Gli anni..

Discussioni su tutto ciò che circonda il mondo dei giochi e che non trova spazio nelle altre sezioni del forum, come classifiche e collezioni ma anche discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Cippacometa, Rage, pacobillo, Sephion

Messaggioda mork » 28 apr 2005, 9:58

Più in meno in accordo con quanto detto sopra, ma mi permetto di spendere ancora due parole.
Tutti i discrosi fatti sopra sono tutti giusti ed accettabili.
La differenza di età, se notevole (ed in questo concordo con il buon Xarxus che max 5/7 anni non sono tanti) può portare dei problemi, più per la "visione" del mondo che si ha nell'ambito della coppia che sull'amore quello con la A maiuscola.
Spiego: se per esempio può essere accettabile per un/una quarantenne trascorrere una calma serata in casa con gli amici o a guardare un buon film, per un ventenne una tale prospettiva può sembrare noiosa fino all'ennesima potenza.
Questo era un banale esempio ma da cui vorrei derivare la mia affermazione che la differenza più palpabile si sostanzia sulle differenti visioni che si hanno del mondo circostante.
In aggiunta occorre anche dire che banalizzare per banalizzare non ja molto senso, perchè tutti, chi più chi meno, hanno esperienze di coppie di coetanei di cui uno dei due viene bannato di "immaturità".
Quando immaturità può essere, come scritto sopra, un problema di visione e con-divisione.
In ultima analisi quindi se non è detto che coppie con differenze notevoli di età siano destinate al naufragio, ne tantomeno c'è la matematica certezza che tra coetanei funziona meglio.
MORK

A Roma, la serata ludica è:
THE GOLDEN RULE
Offline mork
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 4595
Iscritto il: 31 marzo 2004
Goblons: 470.00
Località: Roma - De Sanctis Villa

Precedente


  • Pubblicita`

Torna a Chiacchiere e questioni filosofiche inerenti il mondo dei giochi



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron