Report CiampinoGioca!

Autore: 
Argomento Articolo: 

Alla fine di CiampinoGioca! l'assessore alle Politiche Giovanili di Ciampino, Cristina Nuzzo, ci ha chiesto di scrivere un articolo da pubblicare sul sito del comune. Con nostra grande sorpresa, lunedì ci ha contattati per dirci che non sarebbe stato necessario perché, presa dall'entusiasmo della manifestazione, la sera non era riuscita a prendere sonno e aveva scritto lei di getto quell'articolo che voleva che noi scrivessimo con il cuore.

Naturalmente siamo ben felici di ciò e vogliamo condividere con voi le parole di una persona esterna al mondo dei giochi che però ha vissuto l'evento con noi. Noi ovviamente siamo estremamente soddisfatti dell'evento per più motivi. Il primo è quello che abbiamo enfatizzato anche nei post: il fatto che moltissimi goblin abbiano collaborato alla sua realizzazione.

A questo si aggiunga che sono venute, stando ai prestiti effettuati, oltre 500 persone e che moltissimi neofiti venuti il venerdì o il sabato sono poi tornati per godere di nuovo della manifestazione! Anche i prestiti sono stati moltissimi, quasi 450!

Un grazie di cuore per la compagnia va alle ragazze e ai ragazzi di Pescara che sono venuti appositamente per la manifestazione!Grande successo della megaludoteca patrocinata dall’Assessorato alle Politiche Giovanili ed organizzata da "La Tana dei Goblin" Roma in collaborazione con l’Associazione "Tra Parentesi" di Ciampino. I 40 tavoli allestiti presso la Sala Convegni, nei giorni 25, 26 e 27 settembre, sono stati letteralmente presi d'assalto dai giocatori per l'intera durata della manifestazione, segno che i giochi erano davvero validi ed interessanti. Parlare di “CIAMPINOGIOCA!” a qualcuno che non c’era non è facile. Intanto, si può riassumere il tutto con “davvero una bella manifestazione”.

Si pensi alla sala ricca di tavoli colorati, con una media di 5 o 6 giocatori per ogni tavolo, con una disposizione ben strutturata, e con un afflusso considerevole sia di appassionati che di giocatori neofiti! Bambini e adulti hanno potuto provare le tantissime varietà di innovativi giochi di società messi a disposizione gratuitamente dalle due Associazioni con l’unico scopo di promuovere ed incentivare il “gioco intelligente” che fa sviluppare capacità logiche e, nel contempo, stimola la socializzazione. I circa trenta ragazzi organizzatori, instancabili, hanno lavorato per tre giorni in modo davvero professionale perché tutto funzionasse a dovere: hanno spiegato ad ogni gruppo intervenuto le regole di giochi (maturi ed inconsueti) come Coloni di Catan, Carcassonne, Puerto Rico, Chicago Express, Valdora, Citadel, Dominion, Ursuppe e tantissimi altri. Quattro i tornei organizzati per gli appassionati venuti da tutta la provincia: Carcassonne, Puerto Rico, Agricola e Dominion, quest’ultimo valido anche per la finale nazionale.

Alla manifestazione è intervenuta anche la compagnia de “I bugiardini” con il loro spettacolo di improvvisazione teatrale e, nonostante il pubblico fosse comunque impegnato a giocare, i cinque attori sono riusciti a meritarsi un grande applauso e tantissime risate. Altra presenza importante è stata quella dei rappresentanti del gioco dello Yoyo che con grande stile hanno dimostrato altissime capacità nel costruire impressionanti acrobazie, i “trick”, come si chiamano in gergo, con i loro preziosi “giocattolini”. L’Assessore alle politiche giovanili Cristina Nuzzo, che oltre ad aver espresso il patrocinio si è anch’essa cimentata come "giocatrice" ha affermato: “Sono molto soddisfatta della riuscita di questo evento, il largo consenso conseguito ci dimostra che i nostri interventi nell’ambito delle politiche giovanili sono condivisi.

Con questa iniziativa in particolare abbiamo inteso offrire ai giovani una valida alternativa agli alienanti intrattenimenti automatizzati, dando invece la possibilità a tanti ragazzi appassionati e anche solo curiosi di sedersi attorno ad un tavolo e di fare amicizia con altri giovani, facendosi coinvolgere in un gioco diverte, che stimola la logica e la creatività. Ci auguriamo di poter ripetere anche l’anno prossimo questo evento prevedendo, se possibile spazi ancora più ampi.