La lunghezza delle partite sminuisce l'incidenza aleatoria?

Discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Sephion, Galdor

Re: La lunghezza delle partite sminuisce l'incidenza aleator

Messaggioda tika » 19 dic 2015, 0:41

wolframius ha scritto:
tika ha scritto:Circa un anno e mezzo fa, dopo numerose partite a Stone age che avevo considerato andate male a causa della sfiga che mi perseguita nei giochi di dadi, ho preso in mano carta e penna e ho segnato TUTTO. Secondo me Stone age è proprio un gioco in cui i tiri del dado hanno più o meno tutti la stessa importanza. I risultati a fine partita sono stati questi:
Giocatore A 77 lanci, tot 278 media 3,6
Giocatore B 41 lanci, tot 158 media 3,8
Giocatore C 31 lanci, tot 118 media 3,6
IO 43 lanci, totale 123, media 2,86.

Ve lo.dico io. Gioco lungo o corto, tanti lanci o pochi, io nn ci gioco ai giochi di dadi...


Chi ha vinto?


Io no :alcolico: <:-( (non ricordo sinceramente)
Offline tika
Saggio
Saggio

Avatar utente
 
Collezione: tika
Messaggi: 2117
Iscritto il: 29 agosto 2008
Goblons: 240.00
Località: Trento

Re: La lunghezza delle partite sminuisce l'incidenza aleator

Messaggioda thondar » 19 dic 2015, 15:00

E perché giocare ad un gioco dove conta solo l'ultimo tiro?
Offline thondar
Esperto
Esperto

Avatar utente
 
Collezione: thondar
Messaggi: 424
Iscritto il: 16 giugno 2010
Goblons: 0.00
Località: .

Precedente

Torna a Questioni filosofiche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron