La grande bellezza: opinioni sparse

Discussioni, commenti, considerazioni e suggerimenti su film, serie TV, libri, fumetti, musica e sport. Indicate sempre l'argomento di cui parlate nel titolo dei vostri post usando un TAG e leggete gli annunci e gli adesivi dei moderatori per conoscere le altre norme che regolano il forum.
TAG: [Film]; [Serie TV]; [Fumetti]; [Musica]; [Sport]

Moderatori: pacobillo, Dera

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda dmc977 » 7 mar 2014, 11:56

E' un film che dice molto, e lo dice bene. Nel panorama italiano, men che mediocre, è una fortunata eccezione. Non un capolavoro assoluto, ma un film che merita molto. Ovviamente capisco che non possa piacere a tutti. Molti lo hanno accostato alla Dolce Vita di Fellini, ma per fortuna sono due mondi distanti, Fellini per me è uno dei registi più sopravvalutati della storia.
Vienici a trovare sul nostro gruppo Facebook "Boardgames della Terra di Mezzo" https://www.facebook.com/groups/bgterradimezzo/
e sulla pagina della nostra associazione ludica "Il Dado in Bilico"
https://www.facebook.com/ildadoinbilico/
Offline dmc977
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
Top Uploader 2 Star
 
Messaggi: 4053
Iscritto il: 11 febbraio 2009
Goblons: 780.00
Località: Capua (CE)
Utente Bgg: dmc977
Facebook: Claudio Des

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda Mod_XXII » 7 mar 2014, 13:18

Io lo vidi mesi fa e mi colpì tantissimo. La vincita ha solamente dato una visibilità mostruosa al film ma era già un film importante. Poi non capisco questa corsa al capire. Il film racconta cose e persone. Mostra. Sarà che a me piace anche Lynch... ma la corsa al dover capire e alla trama (che la gente confonde con azione) non è nelle mie corde.
Vendo Star Wars Destiny
Originality is highly overrated.
"Two players. Two sides. One is light one is dark"
Offline Mod_XXII
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 7347
Iscritto il: 03 febbraio 2007
Goblons: 380.00
Località: "Polo Nerd" (Pg)
Utente Bgg: Mod_XXII
Board Game Arena: Mod_XXII
Sei iscritto da 5 anni. Sei nella chat dei Goblins Ho partecipato alla Play di Modena Seasons Fan Le Havre Fan Backgammon Fan Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col giallo I viaggi di Marco Polo fan Epic Card Game fan Ho sostenuto la tana alla Play 2016 Innovation fan Pandemic Legacy Fan Podcast Maker

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda yon » 7 mar 2014, 15:57

Mio personale giudizio.
Quando parlo di cinema tendo ad essere... molto schietto, quindi chiedo scusa in anticipo se potrò sembrare un po' diretto.

E' un film paraculo.
E' stato costruito con il solo scopo di andare a Hollywood e vincere qualcosa. Infatti gli unici che si sono fatti infinocchiare all'unanimità sono gli americani, che sono rimasti sempre quelli ai quali Totò vende il Colosseo.

E infatti Sorrentino fa questo, vende il Colosseo agli americani, che glielo pagano con un Oscar sonante.
Paragonarlo alla Dolce Vita di Fellini è, secondo me, scorretto. Per tanti motivi, il primo dei quali è che sono due film che parlano di cose diverse. Non basta girare un film nell'alta società per dire che hai rifatto la Dolce Vita. E infatti Fellini con"La Dolce Vita" dice: adesso vi faccio vedere come sono fatti questi ricchi.
Sorrentino invece mostra un giovane di belle speranze che viene inghiottito (con lui consenziente) dal fango dell'alta società e che ha un'occasione di redenzione alla fine. Siamo su due piani molto diversi.

Sulla Roma mostrata da Sorrentino sono già stati spesi un fiume di commenti, inutile attardarsi ancora. Per me può anche essersi girato il film in una città idealizzata e perduta, non è quello il problema. Il problema è l'uso che viene fatto di questa città idealizzata (cioè la vendita del Colosseo agli yankees).

