Police Precinct

Anno di pubblicazione: 
2013
Min giocatori: 
1
Famiglia: 
Game designers: 

Commenti

-ea- Sab, 21 Set 2013 - 13:46

[voto 8] - Ho seguito questo gioco sin dalla sua apparizione su kickstarter, ma anche quando è apparso sul mercato italiano, ero frenato dal prezzo che mi sembrava esagerato. Fermo restando che certamente appartiene ad una fascia di prezzo medio alta (siamo sui 55 euro), devo dire che la scatola è bella pienotta, e che il gioco risulta molto versatile, potendo essere giocato in diverse modalità, con diversi personaggi e con un numero di giocatori variabile da 1 a 6. Tutto ciò lo rende sicuramente longevo, il che permette un buon ammortamento del costo.
I componenti sono funzionali e, anche se con una grafica non impeccabile, servono al loro scopo. Non ci sono meccaniche particolarmente originali, e il regolamento stesso non è certo un capolavoro di stesura. Peccato per la bussola al contrario (Est ed Ovest invertiti) e per qualche FAQ necessaria, ma al momento so che stanno rifacendo un regolamento rivisto e corretto scaricabile.
Detto questo, devo dire che Police Precinct fa dell'ambientazione il suo punto di forza. Vi sentirete davvero un protagonista dei famosi telefilm americani che ci presentavano il Distretto di Polizia del caso, con mille casi da risolvere, mille complicazioni e mille situazioni diverse. Il massimo dell'esperienza di gioco è se il gruppo si cala nella parte, magari "ruolando" anche il personaggio che stanno impersonando, esaltandone le caratteristiche ed evitando di parlare di carte, dadi e tasselli, quanto piuttosto di criminali sospettati, testimoni ed emergenze.
Le dinamiche di gioco sono scorrevoli e accessibili a tutti e i tempi di gioco sono piuttosto contenuti. Ma soprattutto risulta essere un gioco dannatamente divertente: 8 pieno!

Dove c'è gusto non c'è perdenza.
----------
Date un'occhiata alla mia mercatina: qui

http://www.delittoperdiletto.it

baffino Dom, 28 Lug 2013 - 14:06

[voto 8] - Police Precincit si è rivelato davvero una bella sorpresa sotto tutti i punti di vista. Il gioco, pur restando entro tempi abbastanza ridotti, offre un'esperienza profonda e catapulta i giocatori all'interno della vita media di un poliziotto americano. A partire dai materiali (molti e ben fatti) fino alle meccaniche, semplici ma perfettamente inerenti all'ambientazione, Police Precinct si distingue dagli altri cooperativi (o semi-cooperativi) e non fa rimpiangere i soldi spesi, tutt'altro. La pertinenza all'ambientazione così come i molteplici gradi di difficoltà disponibili garantiscono divertimento e partite mai del tutto uguali. Le cose da fare sono sempre molte e spesso manca il tempo e l'adrenalina aumenta. Tra emergenze di ogni tipo che spuntano come funghi e le prove dell'assassinio da recuperare in giro per la città ci si sente spesso sommersi e disorientati: ma, grazie anche a regole intuitive e turni di gioco lineari e veloci, non si generano mai tempi morti o troppo condizionati da pesanti riflessioni.
Nonostante il gioco sia pienamente godibile sia se giocato con o senza traditore (il poliziotto corrotto), in quest'ultimo caso l'azione si fa più incitata e le accuse di colpevolezza si sprecano così come i dubbi che crescono con il passare del tempo. Che dire di più, Police Precinct è davvero un ottimo titolo: un cooperativo mai banale e soprattutto ben strutturato e bilanciato. Provatelo e non ve ne pentirete. Piccoli difetti, a mio parere, possono essere la veste grafica (non brutta ma abbastanza scarna) e l'incidenza della fortuna che fa capolino ogni volta che si lanciano i dadi. Grazie all'utilizzo di carte ed all'aiuto dei nostri compagni si può ovviare almeno in parte alla dea bendata, ma essa è sempre presente anche se, per esperienza, non eccessivamente determinante. Ciò che conta è la strategia e, certo, anche un pò di fortuna, ma questo in un gioco del genere non è un difetto enorme.
Molto buono. VOTO: 8.