Cirondo

Autore: 
Immagine copertina: 
Voto Recensore: 
7

Nota storica
Questo gioco, prodotto nel 1991 dall'omonima casa editrice, originariamente era solo per 2 giocatori; in seguito, nella seconda edizione, è stata introdotta la possibilità di giocare anche in 4 (grazie alle pedine rosse e blu). Fino al 2007 era anche attivo un sito ufficiale (www.cirondo.com) in cui poter giocare online. Oggi questo sito è defunto, così come (pare) la casa editrice.

Il Gioco
Cirondo è "il definitivo gioco di offesa, difesa e sacrificio", come recita lo slogan.
Il gioco si ispira moltissimo agli scacchi. Si gioca su una scacchiera circolare (senz'altro l'elemento più originale) con due tipi di pedine: le Lune e i Pianeti. Le Lune muovono come i Pedoni degli scacchi: una casella avanti, oppure una in diagonale per mangiare; i Pianeti muovono come gli Alfieri: lungo le diagonali, che in questa scacchiera sono di fatto dei suggestivi archi.
Inizialmente si dispongono i 16 Pianeti in ognuna delle caselle dell'anello più esterno e le 16 Lune in quelle dell'anello subito più interno; quelle dorate in una semi-circonferenza e quelle argentate nell'altra. Come negli scacchi, i giocatori muovono una pedina alla volta, a turno e, se queste finiscono il loro movimento sopra una pedina avversaria, la "mangiano", eliminandola dal gioco.
Se una Luna raggiunge il centro della scacchiera (il Vuoto), viene "promossa" a Sistema Solare. I Sistemi Solari sono pedine estremamente forti perché si muovono come le Regine degli scacchi, lungo gli archi/diagonali o lungo gli anelli.
Quando un giocatore è rimasto con una sola pedina, il gioco termina con la vittoria dell'altro giocatore. In realtà, il regolamento prevede che il giocatore che rimane con una sola pedina abbia diritto ad un'ultima mossa e, se con questa riesce a lasciare anche l'avversario con una sola pedina, allora vince chi ha il pezzo dal potere maggiore (nell'ordine: Sistema Solare, Pianeta, Luna).

Da segnalare un paio di punti poco chiari del regolamento:
1) Nella scatola ci sono 4 Sistemi Solari per colore, il che lascia supporre che questo sia il massimo disponibile per tali pedine, anche se non è specificato; inoltre, non è specificato cosa succede se la quinta Luna raggiunge il Vuoto, né se un Sistema Solare mangiato torni ad essere disponibile oppure se debba essere eliminato definitivamente.
2) Non è prevista una regola per impedire le situazioni di stallo, ossia quando la stessa sequenza di mosse viene ripetuta indefinitamente, situazioni peraltro che si verificano spesso verso la fine della partita.

Gioco per 4 giocatori
Il gioco in 4 giocatori è praticamente identico, solo che la scacchiera viene divisa in 4 anziché in 2, ed ognuno inizia con 8 Lune e 8 Pianeti (usando anche le pedine blu e rosse). Si muove a turno in senso orario. Si può giocare sia in 2 contro 2 che tutti contro tutti.

Considerazioni
Come già accennato sopra, la scacchiera è senz'altro l'elemento più originale del gioco, che lo rende particolarmente "psichedelico": dopo un'oretta di concentrazione, con lo sguardo fisso su quel disegno che sembra molto una figura da mind warp, c'è da sballarsi!

La mancanza di un pezzo di chiusura, analogo del Re degli scacchi, giustifica lo slogan: il sacrificio di pedine è essenziale in una buona strategia; tuttavia, lascia qualche perplessità sul finale: se l'abilità dei giocatori è molto diversa, questo è deciso già molto prima della fine effettiva della partita; se i giocatori sono più o meno ugualmente bravi, rischia troppo spesso di finire in parità o in stallo.

Pro: 

Estrema semplicità del regolamento, che comunque garantisce un gioco non banale.
Grafica a dir poco sublime: uno spettacolo per gli occhi, e molto efficace.
Ottimi materiali: tabellone in carta satinata, pedine in metallo pieno, molto piacevoli da maneggiare.
Possibilità di giocare in 4, non molto comune in giochi astratti di questo tipo.

Contro: 

La scarsa varietà dei pezzi, che va a favore della semplicità del regolamento, fa si che alla lunga il gioco diventi un po' ripetitivo.
Difficile reperibilità.
Regolamento poco chiaro in alcuni punti (v. sopra).
In effetti, la scacchiera circolare è l'unico elemento davvero originale; per il resto, è un gioco degli scacchi semplificato.

Contenuto: 

scacchiera circolare costituita da 8 anelli concentrici ciascuno con circonferenza di 32 caselle, 36 pedine argentate e 36 dorate (16 Lune, 16 Pianeti, 4 Sistemi Solari), 20 pedine rosse e 20 blu (8 Lune, 8 Pianeti, 4 Sistemi Solari) e il regolamento.

Score: 
0.00
Hits: 
1 441