Animalia

Autore: 
Immagine copertina: 
Voto Recensore: 
7

Ambientazione
Scopo del gioco è fare più punti possibili collezionando animali della stessa specie. La partita dura 3 round ed ogni round è identico nello sviluppo e nelle regole; quindi basta mescolare tutte le carte ed iniziare a giocare.

Il Gioco
Un round si divide in vari turni di gioco; ad ogni turno il giocatore attivo effettua la sua azione, quindi il turno passa al giocatore di sinistra finché tutti i giocatori non hanno 5 carte davanti a sé. Si procede con il conteggio dei punti e il gioco ricomincia con un nuovo round.

Al proprio turno un giocatore pesca una singola carta dal mazzo scoprendola in modo che tutti la possano vedere; poi decide se vuole tenerla o meno. Tenerla vuol dire disporla davanti a sé e far finire il proprio turno, cosa che farà passare il mazzo al giocatore di sinistra che effettuerà il suo turno di gioco.
Se la carta viene rifiutata, verrà passata al giocatore di sinistra il quale a sua volta deciderà se accettarla o rifiutarla: se accetta, quel giocatore prende la carta la dispone davanti a sé e, così, fa terminare il turno del giocatore che aveva pescato la carta; in caso contrario passa a sua volta la carta al giocatore alla sua sinistra, che avrà la stessa possibilità di prendere o rifiutare la carta, e così via. La carta viene passata finché o non viene accettata da un giocatore non attivo, oppure non torna al giocatore attivo il quale, a questo punto, non può far altro che girare una seconda carta e dichiarare se prenderle entrambe oppure rifiutarle entrambe.
Nel caso accetti, il turno finisce e le dispone davanti a sé, se rifiuta ricomincia il giro: offre quelle stesse carte agli altri giocatori che avranno, come prima, la possibilità di accettare o rifiutare (sempre l'intero lotto). Se il lotto torna al giocatore attivo questi dovrà pescare una terza carta, avrà sempre la possibilità di accettare o rifiutare l'intero lotto e, quindi, se rifiuta, passerà il lotto ai giocatori non attivi i quali come sempre potranno prendere o rifiutare il lotto. Se il lotto, a questo punto, ritorna al giocatore attivo (quindi nessuno ha preso le 3 carte), questi sarà costretto a prenderle tutte e 3, senza possibilità di cambiarle o di pescarne altre. Il turno finisce e il gioco (e il mazzo) passa al giocatore di sinistra che effettuerà le sue azioni.

Un giocatore non può avere mai - in nessun momento o per qualunque motivo - più di 5 carte davanti a sé. Quindi, spesso, non si può accettare un lotto né pescare altre carte a causa di questo limite. Le carte sono di 5 specie diverse di animali: cani, gatti, pappagalli, cavalli e conigli; ad ogni animale corrisponde anche un colore per facilitare le cose. Per i punti vittoria di fine round conta solo ed unicamente il numero di carte dello stesso tipo di animale: avere 2 carte gatto farà ottenere 2 punti gatto, avere 3 carte cavallo farà ottenere 3 punti cavallo, e così via. Il minimo necessario per totalizzare punti di un tipo di animale è possederne 2 carte (quindi 2 punti); se un giocatore riesce ad avere, alla fine del round, tutte e 5 le carte di tutte le specie di animale (quindi una per tipo), prende 1 punto per ogni specie più un bonus +5 punti che si somma (alla fine del gioco) ai punti che possiede.

Ogni specie di animale ha 3 carte speciali: il burlone, il ladro, la spia (ogni specie ne ha uno per tipo). Quando un giocatore prende una carta speciale non succede nulla, ma se ne prende una seconda (dello stesso tipo, quindi, ad esempio, 2 spie necessariamente di due specie diverse) ne attiva il potere.
Il burlone permette di dare una nostra carta ad un altro giocatore, il ladro consente di rubare una carta ad un altro giocatore, la spia fa vedere le prime 5 carte del mazzo e consente di riposizionarle a nostro piacere. L'abilità si può usare solo quando si attiva e non in un secondo momento.

Inoltre, alla fine del round, si verifica chi ha la collezione di animali più belli: il concorso di bellezza. Le carte di ogni specie hanno dei simboli: stelle e macchie. Le stelle identificano la bellezza di un animale, mentre le macchie sono un coefficiente la "bruttezza". Le stelle valgono 1 punto bellezza, le macchie -1 punto bellezza. Ogni specie ha 7 carte animale, 3 speciali di cui abbiamo già parlato, e 4 senza poteri, ma con stelle e macchie. Si va da animali con 2 stelle a animali con 1 macchia (quindi, un animale con 2 stelle, un animale con 1 stella, un animale senza simbolo, un animale con 1 macchia). Finito il round ognuno conta stelle e macchie presenti nei propri animali (a prescindere dalla specie): chi ha più punti bellezza pesca due carte e chi arriva secondo ne pesca una. Queste carte possono essere utilizzate per sostituire le carte che si hanno davanti oppure conservate per i round successivi.
Finito il round si prendono tutte le carte (eccezion fatta per quelle conservate dopo la pesca per il concorso di bellezza), si mescola il mazzo e si ricomincia.

Unica carta un po' particolare è la civetta, che è una sorta di jolly: alla fine del round vale qualunque animale si vuole.

Considerazioni
Si tratta di un gioco che ha il pregio di essere velocissimo. Facile da spiegare, ma non semplicissimo da capire. Ho notato una certa difficoltà a comprenderne tutti i meccanismi che, per quanti banali, non sono del tutto fluidi ed omogenei, ma il gioco non ne risente che alla prima partita.
Le carte speciali sono utili solo in alcuni contesti: in particolare il burlone, che spesso non viene attivato perché non è sempre possibile o vantaggioso dare una propria carta agli avversari. Il ladro è utile, ma non definitivo, mentre la spia, se giocata sul finire del round, è devastante, prima molto meno. Non esiste una vera strategia: si pesca e si cerca di capire se è possibile o meno far punti su quella specie. Di certo cercare di fare 5 punti di una sola specie è primario: non farlo vuol dire perdere, ma farlo non è semplice anche perché impone una direzione alla propria partita che una pescata di carte può distruggere.
Inoltre è impossibile giocare "contro" qualcuno: ne va della propria partita, molto meglio lasciare l'incombenza ad altri. Il gioco, però, risulta davvero godibile e divertente, veloce e poco impegnativo come deve essere un gioco dove la fortuna la fa da padrona. Coinvolge fino a 6 giocatori senza perdere il fascino e la fruibilità. In definitiva bello anche se, lo ammetto, in 6 ho notato all'ultimo round una scarsità di carte. Una nota di merito alla grafica che è spassosissima e molto curata.

Nota: esistono 2 versioni di questo gioco, base e limitata. Il base è un mazzo di carte formato normale con un segnapunti in carta; la limitata è una scatola con carte più grandi e vari chip animale e bonus per distribuire i punti. È la sola differenza tra le due versioni.

Pro: 

Grafica bellissima che aumenta il fascino e la godibilità.
Veloce e non impegnativo, si spiega subito e dura davvero poco.
Il metagioco del concorso di bellezza aumenta le possibilità e le strategie.

Contro: 

La fortuna è esasperante, ma è un gioco di carte.
Impossibile bloccare gli avversari.

Contenuto: 

90 medaglie (15 per tipo), 42 carte di cui: 6 carte aiuto in 4 lingue per i poteri speciali, 5 famiglie di 7 animali, 1 civetta e il regolamento.

Score: 
6.91
Hits: 
3 975