L'Europa: Due Giochi per Conoscere il Continente Viaggiando

Autore: 
Immagine copertina: 
Voto Recensore: 
6

Lo scopo del gioco è attraversare l'Europa e completare il proprio itinerario sulla plancia "Itinerari" in dotazione.
La plancia possiede due versioni: una politica e una fisica. Ogni itinerario mantiene la propria partenza presso una capitale europea, ma varia le località obiettivo in base alla versione usata della mappa.

A ogni turno un giocatore pesca una carta rossa e può muoversi con una combinazione dei valori dei mezzi di trasporto segnati (auto, traghetto, aereo).
Poi legge il testo della carta e lo esegue.
Per l'auto e il traghetto i valori sono numerici cioè ci si può muovere al massimo di un numero di spazi segnato sulla carta.
Per gli aerei son presenti 3 simboli in mappa: triangolo, rettangolo e quadrato. Ogni carta ha rappresentato uno di questi simboli per cui il giocatore di turno può prendere l'aereo solo da un aeroporto con quel simbolo.

Ogniqualvolta che un giocatore raggiunge una località del suo itinerario, pone un piolino sulla plancia in dotazione sul nome della località e il giocatore alla sua destra pone la domanda sulla località: se il giocatore di turno saprà rispondere non salterà il turno successivo.


Nota: il gioco che possiedo è degli anni Ottanta perché la Germania viene rappresentata ancora divisa.

Pro: 

Può essere interessante perché si possono scoprire luoghi o fatti che non si conoscono.

Contro: 

Alla lunga le domande si ricordano a memoria.

Contenuto: 

plancia di gioco, 52 carte rosse, 6 carte "Sigle Nazioni", 6 carte "Città di Partenza", 6 plance "Itinerari", 6 segnalini, 80 piolini in plastica e il regolamento.

Score: 
0.00
Hits: 
2 673

Commenti

Fcw Mer, 16 Nov 2011 - 11:44

[voto 5] - Voto basato su parecchie (da 5 a 20) partite

Me lo ricordo.
Gioco per bambini, per l'epoca non era male...
Oggi credo sia un pezzo da collezione.
Tendenzialmente concordo col recensore, anche se non me la sento di dare una sufficienza piena: c'era comunque di meglio anche negli anni '80.

complicare a monte per semplificare a valle

www.speculumatrum.it