Tecnicamente parlando, manca un conflitto ed un climax. Ok, si può anche fare a meno del climax e del conflitto se ti chiami Bergman, ma Sorrentino, con tutto che mi piace, non è Bergman. Ma ancora peggio mi risulta il fatto che gli unici personaggi che abbiano uno spessore sono Gambardella e, un po', la Ferilli. Gli altri sono stereotipi, marionette che si agitano sullo sfondo per condire la recitazione dei due personaggi veri.
Secondo me la Ferilli non ha sfigurato eccessivamente.

La visione salvifica, la "Grande Bellezza" viene completamente vanificata dalla scena finale in cui si vede il seno della ragazza. Se accostiamo questa inquadratura finale con la frase introduttiva del film otteniamo un messaggio (poco recondito) inquietante. Secondo me l'idea era bella, avesse lasciato l'immagine della "ragazza angelicata" sarebbe stato perfetto. Così, invece, ha rovinato tutto.

Purtroppo nel commento al film va citato anche il suo contorno. Cosa che di solito non andrebbe fatta ma che, in questo caso, è secondo me obbligatorio ricordare. Il motivo è semplice e cioè perchè sono il protagonista ed il regista stessi ad averli tirati in mezzo.
Quando il film è stato criticato la reazione di Servillo e di Sorrentino è stata molto piccata. Un regista dovrebbe accettare le critiche al suo film, ci sono sempre state e sempre ci saranno, più o meno giustificate. Mettersi lì a replicare punto per punto è come fare la figura del politico che cita per diffamazione il vignettista.
Secondo me questo è accaduto perchè loro hanno pensato che se Ba'aria (che secondo me è un film squallido) ha ricevuto i commenti entusiasti della critica nostrana, il loro film doveva essere portato in trionfo; constatare una reazione se non opposta quantomeno disomogenea può averli fatti uscire dai gangheri, e lo trovo pure molto giustificato. Però resta valido quanto detto prima sul politico ed il vignettista. Nella pratica, se ascoltate le loro interviste in merito (spettacolare una proprio di Servillo) loro si sono comportati come l'attrice nuda quando arriva Gambardella e gli chiede delle "vibrazioni". Hanno tenuto lo stesso comportamento che loro stessi avevano stigmatizzato nel film, per mettere in mostra come procede oggi una certa cultura.
Insomma, un po' scadente e rivelatore di certe mire.

Purtroppo gli altri due film che meritavano erano presentati da un Palestinese e da un regista che ha girato un documentario sugli Khmer Rossi, che è come andare al festival del cinema Iraniano e fargli vedere 120 giornate di Sodoma di Pasolini, ergo Sorrentino ha avuto la strada spianata.
L'irriverenza conduce alla sconsideratezza V. von Croy
Immagine
Offline yon
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2675
Iscritto il: 10 aprile 2013
Goblons: 20.00
Località: Reggio Emilia
Utente Bgg: YonHQ
HeroQuest Fan Sono un cattivo

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda Kraken » 7 mar 2014, 16:09

yon ha scritto:Mio personale giudizio.
Quando parlo di cinema tendo ad essere... molto schietto, quindi chiedo scusa in anticipo se potrò sembrare un po' diretto.

E' un film paraculo.
E' stato costruito con il solo scopo di andare a Hollywood e vincere qualcosa. Infatti gli unici che si sono fatti infinocchiare all'unanimità sono gli americani, che sono rimasti sempre quelli ai quali Totò vende il Colosseo.

E infatti Sorrentino fa questo, vende il Colosseo agli americani, che glielo pagano con un Oscar sonante.
Paragonarlo alla Dolce Vita di Fellini è, secondo me, scorretto. Per tanti motivi, il primo dei quali è che sono due film che parlano di cose diverse. Non basta girare un film nell'alta società per dire che hai rifatto la Dolce Vita. E infatti Fellini con"La Dolce Vita" dice: adesso vi faccio vedere come sono fatti questi ricchi.
Sorrentino invece mostra un giovane di belle speranze che viene inghiottito (con lui consenziente) dal fango dell'alta società e che ha un'occasione di redenzione alla fine. Siamo su due piani molto diversi.

