Risiko Più

Autore: 
Immagine copertina: 
Voto Recensore: 
4

Il tabellone di gioco è suddiviso in 6 differenti imperi (Britannico, Francese, Ottomano, Germanico, Francese, Austro Ungarico e Russo) ed ogni impero è suddiviso in territori oltre agli imperi sono presenti tre blocchi di stati indipendenti (Nord Europa; Sud Europa e penisola Iberica).
Scopo del gioco è occupare interamente almeno tre imperi.

Ad ogni giocatore viene assegnato casualmente un impero che viene occupato con una armata per territorio e sul quale viene piazzata la fortezza.
I giocatori piazzeranno a turno una armata per ogni territorio rimasto libero e successivamente, occupati tutti i territori, piazzeranno le rimanenti armate a gruppi di 5.

Ogni giocatore segnerà su un foglio di carta il nome di un territorio dal quale potranno, nelle fasi successive del gioco, partire le “armate nascoste”. Le armate nascoste possono essere piazzate in qualsiasi momento della partita ma solamente se il territorio è occupato dalle proprie armate.

Vengono distribuite tre carte ad ogni giocatore.
Le carte sono:
- I Rinforzi che consentono di avere delle armate aggiuntive, il primo a giocare questa carta prenderà 3 armate, successivamente si incrementa di una armata per ogni carta di questo tipo giocata fino ad un massimo di 14;
- La Spia consente di guardare le carte di un avversario ed eliminarne una;
- Il Generale in fase di attacco aumenta di uno il dado più alto, la carta viene persa se l’avversario ottiene un punteggio uguale o più alto;
- Il Maresciallo ha la stessa funzionalità della carta generale, solamente viene usata in difesa;
- L’Ammiraglio permette di attaccare qualunque territorio confini con il mare;
- Il Diplomatico obbliga alla tregua un avversario.

Le fasi di gioco sono:
1) Prendere le armate di rinforzo;
2) Pescare le carte fino ad averne tre;
3) Giocare una o più carte;
4) Attaccare;
5) Spostare le armate.

Le armate di rinforzo vengono prese secondo le seguenti regole: 2 per ogni vessillo avversario conquistato, 4 per ogni blocco di territori indipendente occupato, 6 per ogni Impero occupato interamente, 15 se si controllano tutte e tre le zone indipendenti ed un numero variabile da 3 a 14 se si gioca la carta rinforzi.

Le battaglie avvengono con il classico sistema tipico del Risiko, tranne quando si attacca la fortezza avversaria che può essere attaccata con solo due dadi.
Il giocatore che conquistata una fortezza si impossessa del vessillo dell’avversario (2 armate in più nella fase di rinforzo) e delle carte, toglie tutte le armate dell’avversario e se vuole può occupare con le proprie armate presenti sul tabellone gli stati lasciati vuoti.

Il gioco nato come variante del più famoso Risiko, pur essendo simpatico per alcune particolarità di gioco, quale le armate segrete, non è assolutamente all’altezza del predecessore.

La partita procede in genere con molta lentezza (ed un po’ di noia) e solamente quando uno dei giocatori cerca di rompere l’equilibrio tra i vari imperi la partita si avvia ad una rapidissima conclusione; bisogna anche dire che in genere il primo giocatore a rompere l’equilibrio ben difficilmente sarà il vincitore della partita, in sostanza sono gli altri a cogliere i frutti del suo lavoro.

Pro: 

Grandi pregi non ne vedo e francamente non mi sento di consigliarlo.

Contro: 

Non ha la classe del Risiko.

Contenuto: 

1 tabellone, 6 gruppi di armate in 6 diversi colori, 6 fortezze, 6 vessilli, 1 mazzo di carte (12 rinforzi, 7 spie, 8 generali, 6 Ammiragli, 8 Marescialli e 7 Diplomatici), 1 nave ed il regolamento.

Score: 
5.54
Hits: 
12 057