[STRATEGIA] I Coloni di Catan: la fase di commercio

Autore: 
Categoria Articolo: 
Argomento Articolo: 

Una breve guida che propone alcuni modi per affrontare al meglio la fase di commercio ne I Coloni di Catan.

L'articolo qui tradotto è stato redatto da Adam Green e originariamente postato su BoardgameGeek.


Gruppo di gioco
Ogni giocatore è differente dagli altri: alcuni trovano divertente la fase commerciale, altri sono quieti e non danno il via agli scambi. Sappiate con chi state giocando ed adattatevi di conseguenza. 

Lo scambio “Dispetto Bancario”
Questo è riservato alla persona che vi sta rendendo difficile ottenere una carta di cui avete bisogno.  E’ successo a tutti, prima o poi: un giocatore ha l’egemonia sul mercato per 1 specifica risorsa e richiede uno scambio 3 a 1 o simile. Dopo aver fatto un po’ di tira e molla, commerciate con la banca 4 a 1. Seguiranno solitamente uno sguardo sbalordito e confuso e queste parole: "Ma perché l’hai fatto? Ti avrei dato quella carta in cambio di solo 3 pecore!”. La risposta, nel caso, decidetela voi. Comunque, al tavolo ci penseranno due volte prima di tirare con voi sul prezzo negli scambi futuri.

Lo scambio "Sorprendimi"
Esempio: Morpheus dice che ha bisogno di un grano. Il resto dei giocatori rimane in silenzio. Sapete che a volte proporre uno scambio 2 a 1 “spaventa” Morpheus, provate allora a rendere le cose più facili. "Morphy, certo che posso darti un granoo, dammi solamente ‘una carta utile' e un...beh, sorprendimi con qualunque cosa tu possa dare via”. Sì, la seconda carta sarà solitamente una pecora, ma quella carta supplementare male non fa.
E sì, a volte la seconda carta vi sorprenderà davvero. 

Lo scambio "Confondi e Conquista"
Non rivelate subito cosa vi serve realmente. Commerciate con il solo scopo di usare la banca o un porto, perché ciò fa sì che gli altri non capiscano che cosa state provando a costruire. Esempio: avete bisogno di minerale. Sulla base dei turni passati, sapete che la gente non lo sta commerciando, quindi chiedete piuttosto 2 legni con l'intenzione di scambiarli con la banca 4 a 1. Se avete un porto è più difficile nascondere questa strategia, tuttavia in parte funzionerà ancora.  

Lo scambio “Misericordioso"
Commerciate con la persona che ha il minor numero di punti quando nessun altro lo fa (ma soltanto se ciò non influisce sulle vostre probabilità di vittoria). Il giocatore che avete aiutato potrebbe ricordarsi di quello scambio in caso di futuro piazzamento di brigante/cavaliere. Inoltre, quando a fine partita sarete in corsa con un avversario per la vittoria, questo giocatore potrebbe venire in vostro aiuto.

Gestione delle carte
Consiglio la strategia di tentare di svuotare la mano quando è il proprio turno. Ciò ha tre scopi: in primo luogo vi rende meno vittime del "7"; in secondo luogo, se svuotate la vostra mano, nei turni successivi potreste non essere bersaglio di brigante/cavalieri, non avendo carte da farvi rubare; e terzo, non avere molte carte a disposizione vi dà il vantaggio d'una leva commerciale: potrete giustificare la richiesta di uno scambio 2 per 1 più spesso. Mi rendo conto che il numero di carte nella vostra mano cambierà costantemente (aumentando, si spera), ma in generale è meglio averne di meno che di più. Personalmente, utilizzo la fase commerciale per massimizzare la mia fase di costruzione. Parto sempre con un obiettivo, come "ho bisogno di un grano per costruire quell’insediamento", ma in base a quello che posso ottenere negli scambi potrei anche concluderla con l'acquisto di una Carta Sviluppo o con la costruzione di 3 strade.  

Il commercio all’inizio della partita
La maggior parte della gente chiederà legno e mattoni. Vi sconsiglio di commerciare con i "vicini" che provano a diramarsi nella vostra stessa direzione. Se avete legno o mattoni non datelo via finchè non avrete determinato chi ne ha il bisogno più grande: ciò può voler dire anche attendere che tutti abbiano fatto uno o due turni per scoprire chi “pagherà” di più…ricordate che gli scambi migliori hanno solitamente luogo quando non è il vostro turno.

Il commercio a metà partita
Ormai sarà già chiaro che cosa la gente stia facendo per vincere, ma se non è così dovreste essere comunque in grado di capirlo, dato che la maggior parte dei giocatori non nasconde ciò di cui ha bisogno durante la propria fase commerciale. Esempio: SimoneC ha 8 carte a disposizione e ha bisogno di minerale. Carta sviluppo? Forse. Ma sulla base dei tiri precedenti sapete che in mano ha già più di un minerale. Sta dunque puntando ad una città. Prima di commerciare con lui, calcolate attentamente come questa città impatterebbe sul punteggio di SimoneC e come lo scambio potrebbe influenzare voi. Questo scambio potrebbe valere un 3 a 1!

Il commercio nelle fasi finali della partita
Se siete in vantaggio gli altri non commerceranno con voi. Pertanto, una buona cosa da fare è provare a restare indietro finché potete e vincere conquistando La Strada Più Lunga/Il Cavaliere Più Potente, concludendo così la partita. L'unico momento in cui tengo in mano le carte è proprio verso la fine della partita (circa 8 punti), così posso provare a vincere nell’arco di un solo, frenetico turno di costruzione/acquisto Carte Sviluppo.

Spero che vi sia piaciuto l’articolo e ricordate: quando è il vostro turno, investite quel secondo in più nella fase di commercio. Guardate attentamente le vostre carte e chiedetevi: "come potrei ottenere il massimo da quello che ho in mano senza dover sperare in tiri fortunati ai dadi?".