Tolleranza zero contro l'informazione scorretta!

Autore: 
Argomento Articolo: 

Al fine di tutelare l’immagine e l’obiettività che da sempre caratterizzano La Tana dei Goblin, i suoi utenti ed i suoi collaboratori, ed in linea con quanto già avviene in altri casi, abbiamo deciso di adottare una politica di “tolleranza zero” per contrastare la mancanza di etica di alcuni soggetti che usano le risorse internet (come il nostro sito) in maniera illecita e tale da ostacolarne il principale obiettivo di una corretta ed obiettiva diffusione di informazioni. Tale politica, già applicata con successo ai Forum di discussione, verrà pertanto estesa anche alle Recensioni, ai Commenti ed ai Voti.

In particolare, con questa politica vogliamo contrastare quei fenomeni che, influenzando in modo errato e scorretto i giocatori, finiscono inevitabilmente per danneggiarci agli occhi della comunità nazionale ed internazionale. E così dicendo non ci riferiamo solo a La Tana dei Goblin o ai giocatori italiani, ma all’Italia come paese ed agli italiani come popolazione e cultura.

Nel nostro caso specifico, i fenomeni che intendiamo contrastare possono sostanzialmente riassumersi in di tre tipologie principali:

  1. le "auto-recensioni" scritte senza alcuna indicazione esplicita che permetta al lettore di rendersi conto che il gioco in questione è stato recensito dal suo stesso autore (o da uno degli autori), solitamente con un voto altissimo e spesso ingiustificato o non credibile;

  2. gli utenti falsi, duplicati o creati appositamente per dare qualche voto aggiuntivo al proprio gioco o a quello dell’amico che li ha “invitati” a comportarsi in tal modo, evidenti peraltro per via dei loro accessi “una tantum”, per la sistematica assenza di un qualsivoglia commento, e per l’estrema incoerenza del loro curriculum di votazioni;

  3. similmente al punto precedente, gli utenti falsi o appositamente creati al solo scopo di dare voti negativi e/o laconici quanto immotivati commenti spregiativi nei confronti di giochi della concorrenza o di altri autori/produttori/distributori.

Riguardo al punto 1, va precisato che non siamo contrari in linea di principio alla possibilità che un autore scriva la recensione di un suo stesso gioco, a patto che ciò avvenga con obiettività e specificando in modo esplicito che chi scrive è l’autore del gioco. In tal senso esistono e continueranno a esistere sul nostro sito delle recensioni che rispecchiano questa situazione. Ciò cui facciamo invece riferimento è il caso rappresentato in particolare da una "auto-recensione" presente su La Tana dei Goblin e precedentemente pubblicata anche su BoardGameGeek (BGG) a questo indirizzo: http://www.boardgamegeek.com/boardgame/36415.

Riguardo ai punti 2 e 3, sul nostro sito sono stati già rilevati voti di utenti palesemente falsi, la cui individuazione e rimozione sarà ora perseguita con maggiore sistematicità che in passato. Nel caso specifico del gioco sopra citato a proposito del punto 1, questo ha ricevuto su BGG dei voti altissimi, quasi tutti non commentati, da parte di utenti dal nome italiano, e spesso così simili fra loro da richiamare facili quanto immediate associazioni di idee. Gli utenti che hanno votato sono per lo più utenti falsi, iscritti solo per votare quel gioco e, quel che è peggio, tale malversazione è stata notata, segnalata e disapprovata da altri utenti, i quali si chiedono come sia possibile compiere tali azioni fraudolente. Non solo, ma questo "giochetto al rialzo" ha indotto altri utenti a dare voti bassissimi di "riparazione", azione altrettanto esecrabile: http://www.boardgamegeek.com/collection/items/boardgame/36415?comment=1.

Questi comportamenti hanno non solo l'evidente effetto di uccidere il concetto e l’utilità stessa del voto, ma fanno anche fare una pessima figura all'autore del gioco, al recensore ed ai votanti, tutti visti in un unico grande calderone indipendentemente da chi sia poi in realtà il vero responsabile. Inoltre, nel caso specifico, certi eventi non fanno che corroborare quanto di negativo si dice all’estero di noi italiani, consentendo facili quanto inopportune e sgradite generalizzazioni alle quali gli stranieri sono spesso fin troppo inclini nei nostri confronti, così come noi siamo evidentemente eccessivi nell’offrire il fianco creando gratuitamente situazioni del genere.

La Tana dei Goblin si dichiara indignata da questi atteggiamenti e si attiverà con tutti i mezzi possibili per individuarli ed eliminarli. In particolare, denunceremo pubblicamente fatti simili, che pensiamo debbano essere conosciuti dagli utenti in buona fede, a tutela e garanzia dell’informazione che intendiamo offrire ai nostri lettori. In quest'ottica invitiamo gli utenti a supportare anche questa iniziativa con la consueta collaborazione, segnalandoci ove necessario (purché in casi motivati ed evitando di dare luogo ad allarmismi ed inopportune “cacce alle streghe”) eventuali sviste o "cadute di stile" che richiedano il nostro intervento, inviando una e-mail a: recensioni@goblins.net.

Lo staff de La Tana dei Goblin