente al giocatore di turno che riceve dal gioco una perla.In ogni caso tutte le carte avanzate sul tabellone vengono divise per tipo e impilate sulle pile degli scarti.
     
  • Prendere una pila degli scarti.
     
  • Comprare un nobile. I nobili hanno un costo strutturato in questo modo. Il nobile appartiene ad una delle 5 fazioni o ad una neutrale. A seconda della fazione sarà obbligatorio usare almeno 1 carta alleato di quella fazione per acquistarlo. Su ogni carta nobile è inoltre indicato se sia possibile utilizzare altre fazioni di alleati per acquistarlo e se si quante. Infine è indicato un valore.
    Ipotizziamo quindi che un nobile rosso di valore 8 ha indicato che si può usare un altra fazione per comprarlo.Per acquisirlo il giocatore deve pagare almeno 8 punti con gli alleati, di cui almeno 1 rosso e nel totale non utilizzare carte che siano o rosse o di una singola altra fazione. Le carte alleato utilizzate sono poi scartate, tranne quella di valore più basso che va posta sotto al nobile e varrà a fine partita tanti punti quanto è il suo valore.
    Per esempio se il nobile di prima fosse stato acquistato con una carta rossa da 4 e una verde da 4, il giocatore avrebbe potuto sceglierne una e porla sotto al nobile. Invece se fossero state utilizzate una carta rossa da 4 e una da 1, e una verde da 2, il giocatore avrebbe dovuto porre sotto il nobile la carta rossa da 1. Va da sé che questa meccanica sia molto importante, oltre che molto interessante.
    Bisogna inoltre tenere conto che a fine partita conterà soltanto 1 alleato per colore tra quelli posti sotto i nobili, in questo caso il più alto. Cioè se a fine partita sotto i miei nobili ho un alleato rosso da 1 e uno da 4, solo quello da 4 mi assegnerà punti.
     
  • E' possibile pescare un nobile  dal mazzo e aggiungerlo alla fila. Non credo succederà spesso nelle partite. Tenete conto che quando un giocatore pescherà un nobile tale che ne rimangano soltanto 2 sul tabellone, questi riceverà due perle ma verranno aggiunti di nuovo i nobili fino a 6.
     
  • I nobili sono dotati di abilità varie, in generale in base anche al colore. I rossi per esempio sono "aggressivi" (tipo le carte per gli altri costano di più etc etc.), i gialli non hanno abilità ma valgono tanti punti e così via. Alcuni di essi hanno però anche delle chiavi. Una volta ottenute 3 chiavi durante il nostro turno possiamo sbloccare (comprare) un territorio. Questo verrà piazzato SOPRA ai nobili utilizzati per comprarlo, bloccandone le abilità.
    I territori forniscono punti vittoria in base a condizioni a fine partita (per esempio 3 punti ogni chiave sui nobili, 3 punti per ogni nobile di un certo tipo e così discorrendo).



Abyss - Il tavolo a fine partita


Il gioco finisce quando un giocatore ha raggiunto 7 nobili, dopodiché gli altri giocatori hanno ancora un turno. Tenete conto che il giocatore che ha chiuso la partita da noi è arrivato ultimo, pur avendo più nobili degli altri giocatori.

Commento
Abyss mi ha veramente convinto come meccanica di gioco. Interessante, rapido (penso si possa stare sui 45 minuti a partita con 3 giocatori sgamati), ma anche piuttosto profondo e longevo... che dire??
Che  l'ambientazione mi fa schifo  :malato:
E' assolutamente un gusto personale, la grafica è molto curata, la qualità è altissima, a tanti farà impazzire.... io non la sopporto proprio  <:-(.
Voto: 8-
E sono anche arrivato secondo!!!!


Foglio segnapunti per Abyss


Va bene va bene, ora vi lascio, così come noi abbiamo lasciato tristemente la seconda dimostratrice Asterion (ma non sarà l'ultima)!  :sava73:
Avete sopportato un profluvio di regole, bravi! Pensate aver finito? Manco per idea!!!

Ci ritroviamo per la seconda parte.

Grande Asterion!!!!!!