Il premio che vorrei.

Discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Sephion, Galdor

Re: Il premio che vorrei.

Messaggioda Sportacus » 8 set 2016, 17:14

eleanti ha scritto:Non era mia intenzione giudicare i giurati e la fiducia non c'entra nulla.
Il tema del topic è discutere sull'utilizzo di un criterio oggettivo (nei limiti di quanto si possa essere oggettivi in un contesto in cui la soggettività influisce) nel valutare un gioco candidato per un determinato premio.

Ma per valutare oggettivamente un gioco, forse è necessario che anche l'insieme dei votanti sia ben bilanciato proprio per "garantire" (metto fra virgolette perché è usato in un senso molto più leggero di un procedural) la maggiore oggettività possibile.


Sisi, l'ho capita sta cosa.

Ma è uno sforzo, già tentato in altri campi, a cui difficilissimamente si potrà dare compimento. Perchè abbiamo già deragliato dall'obbiettivo principale: il premio "oggettivo" al gioco. Stiamo parlando ora dei criteri di scelta della giuria.

L'assegnazione dei premi a Cannes o a Venezia dipende dai gusti del presidente (anzi addirittura l'ammissione)
In fantascienza esistono i premi Hugo e Nebula, e non ti sto a contare i casino che ci stanno da due anni con le cordate che nel premio Hugo si sfidano nel portare avanti i propri candidati.....
Il premio bancarella una vota premiava i libri più venduti dalle bancarelle dei libri nelle località marine, ora è un'altra cosa invece con le lobby degli editori a spingere e comperare voti.

Guarda nel mio piccolo mi accontento dei premi sui giochi che si danno ora, so bene o male chi assegna il voto e cosa gli piace o meno, mi regolo di conseguenza.

Poi per carità, se riuscissimo davvero a trovare l'algoritmo perfetto per stabilire le candidature, i giurati ed a annullare la soggettività dei voti....
The basic tool for the manipulation of reality is the manipulation of words. If you can control the meaning of words, you can control the people who must use the words.
(How To Build A Universe That Doesn't Fall Apart Two Days Later, 1978)
Offline Sportacus
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Collezione: Sportacus
Messaggi: 2150
Iscritto il: 13 agosto 2011
Goblons: 10.00
Località: Portici (NA)
Ho partecipato ad una lettura condivisa dei Goblins

Il premio che vorrei.

Messaggioda Mik » 8 set 2016, 17:15

Non ho capito. Che c'entra la popolazione con dei giurati che sono un numero decisamente più ristretto e gestibile?

Se intendi che poi non rappresenta magari la maggioranza della popolazione perchè questa devia verso un estremo, non credo che sia importante fintanto che il titolo del premio è chiaro ed la distribuzione del curriculum dei giurati coerente con quanto ci si prefigge.
Offline Mik
Maestro Goblin
Maestro Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
 
Collezione: Mik
Messaggi: 15305
Iscritto il: 16 luglio 2011
Goblons: 110.00
Località: Venezia

Re: Il premio che vorrei.

Messaggioda nakedape » 8 set 2016, 17:31

eleanti ha scritto:Mi spiego meglio.
Riprendendo i fattori moltiplicativi che hai indicato per convenzione e mettendo a confronto due giochi con medesimo target (hard gamer) molto differenti fra loro quali Food Chain Magnate e Blood Rage, si possono verificare due scenari.
Giuria composta da 5 persone.
I Giurati 1, 5 sono amanti dei german nudi e crudi, non gli importa eccessivamente dei materiali e prediligono giochi originali senza porsi il problema della difficoltà di apprendimento.
I Giurati 2,3,4 prediligono i giochi dalla componentistica curata, veloci, ambientati per quanto possibile e semplici da spiegare e giocare.