Sulla Roma mostrata da Sorrentino sono già stati spesi un fiume di commenti, inutile attardarsi ancora. Per me può anche essersi girato il film in una città idealizzata e perduta, non è quello il problema. Il problema è l'uso che viene fatto di questa città idealizzata (cioè la vendita del Colosseo agli yankees).

Tecnicamente parlando, manca un conflitto ed un climax. Ok, si può anche fare a meno del climax e del conflitto se ti chiami Bergman, ma Sorrentino, con tutto che mi piace, non è Bergman. Ma ancora peggio mi risulta il fatto che gli unici personaggi che abbiano uno spessore sono Gambardella e, un po', la Ferilli. Gli altri sono stereotipi, marionette che si agitano sullo sfondo per condire la recitazione dei due personaggi veri.
Secondo me la Ferilli non ha sfigurato eccessivamente.

La visione salvifica, la "Grande Bellezza" viene completamente vanificata dalla scena finale in cui si vede il seno della ragazza. Se accostiamo questa inquadratura finale con la frase introduttiva del film otteniamo un messaggio (poco recondito) inquietante. Secondo me l'idea era bella, avesse lasciato l'immagine della "ragazza angelicata" sarebbe stato perfetto. Così, invece, ha rovinato tutto.

Purtroppo nel commento al film va citato anche il suo contorno. Cosa che di solito non andrebbe fatta ma che, in questo caso, è secondo me obbligatorio ricordare. Il motivo è semplice e cioè perchè sono il protagonista ed il regista stessi ad averli tirati in mezzo.
Quando il film è stato criticato la reazione di Servillo e di Sorrentino è stata molto piccata. Un regista dovrebbe accettare le critiche al suo film, ci sono sempre state e sempre ci saranno, più o meno giustificate. Mettersi lì a replicare punto per punto è come fare la figura del politico che cita per diffamazione il vignettista.
Secondo me questo è accaduto perchè loro hanno pensato che se Ba'aria (che secondo me è un film squallido) ha ricevuto i commenti entusiasti della critica nostrana, il loro film doveva essere portato in trionfo; constatare una reazione se non opposta quantomeno disomogenea può averli fatti uscire dai gangheri, e lo trovo pure molto giustificato. Però resta valido quanto detto prima sul politico ed il vignettista. Nella pratica, se ascoltate le loro interviste in merito (spettacolare una proprio di Servillo) loro si sono comportati come l'attrice nuda quando arriva Gambardella e gli chiede delle "vibrazioni". Hanno tenuto lo stesso comportamento che loro stessi avevano stigmatizzato nel film, per mettere in mostra come procede oggi una certa cultura.
Insomma, un po' scadente e rivelatore di certe mire.

Purtroppo gli altri due film che meritavano erano presentati da un Palestinese e da un regista che ha girato un documentario sugli Khmer Rossi, che è come andare al festival del cinema Iraniano e fargli vedere 120 giornate di Sodoma di Pasolini, ergo Sorrentino ha avuto la strada spianata.


Non sono d'accordo su ogni cosa, ma la tua analisi mi piace molto.
Magari, se vengo alla Play, ci facciamo due chiacchiere sul film.

Ciao =)
K.

Possessore indiscusso dell'avatar più bello della Tana e Guru di Archipelago.

Visitate la geeklist sulle mie traduzioni
Offline Kraken
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
Tdg Supporter
Top Uploader
TdG Translator
 
Messaggi: 1695
Iscritto il: 01 maggio 2007
Goblons: 328.00
Località: Roma, dintorni Civetta sul Comò
Utente Bgg: Fuliggine
Twitter: @KrakenTdG
Sgananzium Fan Sei iscritto da 5 anni. Ho partecipato alla Play di Modena

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda yon » 7 mar 2014, 16:19

Kraken ha scritto:Non sono d'accordo su ogni cosa, ma la tua analisi mi piace molto.
Magari, se vengo alla Play, ci facciamo due chiacchiere sul film.

