Dungeons & Dragons 4a Edizione: Monster Manual

Autore: 
Immagine copertina: 
Voto Recensore: 
7

Dungeons & Dragons non sarebbe lo stesso senza un manuale in cui troviamo catalogate ed ordinate le legioni di mostri che ogni buon DM adora scatenare contro i suoi giocatori.
E così la tanto attesa e discussa quarta edizione di Dungeons & Dragons ha il suo bel primo volume del Monster Manual (abbreviamolo in MM da ora in poi), un accessorio che è di assoluta necessità (almeno finchè resta un volume solo...).
Premetto prima di andare avanti che questa recensione riguarda solo e soltanto il MM, e in generale non ci saranno spiegazioni sul combattimento o altre regole descritte negli altri due manuali.

Cosa troviamo in questo nuovissimo MM? Abbiamo tra le mani un manuale con copertina rigida su cui c'è il logo del gioco (che devo dire ha il suo fascino), il titolo in bianco su una striscia verde, e una rassicurante immagine di Orcus in persona.
Le pagine di questo manuale sono ben 288, tutte zeppe di mostri, e sono incluse anche pratiche tabelle che dividono i mostri per livello (sono necessarie dato il sistema di creazione degli incontri di questa quarta edizione, che discuteremo nella recensione della Dungeon Master's Guide, DMG), un glossario in cui sono spiegati tutti i termini usati nelle schede dei mostri, e due pagine introduttive in cui viene spiegato come leggere le schede dei mostri. Quindi abbiamo oltre 270 pagine zeppe di creature da usare nei nostri dungeon!

Le creature sono descritte seguendo il formato standard della quarta edizione, cioè in schede riepilogative in cui troviamo ogni dato che ci occorre rapidamente e senza dover scorrere la descrizione della creatura. Nella DMG i mostri hanno un ruolo, così come le classi dei personaggi descritte nel Player's Handbook (PHB). Vale la pena soffermarsi su questi ruoli dato che riguardano strettamente il MM.
Così come per le classi dei personaggi, il ruolo dei mostri ne descrive le modalità di comportamento, di attacco, e di reazione durante un incontro standard. La cosa risulta molto utile sia quando occorre pianificare le tattiche dei nostri mostri, sia quando abbiamo un incontro casuale o stiamo giocando senza DM (si, con la quarta edizione è possibile pure questo) e vogliamo capire come si comporterà la creatura che abbiamo davanti.

I ruoli dei mostri sono 7 (non ho tradotto i termini inglesi perché non so come saranno tradotti nella versione italiana, quindi meglio non creare confusione): artillery, brute, controller, lurker, minion, skirmisher, e soldier. In più alcuni mostri possono essere Elite, ed altri Leader.
Alcuni ruoli sono ovvi: l'artillery eccelle negli attacchi a distanza, siano essi magici o fisici; il brute si lancia in combattimento fidando sulla sua capacità di infliggere danni superiori in mischia; il controller mira al controllo di un'area o dei personaggi tramite la magia; il lurker si specializza in agguati e attacchi di sorpresa; il minion ha sempre 1 hp, di qualsiasi livello sia, e serve unicamente come "carne da macello" da film (un po' come gli orchi in Lord of the Rings) o come schermo in difesa di mostri più importanti; lo skirmisher adotta tattiche basate sulla mobilità in combattimento; il soldier è una sorta di tank corazzato e capace di assorbire molti danni pur infliggendone relativamente pochi. I mostri Elite sono semplicemente più forti del loro "standard", mentre i Leader comandano altri mostri. Queste ultime due categorie si applicano a qualsiasi dei 7 ruoli (minion esclusi, ovviamente).

Le schede dei mostri che troviamo nel MM sono scritte sempre nello stesso modo, così da permettere una lettura rapida delle informazioni necessarie.
Nella prima riga troviamo: nome, livello, ruolo, keywords, valore in px.
Di seguito ci sono le statistiche di combattimento (iniziativa, percezione, punti ferita, classe armatura, Fortitude, Reflex, Will, velocità e modalità di movimento).
Poi vengono elencati i poteri, preceduti da simboli grafici che indicano se si usano in mischia, raggio, area, o burst (che è un attacco areale a distanza ravvicinata, tipo il vecchio soffio del drago o l'incantesimo Burning Hands). Ciascun potere ha la sua descrizione con abilità di attacco, danni, ed effetti collaterali.
La scheda termina con l'Allineamento, i Linguaggi usati dal mostro, le Abilità coi relativi bonus, gli attributi, e l'eventuale equipaggiamento.

Oltre a ciò troviamo solamente poche altre note: una brevissima introduzione al tipo di mostro (due o tre righe, assolutamente inutile nel 99% dei casi), poche righe sulle tattiche, una sezione Lore, che ci dice cosa possono sapere i personaggi su questa data creatura se realizzano un tiro di Lore (questa cosa è spiegata nel PHB ma in genere significa che i personaggi possono sapere qualcosa di ogni mostro che incontrano), e una sezione Encounter Groups che fornisce incontri "pre-preparati" che abbiano come protagonista il mostro in questione con altre creature, divisi per livello di incontro.

Quasi tutti i mostri hanno almeno due varianti, ciascuna delle quali ha la sua sezione separata. Tutti i mostri hanno illustrazioni a colori.

Purtroppo mancano assolutamente notizie fondamentali tipo la descrizione della creatura, l'ecologia (dove vive, dove è più facile trovarla), cosa mangia, come si comporta al di fuori di un incontro, e così via. Insomma tutte quelle belle sezioni "inutili" delle vecchie edizioni di D&D, fondamentali in realtà per chi fa il DM.
C'è anche una breve sezione in cui vengono descritti alcuni mostri come possibili razze da personaggio giocante, per la gioia di chi ama drow e compagnia bella.

Considerazioni personali: questo MM è assolutamente necessario per giocare, dato che non esistono tabelle di conversione (per ora) tra le altre edizioni di D&D e questa. Tuttavia a differenza degli altri due manuali, manca completamente la parte relativa al "portare in vita" gli incontri, che è una cosa che invece letteralmente permea gli altri due manuali. Un'altra cosa che manca del tutto sono le creature normali (insetti, mammiferi, uccelli, rettili...) che si presume esistano nel mondo in cui si svolge il gioco. Questo MM è semplicemente un catalogo di creature e dei loro effetti. Ribadisco: necessario per giocare, ma povero di altre informazioni. Quindi dal punto di vista del "valore" per il gioco varrebbe un 8, dal punto di vista del Roleplay non va oltre il 6, facciamo una media...

Pro: 

Illustrazioni a colori con schede praticissime e immediate.
Quasi 280 pagine di mostri.

Contro: 

Mancano le descrizioni delle creature e mancano le creature "normali".
Quasi completamente orientato al combattimento.

Contenuto: 

manuale a copertina rigida di 288 pagine, tutto a colori.

Score: 
6.38
Hits: 
3 891