Esempio perfetto.

eleanti ha scritto:Scenario 1: il premio Nakedape sarà vinto da Blood Rage perché più numerosi sono i giurati (2,3,4 vs 1,5) che daranno un peso maggiore alla caratteristiche rappresentate da questo titolo;
Scenario 2: inverti la descrizione dei giurati 1,5 con quella dei 2,3,4 e vedrai vincitore FCM.


Assolutamente NO. :grin:
Prendiamo una caratteristica come MATERIALI.
I giurati 1 e 5 voteranno MATERIALI di Blood Rage assegnando quanto?
Quanto sono BELLI i materiali di BR? Io, da germanista assegnerei un 9 pieno se non un 10. Lo stesso voto sarebbe assegnato più o meno anche dagli altri, con una forbice di 1-2 voti (ymmv).
GLi stessi giurati devono valutare FCM come MATERIALI.
Again, pur essendo un germanista devo riconoscere che i materiali di FCM non brillano come quelli di BR e assegnerei al titolo un 7/ 7,5.
Mi aspetto che gli altri facciano bene o male altrettanto.
Ora MATERIALI come caratteristica ha un PESO in questo premio. Il PESO (deciso a priori e non necessariamente noto ai giurati) è definito dal tipo di premio stesso.
E' un premio volto a premiare il miglior american in circolazione?
Ok, allora avrà un PESO molto alto (diciamo un 9) a rimarcare l'importanza di questa caratteristica nella valutazione finale.
Oppure è un premio per germanisti astrattofili? E allora la caratteristica MATERIALI ricoprirà un ruolo secondario e questo si rifletterà nel PESO scelto prima di cominciare le valutazioni. Magari, per un premio per decidere il miglior german, il PESO per la caratteristica MATERIALI sarà di 4.
Quindi il mio 7 dei MATERIALI di FCM diventa un 28 di punteggio se sto valutando FCM come gioco german, mentre diventa un 63 se sto valutando FCM come un American.
Parimenti il 9 di BR diventa un 36 di punteggio in un premio german mentre diventa un 81 in un premio american.
Riassumendo:

BR FCM

GERMAN 36 28
AMERICAN 81 63

Come puoi vedere BR risulta superiore (a livello di materiali) in entrambi i casi. Solo che in un ottica american la differenza è di quasi 20 punti, mentre in ottica german la differenza è di soli 8 punti.
Ora immagina questo genere di pesatura per ogni caratteristica coinvolta.
Spero di essere riuscito a spiegarmi in maniera più chiara. <:-(
Un mondo di cialtroni, opportunisti e a volte entrambe le cose.
Ogni tanto un fiore.
Online nakedape
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Collezione: nakedape
Messaggi: 12003
Iscritto il: 21 dicembre 2009
Goblons: 100.00
Località: Sant' Agata Bolognese
Sono stato alla Gobcon 2015 Sono stato alla Gobcon 2016 Podcast Maker

Re: Il premio che vorrei.

Messaggioda dimarco70 » 8 set 2016, 17:38

Ma questo è un sistema universale di misura!

Io pensavo che tu volessi parlare di un premio. Fatto di persone, sensibilità e, perché no, di una "direzione" artistica.

Se lo scopo è quello di emettere numeri, la giuria neanche serve più. Chiediamo a tutti gli iscritti di inserire tutti i parametri suddetti per ognuno dei giochi che ha provato, inseriamo i giusti fattori di correzione statistica per ovviare alla numerosità differente dei voti, ficchiamo tutto dentro l'algoritmo e abbiamo il vincitore, ovvero l'ennesimo dato numerico in più da affiancare alle mille statistiche.
ILSA-Informazione Ludica a Scatola Aperta
www.ilsa-magazine.it

Partite recenti:
Immagine
Offline dimarco70
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
 
Collezione: dimarco70
Messaggi: 1839
Iscritto il: 30 maggio 2005
Goblons: 338.00
Località: Firenze
Utente Bgg: dimarco70
10 anni con i Goblins Membro della giuria Goblin Magnifico Sono stato alla Gobcon 2016 Ilsa Magazine fan Podcast Maker

Re: Il premio che vorrei.

