I giochi collezionabili rappresentano il male?

Discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Sephion, Galdor

I giochi collezionabili rappresentano il male?

Si, sono la concretizzazione di spietate tecniche di mercato utili solo a spennare i polli
13
43%
Si, ma sono un male necessario perchè finanziano e tengono vivo tutto il mercato dei giochi ciucciando soldi a persone che senò li butterebbero in attività peggiori
6
20%
No, ma non me ne interesso perchè richiedono un impegno non indifferente in termini di tempo
1
3%
No, ma sono in genere prodotti di bassa qualità
1
3%
No, ma non li compro perchè non hanno una scatola che riesce a contenere tutto ciò che esce e che posso facilmente archiviare
0
Nessun voto
No, fra di loro ci sono dei bei giochi con caratteristiche che non si possono trovare altrove
9
30%
 
Voti totali : 30

Messaggioda Solomon » 13 nov 2005, 3:06

Giocare i GCC competitivamente richiede non solo grande esperienza ma anche solitamente un discreto investimento economico. Ci sono eccezioni naturalmente. Conosco chi ha vinto migliaia di € di controvalore in premi spendendo somme iniziali inferiori ai 100 €. Ma sono appunto eccezioni.
Di norma chi vince i tornei di GCC ci ha investito molto. Giusto, ingiusto? I GCC non sono certo l'unico caso in tal senso - molti sport sono preclusi a chi non è in grado di sostenerli economicamente, per esempio.
Giocare i GCC tra amici, invece, è possibile anche con un investimento iniziale ridotto. Infatti nessuno vi costringe a giocare i formati da torneo, si possono usare booster draft, pool comuni, sealed deck, o tante altre forme di "accordi tra gentlemen".

Molti, ma non tutti i GCC sono "cloni" di Magic. Quelli di (relativo) successo tendono ad avere meccaniche interessanti ed originali. Oltre a quelli già citati, ricordo Jyhad/Vampire ed il secondo Signore deli Anelli.

La tendenza dei GCC a sparire dal mercato, di cui parla Magobaol77, è dovuta a tutt'altro.
Per prima cosa quando un nuovo GCC si affaccia sul mercato affronta una situazione di effettivo monopolio. C'è un commensale molto vorace alla tavola, si chiama Magic, ha già occupato il posto migliore e difenderlo gli costa molto meno di quanto ad altri costerebbe scalzarlo. Ergo, agli altri toccano le briciole.
In secondo luogo, siccome i GCC collezionabili tendono ad essere esperienze ludiche totalizzanti, quando manca il supporto la base dei giocatori si esaurisce rapidamente. Cosa che in giochi di altro tipo avviene in misura minore.
Offline Solomon
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Collezione: Solomon
Messaggi: 494
Iscritto il: 16 settembre 2005
Goblons: 0.00
Località: Modena

Messaggioda Necros » 13 nov 2005, 22:53

I giochi collezionabili, soprattutto di carte, sono il male incarnato:Prendiamo per esempio il praclarissimo Magic: i ragazzini con più soldi da investire in questa "droga" hanno i mazzi migliori e più forti.
"Ora, se la morte è il non aver più alcuna sensazione, ma è come un sonno che si ha quando nel dormire non si vede più nulla neppure in sogno, allora la morte sarebbe un guadagno meraviglioso."
Offline Necros
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
 
Collezione: Necros
Messaggi: 10000
Iscritto il: 28 novembre 2004
Goblons: 0.00

Messaggioda Starmaster » 14 nov 2005, 2:37

Necros ha scritto:I giochi collezionabili, soprattutto di carte, sono il male incarnato:Prendiamo per esempio il praclarissimo Magic: i ragazzini con più soldi da investire in questa "droga" hanno i mazzi migliori e più forti.


Questo è vero, però ho visto vincere gente ai tornei con carte poco potenti contro mazzi all'apparenza potenti e costosi ma gestiti da persone capaci solo di sborsare fior di quattrini e basta.

PS. parlo di Yu-Gi-Ho!.....penso che il discorso valga anche per Magic
Offline Starmaster
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Collezione: Starmaster
Messaggi: 4387
Iscritto il: 13 giugno 2005
Goblons: 180.00
Località: Canegrate (Milano)

Messaggioda Necros » 14 nov 2005, 22:21

è ovvio che esiste il giocatore bravo e anche il fattore fortuna.....ma solitamente sono sempre i mazzi più forti( e ciò significa anche i più costosi)a vincere...io lo so per esperienza personale.
"Ora, se la morte è il non aver più alcuna sensazione, ma è come un sonno che si ha quando nel dormire non si vede più nulla neppure in sogno, allora la morte sarebbe un guadagno meraviglioso."
Offline Necros
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
 
Collezione: Necros
Messaggi: 10000
Iscritto il: 28 novembre 2004
Goblons: 0.00

Messaggioda Raistlin » 15 nov 2005, 0:07

Necros ha scritto:è ovvio che esiste il giocatore bravo e anche il fattore fortuna.....ma solitamente sono sempre i mazzi più forti( e ciò significa anche i più costosi)a vincere...io lo so per esperienza personale.



Beh, sono d'accordo con te che per avere un mazzo forte sia necessario spendere, quindi alcuni potrebbero non poterselo permettere. Perfettamente d'accordo.

Ma quando si gioca a livello 'professionale' (esagerato come termine, ma passatemelo) tutti i mazzi sono forti e quello che resta sono il fattore fortuna e - soprattutto, secondo me - l'abilità del giocatore.
Non Cogito, Ergo Digito.
Offline Raistlin
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Collezione: Raistlin
Messaggi: 5974
Iscritto il: 04 dicembre 2003
Goblons: 40.00
Località: Torino, Città Magica...
Utente Bgg: RaistlinMajere

Messaggioda Necros » 15 nov 2005, 21:36

non penso che questi giochi possano essere posti sul livello professionale
"Ora, se la morte è il non aver più alcuna sensazione, ma è come un sonno che si ha quando nel dormire non si vede più nulla neppure in sogno, allora la morte sarebbe un guadagno meraviglioso."
Offline Necros
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
 
Collezione: Necros
Messaggi: 10000
Iscritto il: 28 novembre 2004
Goblons: 0.00

Messaggioda Solomon » 16 nov 2005, 4:06

Perchè no? Se c'è chi ne fa una professione, è un'attività professionale.
Offline Solomon
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Collezione: Solomon
Messaggi: 494
Iscritto il: 16 settembre 2005
Goblons: 0.00
Località: Modena

Messaggioda Starmaster » 16 nov 2005, 12:33

Solomon ha scritto:Perchè no? Se c'è chi ne fa una professione, è un'attività professionale.


Credo che Necros abbia voluto dire che non esistono giocatori che vivano con i soldi vinti ai tornei.
Offline Starmaster
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Collezione: Starmaster
Messaggi: 4387
Iscritto il: 13 giugno 2005
Goblons: 180.00
Località: Canegrate (Milano)

Messaggioda linx » 16 nov 2005, 19:12

Solo 19 risposte ad un sondaggio e commenti quasi solamente da parte della minoranza che non ignora i collezionabili.
Un triste risultato :cry:

Non si può neanche fare un pò di sano dibattito! :-x

Fatevi sentire, o voi che pensate che il male si insinui fra i giocatori, non temete a opporre il vostro petto alla lancia dell'infame... :painter:
Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".
Offline linx
Goblin
Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Author
 
Collezione: linx
Messaggi: 5701
Iscritto il: 03 dicembre 2003
Goblons: 920.00
Località: Busto Arsizio (VA)
Yucata: linx
Agricola fan Yucata Player Le Havre Fan Ilsa Magazine fan

Messaggioda Necros » 16 nov 2005, 21:46

Starmaster ha scritto:
Solomon ha scritto:Perchè no? Se c'è chi ne fa una professione, è un'attività professionale.


Credo che Necros abbia voluto dire che non esistono giocatori che vivano con i soldi vinti ai tornei.

esatto, professionale è quando ci si lavora, ma tutta la gente che conosco, da quando ha iniziato a lavorare per quella societò di giochi con cui luoro si dilettavano, ora non giocano più .
"Ora, se la morte è il non aver più alcuna sensazione, ma è come un sonno che si ha quando nel dormire non si vede più nulla neppure in sogno, allora la morte sarebbe un guadagno meraviglioso."
Offline Necros
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
 
Collezione: Necros
Messaggi: 10000
Iscritto il: 28 novembre 2004
Goblons: 0.00

Messaggioda Solomon » 17 nov 2005, 2:35

Necros ha scritto:esatto, professionale è quando ci si lavora, ma tutta la gente che conosco, da quando ha iniziato a lavorare per quella societò di giochi con cui luoro si dilettavano, ora non giocano più .


