Master Thieves

Autore: 
Immagine copertina: 
Voto Recensore: 
9

Appena arrivata la scatola mi è scesa la lacrimuccia, già dalla scatola si capisce che questo più che un gioco è un oggetto d’arte; tutta in legno con l’apertura tipo vecchia cassapanca.
Appena aperta la scatola, altra lacrimuccia, il portagioie di legno con tutti i cassettini è bellissimo e di un eleganza unica.
Poi tutti gli altri componenti che comunque sono all’altezza della qualità del gioco, a partire dalle pietre fino alle carte (i personaggi ritratti sulle carte sono amici dell’autore).

Asciugata la bavetta passo a descrivere il gioco che in verità è semplice ma molto tattico e di memoria.
Ogni giocatore parte con un set di pietre “false”, che dovrà sbolognare durante la partita all’interno del portagioie, che funziona come un “purificatore”: le pietre che vengono messe dentro sono false, e quando escono sono vere!

Poi ad ogni giocatore vengono date anche: una carta sommario dei personaggi, un allarme del colore scelto, e una carta per personaggio presente nel gioco (cioè 6); queste carte hanno un numero stampato sopra che servono per indicare l’ordine di gioco quando vengono giocate.

Le pietre più preziose nel gioco sono i Rubini che vengono inseriti nel portagioie prima di iniziare la partita, con una procedura ben definita.

Il turno in sostanza è questo, tutti i giocatori selezionano una carta dalla loro mano e quando tutti hanno scelto si scoprono insieme, se più giocatori scelgono lo stesso personaggio la precedenza viene data a chi ha giocato il numero più basso di quel personaggio; poi seguendo il sommario dei personaggi (tipo citadels) si controlla chi ha giocato i Contrabbandieri, poi il Gioielliere, la Specialista di gioielli, il Ladro, il Maestro dei Ladri ed infine il Detective.

Ogni giocatore dopo avere fato l’azione e se niente è caduto dal cassetto (tranne chi ha giocato il Detective), può ruotare il portagioie e/o capovolgerlo per confondere le idee agli avversari.

Ogni personaggio naturalmente ha una caratteristica:
Contrabbandiere
Il contrabbandiere permette di prendere i gioielli che sono nel cassettino, e di mettere una propria pietra falsa in uno dei cassettini (non quelli con il doppio fondo), a patto che nell’aprire non sia caduta nessuna pietra o allarme, nel caso cadano pietre, il contrabbandiere finisce il turno e mette le pietre cadute sul cuscino rosso;

Gioielliere
Il gioielliere può mettere una pietra falsa nel cassettino ed anche il suo allarme, naturalmente se niente cade;

La Specialista di Gioielli
Mette sempre la pietra nel cassettino, anche se cade qualcosa, inoltre mette una pietra supplementare per ogni Detective presente in quella manche;

Il Ladro
prende tutte le pietre che sono nel cassettino aperto, se non cade niente ovvio;

Il Maestro dei Ladri
E’ il solo che può guardare nello scompartimento segreto (dove ci sono i Rubini), può scegliere, se fermarsi al primo scompartimento del cassetto e prendere eventuali pietre trovate, oppure tentare il colpo guardando lo scompartimento segreto ed eventualmente prendere anche il Rubino. Naturalmente se cade qualcosa non può fare niente;

Il Detective
Il Detective può solamente dividere con i “colleghi” eventuali pietre che sono sul cuscino rosso alla fine della manche. Va detto che alla fine della manche i Detective possono dividersi le pietre soltanto se sono stati in numero superiore ai Contrabbandieri, in caso di pareggio o in inferiorità sono i Contrabbandieri che si spartiscono le pietre.

Finita la manche, tutti i giocatori passano le loro carte al giocatore alla propria sinistra, e poi si ricomincia.

Il gioco finisce quando un giocatore finisce le pietre false che ha sul cuscino bianco. Si contano le pietre e chi ha più punti vince, in caso di parità vince chi ha più rubini.
Il valore delle pietre è: Rubini 4 punti, Zaffiro 2 punti ed il Diamante 1 punto; ma al totale i giocatori devono sottrarre i punti negativi delle eventuali pietre false rimaste.

Pro: 

Divertente, originale, bello a vedersi anche come oggetto d’arte.

Contro: 

È essenzialmente un gioco di memoria, giocarlo fino in otto come dice la scatola secondo me è impensabile, il numero giusto è fino a 5 giocatori.
Può diventare noioso se non giocato con lo spirito giusto, dato che anche le meccaniche di gioco sono ripetitive.
Il prezzo per molti è proibitivo, circa € 100.

Contenuto: 

Un “portagioie” in legno suddiviso in tre livelli rotanti, con tre cassettini su ogni livello; un mazzo di 48 carte personaggio; delle imitazioni di pietre preziose in 3 colori (rosso, blu, trasparente); un cartoncino sommario di gioco per giocatore; 8 pedine allarme per ogni giocatore; 8 cuscinetti neri, 8 bianchi ed 1 rosso per le pietre; un regolamento.

Score: 
7.52
Hits: 
3 740