Messaggioda Sephion » 8 set 2016, 17:41

Credo che quello che Nakedape cercava di comunicare è una modalità di voto "multifunzione".
Ogni votante vota (categorie a caso per l'esempio):

Originalità
Materiali
Componente strategica
Complessità

Ad ogni categoria, voto da 1 a 10. Poi è qui che nake propone il twist: assegnare un moltiplicatore ad ogni categoria per determinare il peso di tale categoria.
Vogliamo dare il premio al gioco più originale? la componente originalità avrà un peso maggiore (peso leggasi moltiplicatore) rispetto alla componente strategica (esempio moltiplicatore originalità = x 9 moltiplicatore componente strategica = x 7)
Vogliamo capire qual'è il gioco migliore dal punto di vista strategico? aumentiamo il moltiplicatore della componente strategica rispetto al resto, e così via.

Così facendo i voti sono unici, ma è il criterio per l'assegnazione del premio che può essere facilmente cambiato. Si possono quindi mescolare svariati giochi e dare ad ogni gioco un'unica "pagella", e sfruttando questi voti applicandovi un modificatore ecco ottenuto il premio per la categoria desiderata. Questo in teoria, il difficile è applicarlo nella realtà, vanno considerate attentamente le categorie di cui tenere conto nella "pagella" (perché in un American i materiali avranno più peso che non in un german, credo) e soprattutto i moltiplicatori, la parte più delicata (la classifica non ufficiale su cui ho lavorato si basa più o meno su questo principio ma con una sola variabile, il numero dei voti).
I know I was born and I know that I'll die, but in between is mine.

Aiutaci a creare il gioco della Tana dei Goblin!
la-tana-dei-goblin-gdt-bozze-dei-disegni-t87061-90.html

Qual'è il tuo gioco preferito? Votalo nella classifica non-ufficiale!
la-classifica-gdt-non-ufficiale-dei-goblins-t87953.html

Immagine
Offline Sephion
Saggio
Saggio

Avatar utente
Tdg Supporter
TdG Moderator
TdG Organization
 
Collezione: Sephion
Messaggi: 2219
Iscritto il: 27 novembre 2011
Goblons: 20.00
Località: Fiumicello (UD)
Sei iscritto da 5 anni. Ho partecipato alla Play di Modena Berserk fan Birra fan Playstation fan Cloud Strife fan

Re: Il premio che vorrei.

Messaggioda Sephion » 8 set 2016, 17:44

dimarco70 ha scritto:Ma questo è un sistema universale di misura!

Io pensavo che tu volessi parlare di un premio. Fatto di persone, sensibilità e, perché no, di una "direzione" artistica.

Se lo scopo è quello di emettere numeri, la giuria neanche serve più. Chiediamo a tutti gli iscritti di inserire tutti i parametri suddetti per ognuno dei giochi che ha provato, inseriamo i giusti fattori di correzione statistica per ovviare alla numerosità differente dei voti, ficchiamo tutto dentro l'algoritmo e abbiamo il vincitore, ovvero l'ennesimo dato numerico in più da affiancare alle mille statistiche.


Hai usato comunque il termine corretto, statistica. Forse quello che intende nake è un premio basato su una classifica e non un premio di categoria
I know I was born and I know that I'll die, but in between is mine.

Aiutaci a creare il gioco della Tana dei Goblin!
la-tana-dei-goblin-gdt-bozze-dei-disegni-t87061-90.html

Qual'è il tuo gioco preferito? Votalo nella classifica non-ufficiale!
la-classifica-gdt-non-ufficiale-dei-goblins-t87953.html

Immagine
Offline Sephion
Saggio
Saggio

Avatar utente
Tdg Supporter
TdG Moderator
TdG Organization
 
Collezione: Sephion
Messaggi: 2219
Iscritto il: 27 novembre 2011
Goblons: 20.00
Località: Fiumicello (UD)
Sei iscritto da 5 anni. Ho partecipato alla Play di Modena Berserk fan Birra fan Playstation fan Cloud Strife fan

Re: Il premio che vorrei.

