Munchkin

Mostra Recensione

Ambientazione
Munchkin riprende il tema dei giochi di ruolo fantasy in una esilarante parodia di quei giocatori che, disinteressandosi di ogni aspetto interpretativo, pensano solo a conquistare livelli di esperienza uccidendo mostri, catturando tesori e magari giocando qualche tiro mancino ai compagni d'avventura. Ogni giocatore rappresenta all'inizio un personaggio di razza umana e senza classe (!!), il cui scopo è quello di raggiungere il 10° livello: il primo ad ottenere questo risultato è il vincitore.

Il Gioco
Nel gioco vi sono due mazzi di carte, uno per il labirinto ed uno per i tesori; all'inizio del gioco ognuno ha due carte per tipo come mano iniziale. Nel proprio turno, ogni giocatore deve per prima cosa aprire una porta del labirinto, girando una carta dal mazzo: se si tratta di un mostro, occorre combatterlo, se si tratta di una maledizione, questa avrà effetto immediato, mentre negli altri casi la carta può essere giocata o aggiunta alla propria mano. Se aprendo la porta il giocatore non ha incontri, può giocarne uno dalla propria mano e combatterlo, altrimenti potrà frugare la stanza pescando un'altra carta dal mazzo del labirinto, che potrà aggiungere alla propria mano. Al termine del turno, se la mano del giocatore supera le cinque carte, quelle in eccesso devono essere date al giocatore di più basso livello del party.

Combattere i mostri serve per guadagnare esperienza: ogni volta che il giocatore uccide un mostro, guadagna un livello (o due in rari casi). Ogni carta che rappresenta un mostro ne indica il livello e le eventuali conseguenze in caso di sconfitta, più eventuali bonus/malus secondo la razza e la classe del personaggio, ed infine quante carte tesoro si guadagnano in caso di successo. Per vincere il combattimento, il livello del personaggio, sommato ai bonus degli eventuali oggetti posseduti, deve essere maggiore di quello del mostro; poiché l'impresa è spesso difficile, il giocatore di turno può chiedere l'aiuto di un compagno, con il quale potrebbe dividere i tesori conquistati (ma non il livello), in modo da sommare i loro valori. Se il mostro non viene battuto, il personaggio deve tentare di fuggire, perdendo la possibilità di frugare la stanza; in caso di insuccesso nella fuga, si verificano le conseguenze negative riportate sulla carta. Se un personaggio muore, perde tutto il suo equipaggiamento, ma mantiene il livello, la classe e la razza.

A completare la panoramica di gioco, vi sono le carte delle classi e delle razze per i giocatori, che danno vantaggi e abilità speciali diverse; è anche possibile, con le carte giuste, trovarsi ad essere bi-classe o bi-razza! Infine, i tesori possono essere giocati ed utilizzati per avere dei bonus oppure scambiati con gli altri giocatori, o ancora venduti per acquistare ulteriori livelli di esperienza...

Considerazioni
Il successo di Munchkin è stato tale che ha dato vita a numerosi "spin-off" con le più comuni ambientazioni ludiche (Lovecraft, Vampiri, Nippo, ecc..) mantenendo intatto il meccanismo di gioco.
Proprio questo meccanismo segna il passo alla lunga: infatti l'appeal maggiore resta quello umoristico e citazionistico che nel tempo inevitabilmente scema per lasciare spazio ad un gioco piuttosto piatto e scarno, ma soprattutto potenzialmente eterno (ho visto partite superare agevolmente i 90 minuti) ed ingiustificato per lo spessore.

Recensione integrata by Lobo

Collegamento alla Scheda del Gioco: 
Score: 
6.84
Hits: 
47 994
Pro: 

Munchkin è un gioco semplice e rapido, facile da imparare, e decisamente divertente. Tutto è improntato all'insegna del più spinto umorismo, dalle immagini ai nomi degli oggetti e dei mostri, alle descrizioni degli eventi, quasi sempre paradossali. Chiunque abbia avuto esperienze di gioco di ruolo non potrà fare a meno di ridere mentre gioca... In sintesi, vi ritroverete a giocarlo più e più volte, ed ogni partita sarà diversa e divertente.

L'espansione aggiunge un tale quantitativo di carte che il mazzo viene quasi raddoppiato. La qualità è dello stesso livello del gioco base, ma l'aggiunta è indispensabile per dare una maggiore variabilità alle partite e ridere ancora più di gusto.

Contro: 

Qualche piccola imprecisione nel regolamento può rendere necessario un approfondimento dopo la prima partita, anche se è in genere facile risolvere questi dubbi. Per il resto, va considerato il prezzo ($24,95 per il gioco e 16,95$ per l'espansione), che è un po' alto per un gioco di sole carte. Forse la Steve Jackson poteva risparmiare qualcosa eliminando l'inutile confezione boxed...

Contenuto: 

mazzo di 168 carte e il regolamento.

  • su
    50%
  • down
    50%