Ciao =)

Amo questi commenti, sono la base della discussione civile. Al Play mi becchi di sicuro al tavolo di HeroQuest, Domenica, ma ci sarò anche Sabato. E sì, mi farà molto piacere. :grin:
L'irriverenza conduce alla sconsideratezza V. von Croy
Immagine
Offline yon
Grande Saggio
Grande Saggio

Avatar utente
 
Messaggi: 2675
Iscritto il: 10 aprile 2013
Goblons: 20.00
Località: Reggio Emilia
Utente Bgg: YonHQ
HeroQuest Fan Sono un cattivo

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda Sveltolampo » 7 mar 2014, 23:43

Ma al cinema era in 3D???
:rotfl:
Dai scherzo.
Sono molto in accordo con yon ... la descrizione paraculo mi sembra il vestito adatto!
Offline Sveltolampo
Grande Goblin
Grande Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 11198
Iscritto il: 22 settembre 2011
Goblons: 10.00
Località: Povoletto (UD)
Utente Bgg: Sveltolampo
Sei iscritto da 5 anni. Ho partecipato ad una lettura condivisa dei Goblins Sono un Sava follower Ho parteciapto al torneo di Clash Royale Telegram Fan

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda Micenea » 8 mar 2014, 20:58

Concordo con l'analisi di Yon.

Sorrentino tocca diversi temi ma il suo rimane un racconto superficiale. Ci mostra molte cose senza andare dentro alle cose. Forse più documentario che film. Nei momenti in cui la storia-non storia avrebbe dovuto raggiungere l'akmé ("La povertà non si può raccontare, va vissuta!") non accade nulla di veramente significativo, o almeno non mi pare ci riesca con nessun espediente registico.
A me la Ferilli è sembrata pure più brava di Verdone (che non giudico comunque un Grande attore).

Giudicare un film noioso/non noioso credo che alla fine sia un fatto soggettivo.

Un discorso completamente a parte riserverei sulla noia dei film di Von Trier.
Offline Micenea
Gran Maestro
Gran Maestro

Avatar utente
 
Messaggi: 1271
Iscritto il: 05 novembre 2012
Goblons: 90.00
Località: Roma

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda Mod_XXII » 9 mar 2014, 1:01

Mah non sono assolutamente d'accordo. Il racconto nin è superficie perché secondo me non c'è l'intenzione di raccontare niente se non quello che di vede: la dicotomia tra le varie bellezze e le miserie di alcuni personaggi. Non va on profondità perché vuole mostrare più slice of life di persone diverse facendone un affresco in cui gep e quello cje lega il tutto. Poi a me piacciono i slice of life quindi non sento la mamcanza di trama intesa come azioni concatenate e che narrano la storia in maniera classica.
Vendo Star Wars Destiny
Originality is highly overrated.
"Two players. Two sides. One is light one is dark"
Offline Mod_XXII
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 7347
Iscritto il: 03 febbraio 2007
Goblons: 380.00
Località: "Polo Nerd" (Pg)
Utente Bgg: Mod_XXII
Board Game Arena: Mod_XXII
Sei iscritto da 5 anni. Sei nella chat dei Goblins Ho partecipato alla Play di Modena Seasons Fan Le Havre Fan Backgammon Fan Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col giallo I viaggi di Marco Polo fan Epic Card Game fan Ho sostenuto la tana alla Play 2016 Innovation fan Pandemic Legacy Fan Podcast Maker

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda Mod_XXII » 9 mar 2014, 1:09

Oddio ho scritto con il cel scusate vedo ora che è illeggibile!
Vendo Star Wars Destiny
Originality is highly overrated.
"Two players. Two sides. One is light one is dark"
Offline Mod_XXII
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 7347
Iscritto il: 03 febbraio 2007
Goblons: 380.00
Località: "Polo Nerd" (Pg)
Utente Bgg: Mod_XXII
Board Game Arena: Mod_XXII
Sei iscritto da 5 anni. Sei nella chat dei Goblins Ho partecipato alla Play di Modena Seasons Fan Le Havre Fan Backgammon Fan Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col giallo I viaggi di Marco Polo fan Epic Card Game fan Ho sostenuto la tana alla Play 2016 Innovation fan Pandemic Legacy Fan Podcast Maker