Messaggioda nakedape » 8 set 2016, 17:45

Sportacus ha scritto:Guarda nel mio piccolo mi accontento dei premi sui giochi che si danno ora, so bene o male chi assegna il voto e cosa gli piace o meno, mi regolo di conseguenza.
Poi per carità, se riuscissimo davvero a trovare l'algoritmo perfetto per stabilire le candidature, i giurati ed a annullare la soggettività dei voti....


Nessuna pretesa di assolutizzare il soggettivo.
Penso solo ad alcune caratteristiche che possono essere in qualche modo giudicate e come si usa fare in altri campi (ed esempio in alcuni settori enogastronomici). Si tratta in ogni caso di definire delle linee guida che possono aiutare/indirizzare in qualche modo una ipotetica giuria ad esprimere dei giudizi di valore che siano il più possibile omogenei e conformi.

Il problema della selezione dei giurati è tutto un altro tema, che però potrebbe essere gestito conferendo un peso specifico a ciascun voto. Ma a questo dedicherei un thread a parte.
Un mondo di cialtroni, opportunisti e a volte entrambe le cose.
Ogni tanto un fiore.
Online nakedape
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Collezione: nakedape
Messaggi: 12003
Iscritto il: 21 dicembre 2009
Goblons: 100.00
Località: Sant' Agata Bolognese
Sono stato alla Gobcon 2015 Sono stato alla Gobcon 2016 Podcast Maker

Re: Il premio che vorrei.

Messaggioda dimarco70 » 8 set 2016, 17:48

Sephion ha scritto:Hai usato comunque il termine corretto, statistica. Forse quello che intende nake è un premio basato su una classifica e non un premio di categoria


Perfetto. Non servono giurati per questo. Non ha senso averne. La statistica migliore si fa sui grandi numeri.
ILSA-Informazione Ludica a Scatola Aperta
www.ilsa-magazine.it

Partite recenti:
Immagine
Offline dimarco70
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
 
Collezione: dimarco70
Messaggi: 1839
Iscritto il: 30 maggio 2005
Goblons: 338.00
Località: Firenze
Utente Bgg: dimarco70
10 anni con i Goblins Membro della giuria Goblin Magnifico Sono stato alla Gobcon 2016 Ilsa Magazine fan Podcast Maker

Re: Il premio che vorrei.

Messaggioda nakedape » 8 set 2016, 17:52

dimarco70 ha scritto:Ma questo è un sistema universale di misura!
Io pensavo che tu volessi parlare di un premio. Fatto di persone, sensibilità e, perché no, di una "direzione" artistica.
Se lo scopo è quello di emettere numeri, la giuria neanche serve più. Chiediamo a tutti gli iscritti di inserire tutti i parametri suddetti per ognuno dei giochi che ha provato, inseriamo i giusti fattori di correzione statistica per ovviare alla numerosità differente dei voti, ficchiamo tutto dentro l'algoritmo e abbiamo il vincitore, ovvero l'ennesimo dato numerico in più da affiancare alle mille statistiche.


Non vedo un necessario antagonismo tra le due.
Peraltro non mi pare che un premio di quelli istituzionali offra delle informazioni aggiuntive rispetto ai biechi numeri. Anzi. Spesso i premi (ennesimi pure loro come i numeri o le statistiche) si basano su criteri fumosi, spesso privi di una qualche continuità o coerenza interna, e quasi mai offrono qualcosa che vada oltre a due valori banalissimi quali "nominato" e "vincitore".
Trovo ironico poi, proprio nel nostro ambiente, che non si percepisca la natura "american" di un sistema che privilegia chi presenta meglio i propri giochi preferiti in un discorso ad un sistema "german" che tenderebbe a premiare il gioco più meritevole. ;-)
Un mondo di cialtroni, opportunisti e a volte entrambe le cose.
Ogni tanto un fiore.
Online nakedape
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Collezione: nakedape
Messaggi: 12003
Iscritto il: 21 dicembre 2009
Goblons: 100.00
Località: Sant' Agata Bolognese
Sono stato alla Gobcon 2015 Sono stato alla Gobcon 2016 Podcast Maker

Re: Il premio che vorrei.

