Mercatino: i prezzi onesti dell'usato vs qualità del nuovo

Discussioni e considerazioni su definizioni, terminologie, classificazioni, concetti e questioni di filosofia del gioco.

Moderatori: Sephion, Galdor

Mercatino: i prezzi onesti dell'usato vs qualità del nuovo

Messaggioda Cyrano » 23 ott 2010, 12:26

Spero di non offendere nessuno ma stavo elocubrando alcune riflessioni sui prezzi del mercatino. Sono in effetti proprio solo e soltanto questioni filosofiche.

Cos'è un prezzo onesto?

Stavo leggendo un'offerta per dieci miniature dipinte da gioco per WH (vecchia assai) ed il primo pensiero è stato "OK il prezzo è giusto" infatti venivano vendute a 20 euro.

Però... io non ho problemi di tempo ed a dipingere "da gioco" le miniature ci riesco. Sono ore di lavoro certo ma è un hobby e chi conta le ore del proprio hobby? Non sono un giocatore professionista.

La serie nuova di pacca delle stesse miniature costa 30 euro e la qualità della scultura è migliore (con i nuovi kit della GW praticamente le possibilità di customizzare sono infinite mentre quelli vecchi presentano sempre qualche "coppia").

Quindi PER ME il prezzo diventava troppo alto, non valeva la pena di risparmiare solo 10 euro per un prodotto che alla fine risulterebbe inferiore.

Però il prezzo troppo alto non è dovuto alla disonestà del venditore ma al notevole sbalzo qualitativo del produttore che rende i vecchi modelli più "obsolteti" che "rari"...

Avete notato altri casi simili?
«Sua OTtosità»

Tre urrah per il tappo!
Offline Cyrano
Goblin
Goblin

Avatar utente
 
Collezione: Cyrano
Messaggi: 5749
Iscritto il: 26 agosto 2007
Goblons: 10.00
Località: Cavalese (TN)

Torna a Questioni filosofiche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti