Path Merry Christmas

Mostra Recensione

Piccola premessa:
Path è stato stampato e farà la sua presentazione ufficiale all'Area Autoproduzione di Ludica Milano 11-13 marzo 2011. L'autore mi ha spedito una copia e devo dire che la grafica delle carte e la stampa delle stesse è davvero molto buona.
Il gioco? Lo abbiamo giocato e ci è piaciuto: molto più bastardo della grafica natalizia che lo veste. Ecco a voi Path Merry Christmas!

Ambientazione
Scegliete se essere Babbo Natale, la Renna Rudolph, l'Elfo o il Pupazzo di Neve!
Tutti splendidamente illustrati "in 3D" dall' autore del gioco. Sembrano gli omini focaccina appesi a torciglioni gommosi, davvero originali e disegnati molto bene, direi uno dei punti di maggior "richiamo pubblico femminile-bambini-e non solo" per questo titolo.

Il Gioco
Per vincere occorre fare più punti possibile collegando le stanze, unendole con i corridoi dove compare sempre il nostro personaggio.

Iniziando dal più giovane, ogni giocatore sceglie a turno il proprio personaggio preferito. Con due giocatori, ognuno sceglie due personaggi. La Stanza "Start" va posizionata al centro del tavolo, scoperta. Il giocatore più giovane inizia come mazziere e distribuisce cinque carte per giocatore.
Il primo giocatore, alla sinistra del mazziere, inizia posizionando un corridoio sul tavolo, collegandolo alla carta "Start". Il corridoio rappresenta l'inizio di un percorso (da cui "path" appunto) che dovrà unire due stanze.
Al termine del turno, il giocatore pesca una nuova carta dal mazzo.

Il secondo giocatore può:
- proseguire il corridoio iniziato, giocando un'altra carta Corridoio vicino a quella già sul tavolo;
- chiudere il corridoio iniziato con una stanza da 1 punto;
- iniziare un nuovo percorso in una nuova direzione.

Ogni volta che viene giocata una Stanza, il mazziere prende nota dei punti raccolti da ogni giocatore.
Occhio che soltanto i personaggi presenti in ogni carta corridoio che forma il percorso tra due stanze guadagnano i punti scritti sulla stanza appena giocata!

Le stanze possono essere giocate dopo un percorso composto da un numero di carte corridoio uguale al numero di punti scritto sulla carta:
un percorso da 1 corridoio può esser chiuso solo da una stanza da 1 punto;
un percorso da 2 corridoi può esser chiuso solo da una stanza da 2 punti;
un percorso da 3 corridoi può esser chiuso solo da una stanza da 3 punti.
Ovvero non potete "chiudere" con una stanza da 3 punti un corridoio formato solo da una o due carte.

Il giocatore può sempre posizionare qualunque tipo di Corridoio, anche se non è presente il proprio Personaggio. Se un giocatore non può posizionare nessuna carta, pesca comunque una carta e passa il turno al giocatore alla sua sinistra.

Quando finisce il mazzo, si continua a giocare le carte in mano fino ad esaurirle.
Vince chi alla fine... ha più punti!

Considerazioni
Non fatevi ingannare dalla grafica paciosa e natalizia, questo è un gioco parecchio cattivello, specialmente se lo giocate non in relax da post pranzo natalizio ma per vincere.
La strategia nel gioco non è solo costruttiva (creare percorsi con il nostro personaggio), ma anche e soprattutto distruttiva. Se un giocatore sta costruendo un percorsco da 2 carte, la mossa bastarda è giocargli la terza carta del percorso dove il suo personaggio non compare più.
Considerando che su ogni carta ci sono sempre 3 personaggi state sempre molto attenti a chi avvantaggiate e chi ostacolate!
Al proprio turno si hanno sempre molte scelte e questo mi piace di un gioco, anche semplice come questo.

Le possibilità di sviluppo dei percorsi in varie direzioni, crea sotto gli occhi dei giocatori una rete di opzioni davvero divertente da tenere sempre sotto controllo.

Sul regolamento trovate anche alcune varianti per movimentare il gioco ma direi che già così Path è molto divertente, immediato e giocabile con soddisfazione da tutta la famiglia.
Insomma Straconsigliato per bambini e famiglie.

Questo suggerimento sulle regole è ottimo:
"E' bene effettuare subito la somma parziale dei Punti accumulati da ogni giocatore, in modo da capire chi è in vantaggio. E' suggeribile utilizzare delle pedine colorate su di un tabellone pre numerato."

Nel nostro mazzo, con la carta bianca in dotazione, abbiamo realizzato un piccolo, ma efficace segnapunti a percorso.

Reperibilità? Come ogni gioco di Area Autoproduzione contattate direttamente l'autore. Ancora meglio, venite a provare i giochi, spiegati e giocati insieme agli autori nelle tante fiere che invitano questa idea, sul link di seguito il calendario del 2011:
http://warangel.it/11i.htm.

Score: 
0.00
Hits: 
2 658
Pro: 

Eccellente l'idea del gioco in sè, semplicissimo, interattivo e pieno di scelte, che può essere "vestito" non solo con i personaggini natalizi perfetti per le feste sotto la neve, ma anche con versione chessò "Halloween" buona per carnevale e tutto l'anno.
Prezzo abbordabilissimo (10 euro).

Contro: 

Ovviamente troppo semplice per giocatori esperti ed esigenti.
La scatoletta di questa prima edizione è un po' fragile, anche come grafica, non all'altezza delle carte che sono ottimamente riuscite sia nella grafica sia nei materiali.

Contenuto: 

mazzo di 54 carte così composto: 1 carta stanza "Start", 4 carte stanza da 1 punto, 4 carte stanza da 2 punti, 4 carte stanza da 3 punti, 10 carte corridoio con sfondo rosa (dove ci sono tutti i personaggi tranne Babbo Natale), 10 carte corridoio con sfondo giallo (dove ci sono tutti i personaggi tranne la Renna), 10 carte corridoio con sfondo verde (dove ci sono tutti i personaggi tranne l'Elfo), 10 carte corridoio con sfondo celeste (dove ci sono tutti i personaggi tranne il Pupazzo di Neve), 1 carta bianca di riserva e 1 foglio delle regole.

  • su
    50%
  • down
    50%