Messaggioda nakedape » 8 set 2016, 17:55

Sephion ha scritto:Questo in teoria, il difficile è applicarlo nella realtà, vanno considerate attentamente le categorie di cui tenere conto nella "pagella" (perché in un American i materiali avranno più peso che non in un german, credo)


Ho fatto proprio l'esempio un paio di post fa, appunto.
Un mondo di cialtroni, opportunisti e a volte entrambe le cose.
Ogni tanto un fiore.
Online nakedape
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Collezione: nakedape
Messaggi: 12003
Iscritto il: 21 dicembre 2009
Goblons: 100.00
Località: Sant' Agata Bolognese
Sono stato alla Gobcon 2015 Sono stato alla Gobcon 2016 Podcast Maker

Il premio che vorrei.

Messaggioda Mik » 8 set 2016, 17:55

@dimarco70: Ma un giurato, come lavora? E la direzione che guida i giurati?

Qual'è la prassi solita che poi porta ad una lista ed al suo vincitore?

Perchè quelle che tu chiami direzioni artistiche, sensibilità, etc, sono cose che non sono chiare al fruitore normale.
Ossia il fruitore legge: premio migliori gioco.

Al massimo il target: per hard gamer, per occasionali, per famiglie.

Ma queste cose, buttate così, si determinano anche con il sistema nake.

Ci sto a quello che dici tu, ma secondo me dovrebbe essere allora portato in maggior evidenza, magari anche con delle piccole considerazioni di ogni giurato sui premi portate in auge e scartati.

Infatti, personalmente, per questi motivi do quasi nessun peso a premi di giurie e preferisco le statistiche o i gusti delle persone che conosco che so simili ai miei.

Se invece ci fosse più fase descrittiva e venisse portato maggiormente alla luce io perché di scelte e altro, allora troverei anche più interessanti i premi come li hai descritti tu.

Ovviamente la mia è una visione personale della cosa
Offline Mik
Maestro Goblin
Maestro Goblin

Avatar utente
TdG Moderator
 
Collezione: Mik
Messaggi: 15305
Iscritto il: 16 luglio 2011
Goblons: 110.00
Località: Venezia

Re: Il premio che vorrei.

Messaggioda dimarco70 » 8 set 2016, 18:09

Mik ha scritto:Ossia il fruitore legge: premio migliori gioco.
Al massimo il target: per hard gamer, per occasionali, per famiglie.


Il fruitore non legge: nessuna giuria è così pazza da mettere "il migliore" nel nome (anche qualcuno ha osato usare Magnifico).

Quando vai a vedere chi ha vinto il Bagutta, il Campiello, lo Strega, il Bancarella o il Mondello vai a vedere quale è l'opinione dei selezionatori, mica cerchi "il miglior libro"!

Dovrebbe essere interessante vedere quale è l'opinione del gruppo di persone che sta alla base del premio (e per questo è bene che le giurie lavorino in continuità), non vedere dove il tuo gioco preferito si piazza in classifica. Per quello, appunto, ci sono le statistiche.

Che poi molti siamo a caccia della conferma che il loro gioco preferito sia anche il migliore è chiaramente un altro discorso.

Con questo non voglio dire che avere un sistema di misura universale e riconfigurabile non sia cosa buona e giusta. Solo a mio avviso non servono "giurati" o giurie.
ILSA-Informazione Ludica a Scatola Aperta
www.ilsa-magazine.it

Partite recenti:
Immagine
Offline dimarco70
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
 
Collezione: dimarco70
Messaggi: 1839
Iscritto il: 30 maggio 2005
Goblons: 338.00
Località: Firenze
Utente Bgg: dimarco70
10 anni con i Goblins Membro della giuria Goblin Magnifico Sono stato alla Gobcon 2016 Ilsa Magazine fan Podcast Maker

Re: Il premio che vorrei.

Messaggioda AleK » 8 set 2016, 18:21

Non so se sia tecnicamente possibile con l'arrivo del nuovo sito (evoco @FINeX e @Triade ) ma questi parametri li si potrebbero usare per il futuro Goblin score... :pippotto:

Dunque il Goblin score non sarebbe più un voto decimale, ma un valore definito da certi paramentri. Sarebbe quantomeno originale. :snob:
Link utili relativi ai GdR? Cliccate QUA

A Noi Vivi
Offline AleK
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
Tdg Super Moderator
 
Collezione: AleK
Messaggi: 3636
Iscritto il: 01 dicembre 2003
Goblons: 40.00
Località: Un po' qua un po' là...
Utente Bgg: scagliacatena
Facebook: torri.ale
10 anni con i Goblins

Re: Il premio che vorrei.

Messaggioda nakedape » 8 set 2016, 18:22

dimarco70 ha scritto:
Mik ha scritto:Ossia il fruitore legge: premio migliori gioco.
Al massimo il target: per hard gamer, per occasionali, per famiglie.

Il fruitore non legge: nessuna giuria è così pazza da mettere "il migliore" nel nome (anche qualcuno ha osato usare Magnifico).
Dovrebbe essere interessante vedere quale è l'opinione del gruppo di persone che sta alla base del premio (e per questo è bene che le giurie lavorino in continuità), non vedere dove il tuo gioco preferito si piazza in classifica. Per quello, appunto, ci sono le statistiche.
Che poi molti siamo a caccia della conferma che il loro gioco preferito sia anche il migliore è chiaramente un altro discorso.
Con questo non voglio dire che avere un sistema di misura universale e riconfigurabile non sia cosa buona e giusta. Solo a mio avviso non servono "giurati" o giurie.


Non credo di avere compreso il tuo punto.
Prendo spunto da questo premio:
http://www.internationalgamersawards.ne ... procedures

Che intanto usa ovviamente un sistema di punteggi, ma banalmente, solo più grezzo ed eterogeneo. Senza peraltro dare alcuna indicazione su quali debbano essere le caratteristiche prese in esame. Inoltre l'output che genera non è un opinione, un voto o una qualche traccia descrittiva. E parliamo di un premio che genera un premio outstanding (che non è il migliore eh?).

Questo è ciò che si vede da questa parte del teatro. Se poi dietro alle quinte succeda altro non lo so, ma non saprei nemmeno come valutare il tutto.
Un mondo di cialtroni, opportunisti e a volte entrambe le cose.
Ogni tanto un fiore.
Online nakedape
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
TdG Auctioneer Level 1
 
Collezione: nakedape
Messaggi: 12003
Iscritto il: 21 dicembre 2009
Goblons: 100.00
Località: Sant' Agata Bolognese
Sono stato alla Gobcon 2015 Sono stato alla Gobcon 2016 Podcast Maker

Re: Il premio che vorrei.

Messaggioda FiNeX » 8 set 2016, 18:24

Urca... Al momento il voto che gli utenti possono dare al gioco è unico. In futuro si potrebbe valutare anche un sistema più elaborato... Bisogna ragionarci ;-)
Offline FiNeX
Iniziato
Iniziato

Avatar utente
TdG Programmer
TdG Administrator
 
Collezione: FiNeX
Messaggi: 297
Iscritto il: 15 dicembre 2014
Goblons: 0.00
Località: www
Utente Bgg: finex
Facebook: FiNeX.org
Twitter: finex
Sono stato alla Gobcon 2016

PrecedenteProssimo

Torna a Questioni filosofiche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti