Cuba

Autore: 
Immagine copertina: 
Voto Recensore: 
8

In "Cuba", nuovo gioco di strategia di Michael Rieneck e Stefan Stadler, vestiamo i panni di affaristi locali che cercano di produrre risorse, costruire edifici e comprare e vendere prodotti per imbarcarli sulle navi, cercando al tempo stesso di influenzare le politiche cittadine per ottenerne dei vantaggi.
Caratterizzato da una miscela efficace di meccanismi già collaudati, Cuba si ispira alle dinamiche di giochi famosi come Puerto Rico e i Pilastri della Terra alle quali aggiunge nuove idee ed una curatissima veste grafica.
Cuba si articola in sei turni alla fine del quale viene dichiarato vincitore colui che ha collezionato più punti vittoria.

Ogni giocatore possiede una plancia personale con dodici riquadri su cui sono indicati risorse e prodotti e dispone di cinque differenti carte personaggio, ciascuna dotata di un certo numero di voti.
Nel gioco sono poi presenti diversi tipi di risorse (legno, pietra e acqua), di prodotti (cedro, tabacco e zucchero) e di beni (sigari e rum). Le risorse vengono utilizzate per costruire gli edifici, mentre i prodotti possono essere comprati e venduti al mercato ed imbarcati sulle navi per totalizzare punti vittoria.
La dinamica di Cuba è semplice ed elegante: durante ogni turno i giocatori selezionano quattro carte personaggio ed effettuano poi l'azione corrispondente, mentre la quinta viene messa da parte ed utilizzata in seguito per le votazioni.

Le carte sono le seguenti:
Il lavoratore ( 1 voto), grazie al quale possiamo attivare le nostre piantagioni e produrre risorse e prodotti (ma non beni). L'attivazione è però sempre selettiva e dipende dal piazzamento del lavoratore: a seconda di dove lo poniamo sulla plancia produzione, solo alcuni riquadri verranno sfruttati.
La venditrice (2 voti), con la quale possiamo comprare e vendere prodotti e beni (ma non risorse) al mercato.
L'architetto (3 voti), personaggio necessario se si vuole comprare un edificio pagando poi i rispettivi cubetti risorsa. Attenzione: l'edificio viene costruito su uno dei riquadri della nostra plancia di produzione in modo che da ora in poi quello spazio non sarà più produttivo.
Il mezzadro (4 voti) per mezzo del quale possiamo attivare uno o più edifici precedentemente costruiti.
Il sindaco (5 voti), il cui ruolo ci permette di imbarcare i prodotti e i beni sulle navi e guadagnare così punti vittoria.
Alcuni di questi personaggi hanno poi anche un'abilità secondaria che possiamo effetuare al posto della principale.

Le carte vengono giocate una per volta a partire dal primo giocatore e la successione con cui si effettuano le azioni è importante perché è proprio in questa fase che ci si può ostacolare nella scelta degli edifici da costruire o dei beni o prodotti da comprare, vendere o spedire per mare. Inoltre, il valore in voti più alto della quarta carta giocata, tenendo presente l'ordine con cui la si gioca, determina lo starting player del turno successivo.
Tuttavia, anche la quinta carta personaggio svolge un ruolo essenziale nel gioco.
Alla fine di ogni turno, infatti, vengono selezionate delle leggi le quali consentono di guadagnare punti vittoria in vari modi. I giocatori sommano al valore della quinta carta, quella scelta per le votazioni, una somma di denaro puntata in un'asta nascosta: colui che ottiene il maggior numero di voti può selezionare due leggi da immettere in gioco. Ovviamente questi sceglierà quelle che vanno a suo vantaggio, cercando quindi di penalizzare gli altri.
Alla fine della partita si sommano altri due punti vittoria per ogni edificio costruito ed in caso di parità tra giocatori si guardano i soldi posseduti per determinare la vittoria.

In sostanza Cuba è un gioco gestionale divertente e ben calibrato in cui è possibile realizzare punti in molteplici modi ed è necessario giocarci più di una partita per riuscire a dominarne le complessità strategiche.

Pro: 

Il sistema di gioco è ben rodato e permette una complessa interazione strategica.
Le dinamiche non sono banali e tuttavia scorrono in maniera elegante e fluida.
Il meccanismo della scelta dei ruoli riprende un elemento vincente ed elegante da PuertoRico combinandolo con idee suggestive come il meccanismo delle votazioni.
La grafica è ben curata ed i materiali di gioco sono ottimi (soprattutto le monete).

Contro: 

La complessità strategica può disorientare nella prima partita di gioco, dato che per vincere si richiede un'attenta pianificazione e la considerazione di molteplici fattori.
I puristi potrebbero storcere il naso perché le dinamiche non sono del tutto originali.

Contenuto: 

1 tabellone di gioco, 5 plance "produzione"(una per ciascun giocatore), 25 tessere edificio, 5 tabelle riassuntive, 5 cilindri segnapunti, 5 pedine in legno colorato, 6 pedine nere, 25 carte azione, 15 carte navi, 1 carta "primo giocatore", 24 carte leggi, 2 tasselli speciali, 85 monete (45 da 1 peso, 25 da 3 pesos e 15 da 5 pesos), 45 cubetti "risorsa", 54 cilindri "prodotto", 30 segnalini "bene" e il regolamento.

Score: 
7.50
Hits: 
10 929