[Report] L'Occhio della Redazione - LOdR: E venne il turno di Agricola

Autore: 
Categoria Articolo: 
Argomento Articolo: 
Gioco: 
Autore: 

Buona Giornata Goblin! Come ogni Domenica vi proponiamo uno dei report più interessanti apparsi nel forum "Ieri ho giocato a...". Il Singor_Darcy ci ammalia con il bellissimo report di una giocata di Agricola, non plus ultra del piazzamento lavoratori, inaugurato nella sua nuovissima edizione.

Buona lettura!


Agricola: materiali

Ci sediamo - il viola e il bianco - dopo cena, almeno noi due siamo a posto per qualche ora.

Mentre, conscio di non sapere, spiego il gioco al viola, sistemo tutti i componenti sul tavolo. Le plance giocatore di fronte, i mazzi giallo e arancione, la plancia centrale che va aperta, per quella dei grandi miglioramenti non c'è spazio - aspetta che devo traslare quella comune, faccio un po' di posto spostando il vaso con le ortensie.

Un cumulo di risorse (davvero ne servono così tante?), uno di animali con cui viola gioca - fino a ottenere una sorta di Agricola-tutte le creature di Brema -, uno di gettoni cibo. Il tavolo è finito, ma forse ci siamo.

Parte prima il viola, primi lavoratori un po' a tentoni per saggiare il terreno. Parte con un campo, io riempio la legnaia; tempo tre veloci round ed è già tempo di cibo. Il viola ha tanto grano, io devo continuamente rompere le scatole al bracciante e al pescatore.

Edifico una stalla nel mezzo del nulla, mentre gli allevatori viola aprono un recinto all'avanguardia nel quale, tempo qualche giornata, le pecore prospereranno felici.

Tempo di cibo.

Per ora ci sto dietro; certo sarebbe comodo poter fare anche qualcos'altro.

Agricola: plancia giocatore

Non ho nemmeno il tempo di pensare al primo giocatore, così il viola fa tutto quello che gli pare: ingrandisce casa, genera un ometto, costruisce recinti, coltiva zucche, trova pure il tempo di creare una foresta intorno alla sua casa con le sue immense scorte di legname. Io però ho un bilocale in argilla e un cinghiale che razzola per casa.

Costruisco un focolare, mi verrà buono per il pane.

Agricola: carte grande miglioramento

Assoldo un droghiere con la sua bella pila di risorse - non avrò nemmeno il tempo di anche solo pensare di usarle. Il viola si limita a giocare un tizio molto convincente che dal bracciante si farà sempre regalare un po' di granaglia.

Agricola: lavoratore stagionale

Tempo di cibo

I contadini entrano ed escono dalle loro stanze, ciuchi di fatica e sempre affamati. Il mio cinghiale in casa puzza, la pecorella del viola sforna latte, lana e accudisce il pargolo quando torna dai pascoli.

Tempo di cibo ancora.

Oh, ma quanto mangiate? Dai che poi non ho neppure i campi per usare tutto quel bel concime.

Mi serve un terzo omino. Nuova stanza. Nuovo contadino, possibilmente già mangiato.

Cibo.

Agricola: particolare tabellone nuova edizione

Non ho grano, toccherà procurarsi il cibo in altro mod... ehi, venite qui! SGRUNT! Ehi, che fate? SGRUNT! SGRUNT! AAAAAAAAAAH, FERMI!

CIBO? Ancora?

ARGH!

La mia magione bianca è di pietra, mentre quella viola è sempre di legno. Il problema è che la sua è circondata di campi, mentre la mia sembra uno chalet nelle brughiere della Cornovaglia.

C... c... cibo...

Stop.

Agricola: pascolo di cinghiali

Il conteggio dei punti sembra una scena di Fantozzi. Ho nove - nove - spazi fattoria vuoti, qualche cinghiale, qualche spiga coltivata su un campo arato per caso; recupero qualcosa con la mia fortezza di pietra, ma non c'è storia.

Il viola vola a quota diciannove, con ampi margini di miglioramento. Il bianco - io - si arena a tredici. Sono impantanato nel fango, i cinghiali che mi deridono.

Sgrunt.

La famiglia viola festeggia con dei tortelli di zucca fatti in casa.

Io metto via tutto mentre finisco di grufolare, il droghiere non dice nulla, ma di sfuggita scorgo benissimo il suo sorrisetto sarcastico.

Agricola: carta droghiere