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda LordDrachen » 10 mar 2014, 12:52

Micenea ha scritto:Ci mostra molte cose senza andare dentro alle cose. Forse più documentario che film. Nei momenti in cui la storia-non storia avrebbe dovuto raggiungere l'akmé ("La povertà non si può raccontare, va vissuta!") non accade nulla di veramente significativo, o almeno non mi pare ci riesca con nessun espediente registico.

A parte che un film non deve per forza andare "dentro" alle cose, cioè prendere posizione (American Beauty , NOn è un Paese per Vecchi, ecc.).
Deve accadere qualcosa di significativo nella trama? Beh il risveglio nel ricordo del protagonista è cmq il succo del discorso, anche se sono sicuro che troverei altri capolavori cinematografici in cui "apparentemente" non accade nulla di significativo.
Un discorso completamente a parte riserverei sulla noia dei film di Von Trier.

Che cmq è un grande del cinema, sebbene non mi sento di approfondire troppo il discorso perché ho visto troppo poco al momento.
Mi trovate anche su BGG. ^_^
Ho visto qualcuno impedire un Runaway Leader ed essere travolto da una Snowball

Immagine
http://www.noferplei.it
Offline LordDrachen
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 4022
Iscritto il: 02 agosto 2011
Goblons: 20.00
Località: Reggio Emilia
Utente Bgg: LordDrachen
Twitter: LordDrachen

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda Mod_XXII » 10 mar 2014, 12:59

LordDrachen ha scritto:A parte che un film non deve per forza andare "dentro" alle cose, cioè prendere posizione (American Beauty , NOn è un Paese per Vecchi, ecc.). Deve accadere qualcosa di significativo nella trama? Beh il risveglio nel ricordo del protagonista è cmq il succo del discorso, anche se sono sicuro che troverei altri capolavori cinematografici in cui "apparentemente" non accade nulla di significativo.


La penso esattamente come te.
Vendo Star Wars Destiny
Originality is highly overrated.
"Two players. Two sides. One is light one is dark"
Offline Mod_XXII
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Messaggi: 7347
Iscritto il: 03 febbraio 2007
Goblons: 380.00
Località: "Polo Nerd" (Pg)
Utente Bgg: Mod_XXII
Board Game Arena: Mod_XXII
Sei iscritto da 5 anni. Sei nella chat dei Goblins Ho partecipato alla Play di Modena Seasons Fan Le Havre Fan Backgammon Fan Sono stato alla Gobcon 2016 Io gioco col giallo I viaggi di Marco Polo fan Epic Card Game fan Ho sostenuto la tana alla Play 2016 Innovation fan Pandemic Legacy Fan Podcast Maker

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda LordDrachen » 10 mar 2014, 13:07

yon ha scritto:Infatti gli unici che si sono fatti infinocchiare all'unanimità sono gli americani, che sono rimasti sempre quelli ai quali Totò vende il Colosseo.

Gli unici?
http://it.wikipedia.org/wiki/La_grande_ ... noscimenti
Mi sembra abbia vinto anche gli European e il BAFTA, nominato a Cannes, nominato quasi ovunque, miglior attore da molte parti... insomma, capisco possa non esser piaciuto, ma non esageriamo.
Paragonarlo alla Dolce Vita di Fellini è, secondo me, scorretto. Per tanti motivi, il primo dei quali è che sono due film che parlano di cose diverse. Non basta girare un film nell'alta società per dire che hai rifatto la Dolce Vita. E infatti Fellini con"La Dolce Vita" dice: adesso vi faccio vedere come sono fatti questi ricchi.

