Senator

Autore: 
Immagine copertina: 
Voto Recensore: 
7

In Senator ciascun giocatore impersona un senatore che deve dibattere una serie di agende all'ordine del giorno al fine di conquistare abbastanza potere per farsi proclamare imperatore.

Le votazioni si svolgono utilizzando le carte influenza in un sistema che ricorda quello dell'asta: chi vince il dibattito sfrutta il potere speciale connesso all'agenda ottenuta e decide se conseguire l'agenda o se invece assegnarla ad un altro senatore. Non tutte le agende sono però compatibili: alcune sono in conflitto con altre e nel momento in cui un senatore si trova a possederle deve scartare tutte le agende in conflitto.

La durata è prestabilita (tre turni) e vince chi ha ottenuto più agende.

Il gioco viene reso più ricco e complesso dagli eventi che vengono pescati ogni turno e che variano alcune regole, dalla carta "assassino" che può sbilanciare una strategia ben studiata, dal segnalino "veto" che permette di rifiutare un'agenda assegnata (in modo da evitare conflitti), dalla carica di console che permette di completare le agende conseguite.

Pro: 

Rapido, sfaccettato, pieno di dinamismo e -volendo - di interazione; compulsivo! Un titolo valido che si gioca in 30-40 minuti.

Contro: 

Se qualcuno si aspetta che l'ambientazione sia resa ai livelli di "Republic of Rome" rimarrà deluso

Contenuto: 

35 carte influenza (7 per ciascuno dei 5 colori), 6 carte evento, 30 segnalini obiettivo (5 per ciascuno dei 6 obiettivi), 5 segnalini pergamena, 2 segnalini console, 1 segnalino veto ed il regolamento.

Score: 
5.67
Hits: 
3 531