Rank
59

Axis & Allies Anniversary Edition

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 8,22 su 10 - Basato su 47 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2008 • Num. giocatori: 2-6 • Durata: 360 minuti
Categorie gioco:
WargameWorld War II
Sotto-categorie:
Wargames
Famiglie:
Axis & Allies

Recensioni su Axis & Allies Anniversary EditionIndice ↑

Articoli che parlano di Axis & Allies Anniversary EditionIndice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Axis & Allies Anniversary EditionIndice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Axis & Allies Anniversary EditionIndice ↑

Offerte di giochi (annunci di vendita / scambio)

Nel seguente elenco sono presenti tutti gli annunci che hanno il gioco da tavolo Axis & Allies Anniversary Edition in vendita singolarmente oppure all'interno di un lotto di giochi con eventualmente indicata la disponibilità ad effettuare scambi.

Annuncio Tipo Prezzo Scambi Consegna Spese sped. Utente Data
Vendo Axis & Allies Anniversary Offro gioco singolo €350.00 No Consegna a mano MPAC71 04/01/2017

Video riguardanti Axis & Allies Anniversary EditionIndice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotograficheIndice ↑

Axis & Allies Anniversary Edition: voti, classifiche e statisticheIndice ↑

Persone con il gioco su BGG:
1875
Voti su BGG:
1641
Posizione in classifica BGG:
661
Media voti su BGG:
7,37
Media bayesiana voti su BGG:
6,61

Voti e commenti per Axis & Allies Anniversary Edition

Voto gioco:
7

Di fronte a questa analisi esauriente posso aggiungere poco, se non la parziale delusione per quanto riguarda quel "deluxe", i materiali di contorno come le schede delle potenze sono graficamente scarni e poco ispirati, mancano sempre gettoni e all'Italia andava un colore diverso o vi crederete i sovietici. Evocativa e funzionale la mappa, finalmente corposa e completa. Venendo al sodo concordo come A&A50 sia il migliore grazie alle tante differenze che sono comodamente riassunte dallo stesso autore del gioco e reperibili qui in tana. Tra le tante vi è la cina (tarlo per il giapponese) e più regioni, finalmente c'è spazio fisico, maggiore mobilità aerea e nuove unità come sempre mosse da regole chiare e semplici. Ma alcune proprio non convincono. Sulle città vittoria non c'è molto scampo, l'asse subisce parecchio soprattutto nel setup del 1941, dove i tempi si allungano in maniera spropositata, a 18 in total war non ha senso a meno di una condotta sciagurata degli alleati. Interessanti gli avanzamenti ma non vi è alcun controllo (benchè simuli il concetto di scoperta, ovvero casuale) ma le poche risorse disponibili (almeno agli inizi) portano a lasciarli in secondo piano (come sempre tranne l'USA). Ininfluente l'italia, mancano del tutto risorse in grado di garantire un minimo di importanza nel gioco, questa edizione è per 5 persone e mezzo. A&A è sempre A&A, ovvero troppo lento e lungo per l'esperienza che offre, alcune nazioni più coinvolte e divertenti da gestire e segue a grandi linee il solito iter di mosse iniziali vantaggiose, poca improvvisazione insomma. A maggior ragione con gli obiettivi bonus che piloteranno ulteriormente le proprie mosse. Come sempre a meno di essere dei razzi nucleari, munitevi di fogli di salvataggio o lasciate apparecchiato.
Alto il prezzo, troppo nonostante le 600+ unità elegantemente confezionate in scatoline personalizzate e alcune sviste che verranno prontamente rimediate (al di là della valenza storica), come detto agli inizi vanificano un pò quel bel "deluxe".

Voto gioco:
9

A&A è sempre il migliore.il tabellone è fantastico,peccato solo per la sesta nazione l'italia. ha poco potere e l'unica ambizione che ha è difendere il proprio mare o azzardare una conquista dell'africa dove però non ci sono città da conquistare.la si può lasciare al giocatore alla prima partita o al giocatore super esperto per far vedere che noi italani potevamo fare di più.si può proprio parlare di un gioco a 5 giocatori e mezzo.molto bella l'idea degli obiettivi nazionali

Voto gioco:
7

Ho giocato finora 5 partite ad Anniversary, il mio voto di 7 nasce da una media:
- 10 per le meccaniche di gioco;
- 4 per la componentistica.

Le meccaniche di gioco di Anniversary meritano il massimo dei voti perchè Larry Harris è riuscito nel difficile compito di migliorare, in modo smeplice, quello che era già un gioco quasi perfetto come Revised. Finalmente i sommergibili servono per attaccare, finalmente i trasporti non sono carne da cannone per proteggere le navi più forti, finalmente i bombardieri costano quello che valgono. Il costo completamente rivisitato per la totalità delle unità nevali e le meccaniche modificate rendono il combattimento navale molto ma molto più gustoso e vario di quanto visto finora. Gli Obbiettivi Nazionali sono un autentico colpo di genio: compaiono qui per la prima volta, e mi stupisce che non siano stati inventati prima, sono come l'uovo di Colombo. Anche le regole per la ricerca danno molto più gusto al gioco, che prolunga ancora la sua longevità con i diversi set-up iniziali. NON sono d'accordo con chi dice che l'URSS sia eccessivamente forte, almeno non nel set-up 1941 (non ho ancora giocato il 1942). L'Italia ha sicuramente un ruolo di secondo piano, ma non deve essere sottovalutata: con una forte coordinazione con la Germania può anzi essere la chiave di volta della partita. Forse l'unico difetto del gioco è il fatto che una Città Vittoria sia Ottawa e non, ad esempio, Alessandria d'Egitto.

La componentistica invece ha delle punte di eccellenza che però confliggono irrimediabilmente con certe altre caratteristiche.

Il tabellone è esteticamente molto bello. Il confine tra i territori è poco visibile, ma è un problema relativo che può essere facilmente risolto prestando solo un po' più di attenzione. Le scatole dove riporre i pezzi sono utilissime, anzi di più, perchè consentono di mantenere ordinato il tavolo con semplicità. I cartoni sono di buona qualità e più spessi delle precedenti versioni. Le stampe sono "sobrie" e conferiscono una certa seriosità al gioco che personalmente apprezzo. Il simbolo nazionale italiano, quando piazzato sul tabellone a indicare una conquista, è esteticamente gradevole. Inoltre personalmente NON ho riscontrato una carenza di gettoni nè di soldi cartacei. Le gravi insufficienze invece, tanto gravi da compromettere il giudizio complessivo sulla componentistica e, di conseguenza, sul gioco intero, nascono dalla manifattura dei pezzi di plastica, le miniature delle armate.

Alcune miniature sono state ridisegnate, come i carrarmati inglesi (che adesso rappresentano i Matilda), quelli tedeschi (ripresi da Battle of the Bulge), i caccia tedeschi e americani e altro. Ma la qualità complessiva, a parte gli splendidi panzer tedeschi, è peggiorata. Alcune miniature sono deformate, altre sono stampate male: i bombardieri tedeschi hanno un'ala più lunga dell'altra, i carrarmati T-34 russi sono perfino più piccoli dei carrarmati italiani! Il colore delle unità italiane poi è molto discutibile (almeno!): non si capisce come si sia potuto scegliere un colore tanto simile a quello delle miniature russe. Ma la cosa che fa davvero arrabbiare è il fatto che per rappresentare le unità italiane si siano utilizzate le miniature "riciclate" delle altre nazioni: a parte le fanterie e i carrarmati (questi ultimi rappresentati dagli M13), i caccia sono gli stessi dei tedeschi, le artiglierie e i bombardieri sono gli stessi dei giapponesi (!) e le NAVI, proprio le navi che erano l'unica parte decente delle nostre forze armate, sono quelle tedesche! E sono pure poche di numero: l'Italia ha in dotazione 2 incrociatori, i russi 4... Altre amenità sono poi certi errori di stampa sul tabellone (lo "Yakut" che diventa "Yukut"), il fatto che l'Italia NON sia rappresentata sulla scatola nè che sia utilizzata negli esempi nel manuale, le numerose inesattezze del manuale base che hanno reso necessaria l'immediata pubblicazione delle FAQ.

Queste sono gravi pecche per quella che doveva essere nelle intenzioni una edizione "celebrativa" ma che invece ha tutta l'aria di un'edizione fatta "di corsa". Non siamo soltano noi italiani ad essere rimasti con l'amaro in bocca per questo trattamento, ma ci sono state lamentele un po' in tutta la comunità internazionale: lo stesso Larry si è scusato con i giocatori e ha poi addossato la colpa appunto al fabbricante del gioco (la Avalon Hill/Wizards of the Coast/Hasbro).

Resta il fatto che il gioco è molto bello e appassionante, ma certo giocare con le miniature navali italiane colorate diversamente sarebbe stato ancora più bello.

E' nato il primo e unico sito in italiano dedicato interamente ad Axis & Allies! Visita www.axisandallies.it

Ritratto di darthMax
Voto gioco:
9

Giocato molto.
Unico nel suo genere, sufficientemente bilanciato con qualche vantaggio per l'asse se giocato con i bonus.

A&A Anniversary è la simulazione più avvincente del secondo conflitto che si possa giocare in poche (almeno 6) ore.
I giocatori esperti tendono a seguire poche efficaci strategie per vincere; in questo il gioco paga lo scotto del setup prefissato con conseguente studio delle aperture che influenza molto il seguito della partita
Il miglior A&A di sempre, a mio avviso..

Voto gioco:
9

Nessun commento

Voto gioco:
9

Stupendo...

Voto gioco:
8

Concordo con le critiche lette sulla componentistica, potevano davvero sprecarsi di più. Per gli Italiani poi.... magari è previsto uno scenario 1945 dove i nostri soldati cambieranno la camicia nera con la camicia rossa (permettetemi la battuta!), così si spiegherebbe il colore simile ai Russi.
I gettoni sono sempre stati pochi, in tutte le edizioni del gioco, ma fortunatamente si riesce ad ovviare a questo problema.
Per il resto, sono entusiasta, ci sono molte aperture possibili e la forza di questa o di quella nazione dipende dalla combinazione delle scelte di ogni giocatore, ad esempio la Russia mi sembra sì forte, ma non devastante, si difende meglio perchè ci sono più territori ma in attacco è più lenta di quanto non poteva essere prima.
Il gioco nel Pacifico è enormemente migliorato con più scelte tra le quali decidere, rispetto alle precedenti edizioni.
La tecnologia è finalmente proposta in maniera adeguata, i vecchi sistemi erano troppo brutti e io non li usavo mai.
Per le condizioni di vittoria concordo con il cambio Ottawa - Suez, è da provare.
Non aggiungo altro in attesa di imparare meglio le novità di questa edizione.

sic transit gloria mundi

Voto gioco:
10

L'ultima versione di axis & allies: quasi perfetto e piu lungo e profondo che mai.

Voto gioco:
8

Nessun commento

Tutto cominciò per colpa di Lord Fiddelbottom... chi l'avrebbe mai detto!
Poi la seduzione di Madame Zsa Zsa ed il rapporto con Colonel Bubble...hanno fatto il resto!

Voto gioco:
10

Non posso aggiungere altro a quanto è stato già detto...ha ancora qualche difettuccio,ma il voto per me è il massimo...

N.ro Partite : Poche (meno di 5).

Non vergognarti di dimostrare la tua ignoranza,ma vergognati di insistere in una sciocca discussione che la rivela. Jocelyn Eliz

Voto gioco:
9

Rimango convinto che sia per eccellenza il Capolavoro della Avalon. Hanno curato molto bene i dettagli e la mappa si presenta in maniera strepitosa. Peccato solo il fatto che una partita può durare anche 5-6 ore se non di più, per cui diventa davvero dura giocarci in un fiato solo. Però, davvero, l'A&A più bello in assoluto.

"Quelli come te, quando ero alle superiori, mi andavano a prendere il panino giù alle macchinette, non scordarlo caro"...

Ritratto di Jappo
Voto gioco:
10

Corposo, bella componentistica e per veri duri!

Voto gioco:
8

Nessun commento

Voto gioco:
8

Molto bello, corposo ma scorrevole.
credo il miglior board game di guerra vera.

Voto gioco:
7

Nessun commento

Voto gioco:
9

Nessun commento

Nullius boni socio iucunda possessio est
Nessuna cosa è bella da possedere se non si hanno amici con cui condividerla

Voto gioco:
9

La migliore reincarnazione di un grande classico. Pare correggere tutti le incoerenze dei suoi predecessori (e ci mancherebbe, con tutto quel playtest). Difficilmente migliorabile senza snaturarlo.

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".

Voto gioco:
4

Meccanica vetusta per un gioco che, per quanto semplice, ha pretese da simulazione che non rispetta in quasi nessun aspetto. Troppo lungo e macchinoso per essere un titolo che si dimostra di livello appena superiore a Risiko. Per essere interessante dovrebbe durare quanto un German. Unico aspetto che si salva: una componentistica davvero spettacolare

Voto gioco:
8

Sicuramente il migliore A&A cui ho giocato, grazie a Linx.
Devo dire che la gestione della Cina, l'Italia, la mappa + grande, le pedine curate, soprattutto i nuovi sviluppi e relative regole, mi sono piaciute e parecchio. Ho ancora seri dubbi che il giocatore della Russia possa fare di più della solita carne da macello. Ma dopo 3 partite fatte, con n ore spese e bene, ho ancora voglia di rigiocarlo. Molto dipende dalla compagnia , il gioco è e rimane lungo, molto lungo. Questo è l'unico vero handicap del titolo, peraltro divertente se giocato "a memoria".

Plus ca change
Plus c'est la meme chose - Rush / Circumstances - 1978

Ritratto di pennuto77
Voto gioco:
7

Trovo questa edizione davvero molto poco migliore della precedente e del tutto ingiustificata nel folle prezzo.....

Voto gioco:
6

Nessun commento

Tolle

Voto gioco:
9

Nessun commento

Voto gioco:
8

Nessun commento

Mi prenoto per un qualsiasi tavolo!

Voto gioco:
8

Nessun commento

Voto gioco:
3

Divertentissimo fare l'Italia, assicuratevi che al tavolo dietro di voi vi facciano giocare anche ad altro durante la partita. altrimenti sarà davvero una serata sprecata. Non dovevate andare a trovare una vecchia zia? MEGLIO. SE parliamo solo di feticismo e collezionismo, ben fatto.

Dado al suolo, non si tiene.

Voto gioco:
8

L'edizione più bella degli Axis & Allies, considerando che devo ancora giocare al Global 1940 (2009).

Novità davvero sensibili: c'è uno stato in più (l'Italia) e quindi si può giocare in 6 (finalmente), ci sono gli obiettivi nazionali, che influiscono sulla strategia del gioco in modo anche considerevole e c'è la possibilità di iniziare a giocare nel 1941 o 1942, cosa che stimola strategie diverse.

In parte il voto è anche dovuto all'affetto per questo gioco, che mi fece dimenticare gli altri boardgames di guerra per un bel pò. Bellissimo.

Voto gioco:
7

Nessun commento

Almeno una volta nella vita, anche una scopa può sparare! Antico proverbio wargamistico.

Voto gioco:
8

Nessun commento

Il merlo dice al corvo."Quanto sei nero."

Voto gioco:
8

Nessun commento

Ritratto di MPAC71
Voto gioco:
10

Splendida edizione, piuttosto rara. Il gioco ha delle regole aggiuntive che lo rendono ancora più strategico rispetto all'edizione classica, la quale mi sembra essere ancora la più conosciuta dai più. Materiale molto bello, sebbene (per essere pignoli) ci sarebbe da ridire sul fatto che le unità italiane potevano essere più "caratterizzate"
inoltre, é pur sempre un gioco di guerra che potrebbe non piacere per la durata delle partite....... sempre meno lunghe, tuttavia, di quelle necessarie per giocare ad alcuni wargames propriamente detti (per intenderci, quelli con counters, tabelle e pedine....).
Perché il mio voto é un 10? Perché questa edizione é veramente un pezzo da collezione.

"England expects that every man will do his duty" (H.Nelson)

Voto gioco:
9

un giocone, completo in tutto. un 9 solo per le miniature poco solide.

Fortunato colui che ha potuto conoscere le cause delle cose. (Virgilio, Georgiche, lI, 489).

Voto gioco:
10

Tabello ri-disegnato; Italia staccata dalla germania; e 2 possibili inizi; con un maggior bilanciamento per evitare il doppio-turno (purtroppo la Trident Russa è rimasta).
Magnifico, maestoso, imperdibile. Se pensate ad A&A questo è quello che fa per voi.

Voto gioco:
5

Realizzato male come edizione anniversario, non vale il costo.

Voto gioco:
7

Nessun commento

Mi trovate anche su BGG. ^_^
Ho visto qualcuno impedire un Runaway Leader ed essere travolto da una Snowball

//encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQcbJHLVC6wNcuQXy5stVxG24LzqUgldtt96BXMMPA6-fcr_0PC)
http://www.noferplei.it

Voto gioco:
7

Nessun commento

Voto gioco:
8

Nessun commento

Voto gioco:
10

Nessun commento

Voto gioco:
7

Nessun commento

BELLAPèTE

Voto gioco:
9

bello bello, non c'è che dire .... solo però che non capisco perché poi si perdano in un bicchiere d'acqua usando praticamente lo stesso colore per due eserciti diversi ...

Anonimo
Voto gioco:
7

Nessun commento - [Autore del commento: giupmat]

Voto gioco:
10

voto 9
il migliore della serie AA , insieme , forse, al revised. Vi sono due scenari differenti, e questo, unitamente alle varie opzioni (con bonus o senza, con teconolgie o senza ) consentono di avere una certa variabilità di gioco.
Presenta i pregi (molti) e difetti (pochi) della serie AA, vale a dire:
1) Regolamento chiarissimo , come sempre
2) il gioco è molto lungo , e tra giocatori equlibrati le partite durano tranquillamente oltre le 10 ore (ma anche mooolto di piu.. ma questo non è un difetto :-)
3) non vi sono chance per i poco esperti se affrontano dei "veterani"
4) dopo molte partite inevitabilmente emergono strategie vincenti, e questo nel tempo ne diminuisce la giocabilità
5) il gioco è leggermente sbilanciato a favore dell'Asse -

per gli amanti della strategia pura è un must.

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare