Saludos Amigos!

Autore: 
Immagine copertina: 
Voto Recensore: 
7

In questo gioco i giocatori impersonano dei membri del consiglio comunale corrotti, che tentano di fare più soldi possibile, speculando sui progetti di costruzioni che si susseguiranno nel gioco.

Ad ogni giocatore viene data una dotazione di 1 dado e 3 carte Membro del consiglio (di seguito MC), mentre tutti i pedoni vengono messi sul tracciato dei milioni/punti.
Il tabellone rappresenta una verde collina della Bavaria, con delle costruzioni che scompariranno sommerse dal cemento delle speculazioni edilizie dei giocatori; le costruzioni in tutto sono sei e di vario taglio, e vanno dalla più piccola fontana (1 tessera), fino ad un palazzo enorme (6 tessere).

Dopo aver messo le tessere edificio ed i giornalisti nel sacchetto, il primo giocatore pesca una tessera da posizionare sul tabellone; la tessera pescata ha un numero stampato sul retro che ne definisce il valore base, al quale va aggiunto un +1 per il fatto di averla pescata, e +1 per ogni tessera di quell’edificio che si trova sul tabellone.

Stabilito il valore in milioni della tessera, tutti i giocatori lanciano il loro dado e lo mettono davanti alle loro carte per determinare la propria forza (es. tiro dado 4 + nr. 3 carte del giocatore = 7 come forza di negoziazione), nel caso che il tiro del dado non garbasse, si può ritirarlo al prezzo di una carta MC che si ha davanti a se, e si può ritirare il dado quante volte si vuole, purché si disponga ancora di carte da pagare.
Da notare che le carte, in questa fase, vengono prese in considerazione soltanto come numero e non come valore stesso della carta, detto valore sarà usato più tardi nel gioco.

Da questa contrattazione che si presume sia concitata (si consiglia di mettere un tempo limite alle contrattazioni), scaturirà una coalizione di maggioranza che avrà deciso di spartire “a voce” i milioni della tessera edificio.
Se il totale della forza di negoziazione è talmente alto da far desistere gli altri giocatori, allora la fase si conclude e la fazione di maggioranza avanza i propri segnalini sul tracciato dei milioni; gli altri giocatori, invece pescano una carta dal mazzo delle carte MC e la mettono accanto alle altre che hanno.

Se invece gli altri giocatori ritengono che il totale della forza di negoziazione della maggioranza possa essere ribaltata, allora devono chiamare una riunione del Consiglio, per fare questo un giocatore avanza una sua carta MC (coperta).
Si totalizza la forza di negoziazione dell’opposizione ed il segnalino apposito viene messo sul tabellone; ora tutti i giocatori che vogliono partecipare al Consiglio (non quelli della maggioranza), devono spingere in avanti una loro carta MC.
Adesso tutti, maggioranza ed opposizione, prendono in mano le proprie carte, le scelgono in base al valore che vogliono giocare, e simultaneamente le giocano sul tavolo coperte; a questo punto si girano e si sommano i valori scritti sulle carte MC, si aggiorna di conseguenza la forza delle due fazioni sul tracciato presente sul tabellone, e se l’opposizione ha battuto la maggioranza allora vince questa fase, in tutti gli altri casi vince la maggioranza.

Tutte le carte giocate nel consiglio vengono scartate senza ripescarne.

Una menzione speciale va fatta per i giornalisti, se ne viene pescato uno, sono dolori, a questo punto si controlla il giocatore che ha meno carte davanti a se, e giocatore per giocatore ognuno porta indietro il proprio pedone della differenza con le proprie carte MC rispetto al giocatore che ne ha di meno (es. Carlo ha meno carte di tutti (2), e Gianni che ne ha 5 indietreggia il proprio pedone di 3 caselle...).

Il giornalista pescato viene rimesso nel sacchetto, a meno che non sia stato costruito il 3° edificio sul tabellone, in questo caso ogni volta che viene pescato il giornalista viene messo sul tabellone nello spazio appposito; all’uscita del secondo giornalista con il terzo edificio costruito il gioco finisce.

C’è un altro modo in cui può finire il gioco, quando viene estratta la tessera edificio che completa il quarto edificio, in questo caso non avviene nessuna negoziazione, ma viene dato un bonus finale; per assegnare questo bonus, si sommano i valori delle carte che ognuno possiede e chi ha il più alto valore prende i milioni del valore della tessera pescata.

Naturalmente vince chi è più avanti sul tracciato dei soldi.

Pro: 

È divertente, molto divertente se siete un gruppo di giocatori che hanno voglia di parlare, intrigare, fare bastardate, corrompere gli altri giocatori etc. etc.
I componenti sono nella norma per i giochi della Goldsieber dell’epoca (1996).
Si può giocare fino in sette.
È indipendente dalla lingua nella maniera più assoluta, fatta eccezione per il regolamento.
Il tema è astratto ma è presente.

Contro: 

Naturalmente a chi non piace negoziare, fare / subire bastardate e corrompere odierà questo gioco.
Non si può giocare in meno di quattro giocatori, ed il mio consiglio è che il numero ottimale sia 6/7.

Contenuto: 

tabellone di gioco, 1 segnalino maggioranza (boccale di birra), 1 segnalino di opposizione (in cartoncino), 7 dadi in sette colori differenti e 7 pedoni in legno in sette colori differenti, 56 carte "Membro del Consiglio" con numeri da 1 a 3, 1 sacchetto nero, 21 tessere edifici e 3 tessere giornalista ed il regolamento.

Score: 
0.00
Hits: 
1 531