Gunslinger

Mostra Recensione

Gunslinger è un gioco tattico di simulazione degli scontri a fuoco nel Far West. Il meccanismo è il seguente: ogni turno (della durata di due secondi, ulteriormente suddivisi in cinque “step”) viene “programmato” utilizzando un mazzo di carte azione (ogni giocatore ha il suo) su cui è riportato il tipo di mossa e il tempo impiegato a realizzarla. Con queste carte è possibile far eseguire al proprio personaggio qualunque azione di movimento (compresi tuffi a terra), utilizzo delle armi (impugnarle, ricaricare, mirare e sparare) o manovre di combattimento in corpo a corpo. L’esito dei colpi è stabilito da una tabella estratta da un apposito mazzo di carte, le variabili che vanno incrociate sulla tabella sono la quantità di mira e la distanza del bersaglio, l’esito va modificato in base a vari fattori (come il bersaglio in movimento o le ferite precedentemente ricevute); infine si incrocia l’effetto risultante sulla carta con il tipo di arma e si ottiene il danno che va applicato al bersaglio (da un semplice stordimento ad un colpo letale).

Nel manuale sono elencati ventisei scenari (e quattro campagne) in cui sono riportati la descrizione dei personaggi presenti (spesso divisi in fazioni), la disposizione delle plance per ricreare l’ambiente, eventualmente l’evento storico a cui si ispirano e particolari condizioni di vittoria; ogni scenario presenta anche due/tre varianti per poter essere giocato con un numero inferiore di personaggi. Molti scenari sono apocrifi e descrivono situazioni generiche (la rissa al saloon, la rapina in banca o la caccia agli indiani), mentre altri ricreano perfettamente scontri realmente accaduti (come il duello all’OK Corral o le imprese di Wild Bill Hickok).

Il regolamento è suddiviso in otto sezioni in modo da poter imparare gradualmente le regole (aggiungendo via via complessità): lo stesso meccanismo è stato utilizzato in Magic Realm (realizzato dallo stesso autore di Gunslinger) ma qui posso dire che funziona meglio dato che non ci sono modifiche successive alle regole e il livello di complessità del gioco è inferiore a MR.

Queste sono le sezioni in cui è suddiviso il regolamento:
Sezione I: viene spiegato il meccanismo di programmazione delle azioni, la risoluzione degli scontri a fuoco e l’attribuzione dei punti vittoria.
Sezione II: vengono aggiunte le regole sul combattimento corpo-a-corpo (sia a mani nude che armati) e con armi da lancio.
Sezione III: vengono aggiunte le regole su armi speciali, azioni particolari e abilità dei personaggi.
Sezione IV: vengono dettagliate le regole sul terreno, le altezze, la linea di visuale e i segnalini “testa” (per sporgersi oltre gli angoli, sopra gli ostacoli e fuori da porte e finestre).
Sezione V: vengono aggiunte le regole sulla caccia, utilizzate per velocizzare le azioni compiute dai personaggi quando non sono in vista (le azioni vengono scritte sulla scheda invece che impostate con le carte).
Sezione VI: una breve sezione che spiega come giocare le campagne (gruppi di scenari collegati tra loro).
Sezione VII: viene illustrato il sistema per gestire una campagna con miglioramenti nelle abilità dei personaggi (con la gestione del denaro, tempo libero, notorietà e rispetto).
Sezione VIII: una serie di regole opzionali per utilizzare cavalli, carri, diligenze, dinamite e personaggi automatici (Gunslinger può essere giocato anche in solitario).

Agli appassionati consiglio anche di cercare di recuperare il numero della rivista “The General” dedicata a Gunslinger (volume 19, numero 3), in cui potete trovare otto scenari da torneo, uno partita commentata, una mini-FAQ, le caratteristiche di molte armi aggiuntive (tra cui il lazo e la frusta) e le regole per vari animali (“longhorn”, bisonti, puma, grizzly e serpenti).

Collegamento alla Scheda del Gioco: 
Score: 
8.09
Hits: 
3 690
Pro: 

L’atmosfera del Far West è ricreata a livelli da gioco di ruolo.
Ottimo grado di realismo, sia nel meccanismo di gioco che nella ricostruzione degli scenari storici.

Contro: 

Dato che si tratta di un titolo fuori produzione si può reperire solo di seconda mano.
Gli scenari complessi possono durare a lungo.
Traduzione in italiano a volte poco chiara.

Contenuto: 

Otto plance rettangolari a griglia esagonale, doppia faccia; su una faccia è presente un ambiente urbano, con saloon, banca, prigione ed edifici vari, mentre sull’altra è rappresentato un ambiente selvaggio con colline, canyon e alberi. Sette mazzi di carte (uno per ogni giocatore) da usare per indicare le azioni dei personaggi. Un mazzo di carte per la risoluzione di attacchi ed eventi casuali. Un blocco di schede da usare per indicare la locazione delle armi, il loro munizionamento e i valori delle abilità dei personaggi. Pedine per i personaggi, le armi e gli oggetti presenti nello scenario; in più ci sono pedine per indicare i livelli di mira e di ritardo nelle azioni.

  • su
    50%
  • down
    50%