I tempi sono abbastanza cambiati e i ricchi sono cambiati. Che Sorrentino sia ispirato da Fellini si, che si possa fare un paragone no. Inoltre come ebbi a dire Fellini ha uno sguardo sempre bonario, giustificativo quasi, sui suoi personaggi grotteschi, mentre Sorrentino no. Cosa che, nel vuoto odierno, è una visione cinica, ma anche più realistica.
D'altronde Fellini veniva da una realtà in cui c'era ancora speranza, dignità, senso morale, cose tutte scomparse nel degrado che Sorrentino racconta.
Il problema è l'uso che viene fatto di questa città idealizzata (cioè la vendita del Colosseo agli yankees).

E' come criticare l'Ultimo Bacio perché giustifica le corna. E non perché l'Ultimo Bacio sia un buon film, ma perché non ha senso la critica. Se la poetica (anzi, la cinematografia) di Sorrentino viene letta in modo superficiale NON è colpa di Sorrentino.
Ok, si può anche fare a meno del climax e del conflitto se ti chiami Bergman, ma Sorrentino, con tutto che mi piace, non è Bergman.

Lo dicevano anche di Tarantino quando ha cominciato a fare i film senza seguire "le regole". Tutte boyakke.
Ma ancora peggio mi risulta il fatto che gli unici personaggi che abbiano uno spessore sono Gambardella e, un po', la Ferilli. Gli altri sono stereotipi, marionette che si agitano sullo sfondo per condire la recitazione dei due personaggi veri.
Secondo me la Ferilli non ha sfigurato eccessivamente.

La Ferilli ha fornito una grande prova. Se metti una nana come direttrice, capisci che gli stereotipi sono anche voluti e funzionali al film stesso.
La visione salvifica, la "Grande Bellezza" viene completamente vanificata dalla scena finale in cui si vede il seno della ragazza. Se accostiamo questa inquadratura finale con la frase introduttiva del film otteniamo un messaggio (poco recondito) inquietante. Secondo me l'idea era bella, avesse lasciato l'immagine della "ragazza angelicata" sarebbe stato perfetto. Così, invece, ha rovinato tutto.

Posso dirlo? Secondo me ti fai un po' condizionare dalla tua visione morale e politica quando giudichi questo film, e mi pare che sia un approccio non corretto nella valutazione di un'opera.
Non si deve per forza condividere la visione dell'autore.
Insomma, un po' scadente e rivelatore di certe mire.

Appunto. ^^
Mi trovate anche su BGG. ^_^
Ho visto qualcuno impedire un Runaway Leader ed essere travolto da una Snowball

Immagine
http://www.noferplei.it
Offline LordDrachen
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
 
Messaggi: 4022
Iscritto il: 02 agosto 2011
Goblons: 20.00
Località: Reggio Emilia
Utente Bgg: LordDrachen
Twitter: LordDrachen

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda AleK » 28 mar 2014, 4:43

Scusate la banalità del mio intervento, ma a me è piaciuto. :cheer:

La prima metà dove perculavano tutto e tutti l'ho adorata, concordo con micenae che certi attori proprio non si potevano ascoltare, si facessero doppiare sarebbe meglio, comunque grasso che cola.
La seconda metà invece mi ha un po' raffreddato l'entusiasmo... :telodicevo:
Per quanto rigurada il finale, non concordo con yon, è semplicemente fantastico.
Sarà, ma per me non c'è nulla di più "angelico", puro, onesto ma soprattutto bello del nudo esplicito, anche se regalato. Ma proprio nulla. :cuore: :cuore: :cuore:
Ma io sono uno sporco materialista, "ventilatore" (babel fish docet) del corpo umano. :snob:
Link utili relativi ai GdR? Cliccate QUA

A Noi Vivi
Offline AleK
Onnisciente
Onnisciente

Avatar utente
Tdg Super Moderator
 
Messaggi: 3723
Iscritto il: 01 dicembre 2003
Goblons: 40.00
Località: Un po' qua un po' là...
Utente Bgg: scagliacatena
Facebook: torri.ale
10 anni con i Goblins

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda Cippacometa » 7 mag 2014, 11:56

Dopo essermelo perso al cinema a forza di rimandare, sono finalmente riuscito a vederlo ieri (al circolo culturale italiano di Marsiglia :-))) ).

Mi è piaciuto molto. Ottima fotografia, ottima sceneggiatura, bravi gli attori, musiche molto azzeccate, ed alcune battute e dialoghi eccezionali.

C'è qualche difetto, non è un film perfetto. Per esempio, per me, ci sono un paio di scene in cui il montaggio/fotografia non è riuscitissimo.
Una è quando Jep vede le bambine vestite da suora ed il tizio che trascina il cagnolino col guinzaglio allungabile: si passa in continuazione e troppo velocemente, tipo zapping, tra bambine, cane, mascherone di marmo, di nuovo bambine, statue, cane, insomma, non si capisce niente, è brutto.
Un altro punto è quando si capisce da una mezza frase che Ramona è morta, frase che è detta non si sa bene da chi in una inquadratura brevissima tra due o tre altre inquadrature altrettanto brevissime, insomma, un altro zapping che non m'è piaciuto.

Il messaggio, la storia, la morale del film? Per me non ci sono: questo film è come un quadro naif o di Brueghel o di Bosch, o una fotografia.
Un quadro di una piccola fetta della società romana fatta di personaggi ricchi, inutili ed annoiati, a cui intellettuali ed artisti contemporanei fanno da contorno. Questi ultimi (la tizia che dà la capocciata all'acquedotto, la bambina che dipinge, Verdone che recita, il poeta "muto", il tizio della giraffa...) vengono da un lato sbeffeggiati, ma dall'altro sono mostrati, forse, come gli unici personaggi "vivi": comunque non c'è giudizio verso di loro, anche perché, se ci fosse, questo sarebbe incoerente, data la diversità dei personaggi/artisti ed il modo differente in cui essi vengono presentati. Insomma, anche qui c'è solo l'intenzione mostrare qualcosa, di "colpire" l'occhio, come in un quadro.
Tanto più che al quadro che raffigura questo teatrino dorato e decadente, fa da contrappunto il popolo "vero" di Roma, popolo che in generale è invisibile, ma quando appare si scopre che è fatto di preti, turisti, suore, cantanti, mignotte, ragazzine, giovani goderecci, vecchi botulinati e gente che in generale dice "quello m'ha rotto er cazzzo".
È l'Italia, è Roma, città di contrasti: bellissima e squallida, creativa e decadente, cattolica e peccatrice, intellettuale e volgare, lucida e folle, ma in ogni caso qualcosa che resta impressa nella retina.

Per me è un film esteticamente molto bello, punto. :snob:
Da vedere lasciandosi "tirare dentro" e gustandosi la fotografia, i dialoghi e la musica.

Una strizzata d'occhio a La Dolce Vita? Probabilmente. Solo che La Dolce Vita non sono mai riuscito a vederlo intero perché mi annoia, lo trovo lento e vuoto, e soprattutto non mi piacciono né la recitazione né la sceneggiatura... ma forse avrei dovuto vederlo nel 1960 :asd: , e sicuramente mi mancano gli strumenti cognitivi ed intellettuali per apprezzarlo nella giusta misura.
Dubitare di tutto o credere a tutto, sono due soluzioni ugualmente comode che ci dispensano entrambe dal riflettere. (H. Poincaré)
Offline Cippacometa
Hàkarl Devourer
Hàkarl Devourer

Avatar utente
Tdg Super Moderator
TdG Editor
Top Reviewer 1 Star
TdG Translator
 
Messaggi: 4017
Iscritto il: 17 luglio 2003
Goblons: 1,490.00
Località: Marseille (France)

Re: La grande bellezza: opinioni sparse

Messaggioda ninja » 23 mag 2014, 16:14

La mia opinione e' la stessa che aveva fantozzi della corazzata potemkin
Offline ninja
Illuminato
Illuminato

Avatar utente
 
Messaggi: 1487
Iscritto il: 04 gennaio 2005
Goblons: 60.00
Località: forlì

PrecedenteProssimo

Torna a Tempo Libero



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti