Grand Cru

Anno di pubblicazione: 
2010
Min giocatori: 
2
Famiglia: 
Game designers: 
Sottocategoria: 
Durata del gioco: 
90
Max giocatori: 
5
Meccanica: 

Commenti

cerberus Sab, 24 Ago 2013 - 12:53

[voto 7] - fatta solo una partita in 5. Mi è piaciuto e l'ho trovato molto interattivo, praticamente tutto quello che fai a ripercussioni sugli altri, vuoi per l'asta vuoi per i punti prestigio o il numero di vini venduti.
Gli dò 7 almeno fino alla prossima partita

mrsharky Sab, 02 Mar 2013 - 20:51

[voto 7] - Gioco di rilanci d'asta, non appassionante ma onesto. Provato in tre m'è sembrato poco interattivo, ma forse in quattro migliora. Meglio dell'intricato Vinhos, d'ambientazione simile.

DakotaBrooklyn Dom, 20 Gen 2013 - 00:44

[voto 8] - Per giocatori medi, rapido da apprendere, ambientazione buona, varie strategie per pianificare l'acquisto dei vigneti all'asta, la relativa vendemmia e la vendita dei vini quando maturi e i cui risultati iniziano a vedersi nel medio-lungo termine come nei vini a lunga maturazione.
A mio avviso un paio di tasselli miglioria sono un poco sbilanciati.

il voto 8 vale per chi come me cerca un gestionale semplice

Preacher Mer, 03 Ago 2011 - 10:43

[voto 7] - Al momento una partita fatta.
Bel sistema economico da gestire. Lascia qualche perplessità l'ordine di gioco, perchè sia per le azioni che per la fiera il regolamento stabilisce il primo giocatore e poi si procede in senso orario: un secondo post regalato o un quinto ricevuto per punizione possono influire non poco.

uscito nell' "anno dei vini" ha un'ambientazione un po' posticcia, almeno rispetto a Vinhos (che sarà mai il riassemblaggip dei vini?).

Now you all know, the bards and their songs...

ozma Mer, 09 Mag 2012 - 12:07

[voto 8] - Bel gioco con asta a tempo, determinata da quello che decidono di far gli altri giocatori. Molto divertente.

szurla Lun, 25 Lug 2011 - 20:31

[voto 8] - Gran gioco. Essenzialmente un gestionale ad aste molto tattico: fondamentale seguire il gioco degli avversari per anticiparli e avvantaggiarsi unico piccolo neo: ci sono alcune tessere che come valore sforano o raggiungono il massimo d'asta (7): probabilmente sono poco bilanciate rispetto al resto. Quello che voglio dire è che in un gioco d'asta con massima offerta raggiungerla dovrebbe essere un evento eccezionale...

8,5 approssimo a 8 per prudenza.

in edit aggiungo: gioco TOTALMENTE differente da Vinhos di cui è comunque nettamente superiore come eleganza

Sandro Zurla
CEO Placentia Games s.a.s.

Jos Sab, 05 Mar 2011 - 18:21

[voto 7] - Rispetto a Vinohs un capolavoro di ambientazione. E' un onesto gioco di aste e maggioranze. Resto perplesso per i criteri di priorità della spesa dei punti prestigio (dal primo in senso orario...). Tendente al discreto (6,5 arrotondato a 7 perché ho fresco Vinohs) ma non grido al miracolo.

Longevità: 1
Regolamento: 1
Divertimento: 2
Materiali: 2
Originalità: 1

yogamico Lun, 27 Dic 2010 - 08:56

[voto 9] - giocata ieri la prima partita, sono molto soddisfatto dalla meccanica delle aste e il senso che ogni partita esca diversa, ci sono moltissimi modi di vincere e di perdere :-)))

Gloin_87 Lun, 20 Dic 2010 - 13:13

[voto 8] - Ci ho giocato solo mezza partita ad Essen, ma mi è sembrato veramente profondo e stimolante. In particolare trovo geniale la meccanica dell'asta in cui oltre alla spesa da sostenere si deve tener conto del numero di azioni necessarie ad aggiudicarsi un prodotto.
Lo rigiocherò senz'altro!

"Why is it so easy for any lunatic to get his hands on a gun?? RIP, Dime, you will be missed. Marty Friedman (MEGADETH) Dimebag Darrell - 1966-2004

Starfighter Mar, 07 Dic 2010 - 19:43

[voto 8] - Gioco piacevolissimo che scorre via veloemente, senza intoppi. Bella la meccanica della prima fase di gioco, nonchè il finale dello stesso sempre imprevedibile che ne assicura quindi la longevità e la differenziazione strategica. Il gioco a mio parere si presenta allo stesso tempo profondo per la varietà di azioni disponibili e la programmazione, e leggero un po per il tema trattato (originale) e per il clima che immancabilmente si crea ad ogni partita (agevolato magari da un buon bicchiere di vino). A mio parere l'unica pecca è la potenza di alcune carte miglioramento e nello specifico "vendemmia ricca" che moltiplica turno dopo turno una risorsa limitante come i cubi uva sbilanciando un po troppo forse il gioco a favore del possessore di tale miglioria. Il meccanismo dei punti prestigio invece è originale perchè esula dalle meccaniche classiche, favorendo talvolta chi magari in quel turno ha raccolto poco. Circa due ore di tensione, e di risate divertimento assicurato!!!

azaroth Lun, 06 Dic 2010 - 14:51

[voto 6] - partite giocate 2
più che un gioco tedesco mi sembra un gioco sullo stile di quello che regna in tialia "un gioco che premia la passività e la mediocrità"non sarà che i tedeschi si stiano allineando alla mentalità italiana????.
Nelle due partite in cui mi sono dannato a mandare avanti la mia strategia ed in cui ho fatto di tutto per mettere il bastone fra le ruote agli altri giocatori mi sono ritrovato che i giocatori in cui facevano una partita volta a loro stessi fregandosene degli altri hanno raggiunto la vittoria finale in entrambe le partite mentre io per due volte, dannandomi il fegato ho ottenuto 2 secondi posto.............conclusione c'è qualcosa che non va nel gioco!!!!! ennesima regola che non mi piace è su come vengono gestiti i punti prestigio:

In questa fase i giocatori possono svolgere delle azioni speciali
pagando dei punti prestigio. Inizia il giocatore che ha più punti e si
prosegue in senso orario. """"In caso di partià, inizia il giocatore a
sinistra del primo giocatore, anche se non è uno dei giocatori con
più punti"""". Ogni giocatore a turno può scegliere un’azione speciale
non ancora svolta da nessuno oppure può passare. Chi passa, non
può più eseguire azioni speciali nell’anno in corso.

per molte volte ero in testa nei punti prestigio con un altro giocatore ma per colpa di questa regola mi sono trovato ultimo a scegliere le azioni speciali anche quando sono stato primo giocatore!!!!!
mi sembra una grande baggianata!!!!! chi vuole intendere...intenda

nel complesso un giudizio sufficiente per via dei materiali per il resto solo molta frustrazione ed emicrania!!!!!!!

Patrizia Lun, 22 Nov 2010 - 13:03

[voto 8] - Veramente bello, e col pregio di non sapere quanto potrà effettivamente durare un turno di azioni, il che mette addosso molta "adrenalina", essendoci il rischio che gli avversari lo facciano terminare anzitempo, quando si hanno ancora parecchie azioni interessanti da svolgere... Molto interessante anche la meccanica dei prestiti che regola fra l'altro la durata della partita.
Tutto sommato piuttosto originale. una bella sorpresa, insomma...

Patrizia
http://www.sleepingvampire.com
http://Cenarius99.deviantart.com

ZonaNera Lun, 08 Nov 2010 - 16:18

[voto 10] - Gioco le cui regole possono essere apprese facilmente e che può essere spiegato velocemente ai neofiti. E' divertente e dotato di meccaniche veramente originali e profonde, per le quali è possibile costruire possibili strategie solo dopo diverse partite. Forte è l'interazione tra i giocatori, che per certi versi ricorda Puerto Rico; bisogna continuamente osservare le mosse degli altri e cercare di fare previsioni. Un gioco consigliato!

[b][i]Cuore Nero, Sangue Blu[/i][/b]