Rattle Snake

Autore: 
Immagine copertina: 
Voto Recensore: 
7

Ambientazione
Il titolo si riduce ad un semplicissimo gioco di abilità di piazzamento manuale.

Il Gioco
Il tabellone rappresenta un intrigo di serpenti di cinque differenti colori (blu, rosso, giallo, verde, grigio) ognuno dei quali è disegnato con una diversa e caratteristica espressione del viso così da facilitare maggiormente la comprensione anche per chi ha difficoltà a distinguere visivamente i colori.
Ogni giocare inizia la partita con una identica dotazione di uova magnetiche (3 per partite a quattro giocatori, 4 per partite a 3 giocatori e 6 per partite a due giocatori) le quali tendono (fortemente) ad attrarsi e (debolmente) a respingersi.

Scopo del gioco è quello di riuscire a piazzare tutte le proprie uova di serpente sul tabellone per primo.
Nel proprio turno ciascun giocatore lancerà il dado, che riporta su ciascuna faccia un serpente (ad eccezione del blu che è presente su due lati) e dovrà piazzare uno dei suoi ovetti sopra un serpente del colore sorteggiato avendo cura di non far unire fra loro i pezzi che già si trovassero disposti e nemmeno di farli uscire dal tabellone. Chi incorresse in uno dei due casi sarebbe infatti costretto a riprendere tutte le uova unite o uscite dal tabellone e a ripetere il suo turno. Tutto qua!

onsiderazioni
In conclusione il gioco è divertente e rapidissimo da spiegare e giocare, ovviamente a patto di non attendersi da questo titolo niente di più che un quarto d’ora di spensierato svago.

Pro: 

Essenziale ed immediato nell’apprendimento e nello svolgimento.
Colorato e divertente nei materiali e certamente adatto ai bambini di età scolare e prescolare.

Contro: 

Apparentemente nessuno, se si valuta il gioco per quello che è vale a dire un filler di sola abilità manuale.

Contenuto: 

12 uova di serpente magnetiche, 1 dado speciale, tabellone e il regolamento.

Score: 
6.51
Hits: 
3 662

Commenti

Ritratto di nonnopuffo nonnopuffo Gio, 26 Giu 2014 - 15:14

[Voto 5] Un gioco che non ti salva la serata, ma ti fa fare due risate. Un gioco adatto a tutti, ai bambini in modo particolare. Proprio per questo raggiunge il suo apice di "demenzialità" e divertimento solo se giocato dagli adulti.