Ok, ora mi è chiaro. Comunque il fatto che tante persone abbiano trovato lavoro tramite il circuito dei tornei è di per sè insolito in campo ludico. Come pure fa riflettere l'esistenza di circuiti di tornei così grandi e relativamente ben finanziati in assenza di un pubblico diretto. I GCC non sono certo uno sport.
Offline Solomon
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Collezione: Solomon
Messaggi: 494
Iscritto il: 16 settembre 2005
Goblons: 0.00
Località: Modena

Messaggioda magobaol77 » 17 nov 2005, 4:02

E' ovvio che non fate tornei.
Parlate con di ragazzini con mazzi forti e di gente senza carte......
questo era l'inizio di Magic, 10 anni fa.
Sono stato ad un Pro Tour Qualifier.
C'erano circa 240 persone. Di gente che non aveva le carte e che doveva ripiegare su un mazzetto debole c'era solamente una bambina di 9 anni (che si è giocata tutti e 9 i turni, dalle 10 di mattina alle 10 di sera.... 8-O )
Al cittadino della mia città (torneo di basso livello) su 25 partecipanti di media ci saranno 1-2 bambini con il mazzetto, tutti gli altri hanno mazzi perttamente calibrati (spesso scopiazzati e senza una reale preparazione e per questo perdono) ma con tutte le carte del mondo.
Oggi non esiste ho le carte non ho le carte.
Se giochi o prestate o scambiate o comprate le carte per i mazzi che ti interessano le trovi.
Quello che fa la differenza è il culo (nel breve termine) e soprattutto la preparazione il test lo studio dei formati nonche la bravura la freddezza nel lungo termine.
"Ebbene, si gioca per vincere ma giocando per vincere si impara a perdere. E io credo che questa sia la cosa importante, perchè se si è imparato a perdere si è imparato a vivere. E' tutto quello che volevo dire."
Alex Randolph
Offline magobaol77
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Collezione: magobaol77
Messaggi: 709
Iscritto il: 19 febbraio 2005
Goblons: 490.00
Località: Fermo

Messaggioda Galdor » 17 nov 2005, 14:24

magobaol77 ha scritto:Oggi non esiste ho le carte non ho le carte.
Se giochi o prestate o scambiate o comprate le carte per i mazzi che ti interessano le trovi.

Una miriade di gente che compra = più mercato = operazione commerciale ben riuscita 8)
Non mi piace :-(
magobaol77 ha scritto:Quello che fa la differenza è il culo (nel breve termine) e soprattutto la preparazione il test lo studio dei formati nonche la bravura la freddezza nel lungo termine.

Messo così mi piace ancora meno.. ;)
Offline Galdor
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
TdG Moderator
TdG Editor
Top Reviewer
Top Uploader 2 Star
 
Collezione: Galdor
Messaggi: 4864
Iscritto il: 15 dicembre 2003
Goblons: 1,600.00
Località: Isengard (Pisa)

Messaggioda magobaol77 » 17 nov 2005, 15:10

Neanche a me piace l'aspetto commerciale.
E non mi piace neanche l'aspetto di monopolio del panorama ludico.
Chi gioca a Magic gioca a magic e basta (a parte eccezioni)
Non è un tramite per gli altri giochi, non crea relazioni se non chiuse (è un pò una setta. Con le dovute eccezioni.
Tuttavia il gioco è bello...!
"Ebbene, si gioca per vincere ma giocando per vincere si impara a perdere. E io credo che questa sia la cosa importante, perchè se si è imparato a perdere si è imparato a vivere. E' tutto quello che volevo dire."
Alex Randolph
Offline magobaol77
Veterano
Veterano

Avatar utente
 
Collezione: magobaol77
Messaggi: 709
Iscritto il: 19 febbraio 2005
Goblons: 490.00
Località: Fermo

Messaggioda Solomon » 17 nov 2005, 15:20

magobaol77 ha scritto:E' ovvio che non fate tornei.
Parlate con di ragazzini con mazzi forti e di gente senza carte......


Tornei ne faccio.

Giocare a Magic =/= Partecipare ad un torneo di Magic
GCC =/= Magic

La tua nota sui Pro Tour è valida, ma stai parlando di un sottinsieme di un sottinsieme di un sottinsieme del mondo dei GCC.
Offline Solomon
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Collezione: Solomon
Messaggi: 494
Iscritto il: 16 settembre 2005
Goblons: 0.00
Località: Modena

PrecedenteProssimo

Torna a Questioni filosofiche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti