The Bucket King

Autore: 
Immagine copertina: 
Voto Recensore: 
6

L'idea alla base di The Bucket King (alias Alles im Eimer) è invero piuttosto curiosa: immersi in un ambientazione agreste (si suppone che i giocatori siano fattori) dobbiamo cercare di difendere la nostra piramide di secchielli (!) dalla vivacità degli animali.

A nostra disposizione, per difendere la piramide ma anche per “attaccare” le piramidi avversarie, abbiamo una mano di 12 carte. Queste raffigurano cinque tipi di bestie da cortile: Mucca, Pecora, Maiale, Cavallo e Cane (o Gallina nella versione americana). Ad ogni animale è associato un colore fisso, che corrispondente a quelli dei secchielli, ed un numero, variabile da 1 ad 8. La piramide è costituita tre secchielli di ogni colore, per un totale di quindici secchielli, la cui disposizione viene stabilita dal giocatore dopo aver preso visione della propria mano.

Il giocatore che apre il gioco sceglie da una a tre carte della propria mano, rigorosamente dello stesso colore (quindi rappresentanti lo stesso animale), e lancia l’attacco. La potenza dell’attacco è data dalla somma dei numeri riportati sulle carte.

Il turbolento animale, così “richiamato” dal giocatore, si scaglierà goffamente sulla piramide dell’avversario alla sua sinistra. Questi cercherà di difendersi, e per farlo dovrà essere in grado di giocare un attacco, con lo stesso animale, di forza superiore.

Se riesce a difendersi, l’animale sempre più imbizzarrito continuerà la sua corsa contro la piramide del giocatore successivo. Questi, a sua volta, dovrà essere in grado difendersi, ma per farlo dovrà essere in grado di rilanciare con un attacco superiore a quello dell’ultimo giocatore.

Il giro continua così fino a quando uno non può (o non vuole) difendersi. In questo caso, lo sfortunato fattore dovrà togliere un secchiello del colore corrispondente all’animale dalla propria piramide. Se questo sorregge altri secchielli soprastanti, anch’essi crolleranno rovinosamente dalla piramide.

Qualora l’attacco riesca a raggiungere il giocatore che lo ha generato, questi deve difendersi dalla sua stessa creatura, aggiungendo carte a quelle già giocate per generarlo.

Il gioco termina non appena una piramide viene annientata completamente. Il vincitore sarà colui che è rimasto con il maggior numero di secchielli.

Pro: 

- Filler rapido, colorato, semplice da spiegare e da giocare.
- Graficamente curato.
- Buoni i materiali.

Contro: 

- Estremamente semplice, forse troppo per molti giocatori.
- Il ruolo della fortuna è predominante.

Contenuto: 

110 carte, 90 secchielli colorati (in cinque colori differenti), regolamento

Score: 
6.38
Hits: 
2 629