Akkon

Autore: 
Immagine copertina: 
Voto Recensore: 
7

Ambientazione
I giocatori sono dei templari al tempo delle crociate che cercano di prendere il posto del Gran Maestro a capo dell'Ordine. Per fare questo devono dimostrare di essere i migliori.

Ogni giocatore cerca di far crescere il punteggio su 4 caratteristiche: oro, prestigio, fede e forza. Per poter ottenere punti in queste caratteristiche si devono acquisire carte che hanno dei poteri particolari e diversi: aggiungo punti, li tolgono punti agli avversari, hanno effetti speciali (come ad esempio la peste), danno tanti punti su una caratteristica ma ne tolgono alcuni in altre caratteristiche, etc.
Le carte sono divise in 6 mazzi, ogni mazzo è contrassegnato e correlato con una città del tabellone. I mazzi vengono posizionati scoperti sulle singole città così che si sa che carta si va a prendere e per prenderla occorre vincere un'asta.

Il Gioco
Ogni turno si divide in due fasi: fase d'asta e fase azioni.

Fase Asta
Piuttosto semplice: i giocatori puntano segretamente le loro pedine (del proprio colore) tenendone il valore nascosto, sulle città. Le pedine sono 7 e rappresentano 4 templari con valore 5,6,7 e 8 + 3 pedine speciali che hanno poteri peculiari: il Turcopolo che moltiplica per 2 la somma dei valori dei propri templari, il Fratello Sergente che ha valore base 2 + 2 punti per ogni altro templare presente nella città (di tutti i giocatori) e infine il Fratello Cappellano che non ha valore e serve solo per bluffare.

Inoltre il primo giocatore ha anche la pedine Siniscalco che ha un valore pari a 4 ed è di colore diverso: il siniscalco impone di fare l'asta nella città dove viene posto, con le pedine scoperte. Questo serve per appianare lo svantaggio di chi inizia il turno.

Non c'è limite al numero di pedine che possono essere posizionate in una città. Un giocatore può scegliere di passare, invece che posizionare una pedina: questo pone fine alla sua fase d'asta.
Quando tutti i giocatori hanno passato si passa alla fase successiva.

Fase Azioni
Primo si scoprono le pedine e si determinano i vincitori delle carte città che vengono così prese in mano. Le pedine giocate si lasciano sulle città.
Quindi, in ordine di turno, si giocano le carte che si hanno in mano, anche quelle vinte in precedenti turni, l'importante è che, se si vogliono giocare, si devono pagare. Pagare una carta vuol dire scartare tante pedine quanto è il costo della carta (variabile da 1 a 3). Ovvio quindi che è improponibile giocare durante la fase d'asta tutte le proprie pedine, poiché vorrebbe dire non poter pagare nulla.
Pagate le carte queste danno i bonus descritti.

Finita questa fase tutti i giocatori assegnano le carte privilegi, una per caratteristica: queste carte vanno al giocatore che ha il punteggio più alto nella caratteristica associata al privilegio. I privilegi non sono altro che poteri speciali che potranno essere utilizzati nella fase seguente.

Quindi inizia un nuovo turno.

Il gioco finisce quando viene presa l'ultima carta da una città. Vince il giocatore che ha il totale più alto sommando la sua caratteristica più alta con quella più bassa.

Conclusioni
Intelligentissimo il sistema del punteggio che impone una buona pianificazione e una scelta su cosa puntare per vincere, anche se così facendo gli avversari conosceranno i nostri piani e avranno vita più facile per contrastarci, visto che le carte città sono visibili e quindi si conosce il loro effetto.

Pro: 

Semplice ed immediato, anche se le carte sono in lingua, grazie alle icone che aiutano e fanno intuire subito quale sia il loro potere.
Interazione tra i giocatori ben sviluppata e possibilità di cattiverie spregevoli, ma vincenti.
Costo contenuto.

Contro: 

Componentistica inefficiente: le pedine hanno il valore e il disegno applicato con un adesivo dallo sfondo trasparente. Questo rende difficile leggere bene il numero e distinguere i singoli templari specie per il colore nero... occorre tanta attenzione. E si che nel retro della scatola l'illustrazione è differente: lo sfondo degli adesivi è bianco.
Solite meccaniche anche se rinfrescate da un'ambientazione evocativa e da qualche sapiente regola per limitare gli svantaggi (come il siniscalco e i mazzi città visibili).

Contenuto: 

tabellone, 35 Templari 7 per colore, 20 Marcatori 4 per colore, 5 carte identificative (carte Porto) 1 per colore, 72 Carte Città 12 per ciascuna città, 4 carte Privilegio, 1 Siniscalco e il regolamento.

Score: 
0.00
Hits: 
2 461